BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Agevolazioni, detrazioni, tasse casa 2016: ristrutturazione bonus casa,mobili,affitto, comprare con leasing, Tasi e Imu cancellate

Sono diverse le novità per la casa decise per quest’anno 2016, dalla cancellazione di Imu e Tasi, alla proroga dei bonus edilizia e mobili, alla novità del leasing immobiliare: cosa è previsto e per chi




Sono diverse le novità per la casa decise per quest’anno 2016, dalla cancellazione di Imu e Tasi, alla proroga dei bonus edilizia e mobili per tutto questo ulteriore anno, alla novità del leasing immobiliare. Vediamo di capire norme e regole di ogni novità approvata, partendo dalla proroga delle detrazioni fiscali del 65% e del 50% sui lavori di ristrutturazione edilizia e per l’efficientamento energetico e per il bonus mobili 2016. Innanzitutto, è bene chiarire che per usufruire delle detrazioni, bisogna obbligatoriamente effettuare pagamenti tramite bonifico parlante e altri strumenti tracciabili, da carte bancomat a carte di credito e sarà necessario conservare scontrini, ricevute o qualsiasi altro documento bancario che testimoni l’effettiva spesa sostenuta. Nel caso di pagamento in contanti non sarà riconosciuta alcuna agevolazione.
 
Le detrazioni fiscali del 65% sono previsti per gli interventi di efficientamento energetico e di adeguamento antisismico degli edifici e possono essere detratte le spese sostenute per installare nuovi climatizzatori e caldaie, pannelli solari per la produzione di acqua calda, per la sostituzione di porte e finestre, per realizzare pavimenti o per la rimozione dell’amianto; ma anche le spese sostenute per interventi sull’involucro dell’edificio che permettono di ottenere una riduzione della trasmittenza termica, compresi infissi, finestre e schermature solari, cioè le tende esterne, la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti più efficienti e i lavori di adeguamento antisismico degli edifici adibiti a prima casa e ad attività produttive ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità.

Quest’anno le detrazioni al 65% valgono anche per gli enti di gestione delle case di edilizia residenziale pubblica e gli ex Iacp, che potranno anche utilizzare un fondo di 170 milioni di euro per le manutenzioni. Inoltre, sempre da quest’anno, è possibile usufruire delle agevolazioni fiscali anche nel caso in cui si cambia abitazione, acquistandone una nuova dopo aver già fruito di sgravi tributari precedentemente. Prorogata per tutto il 2016 anche la detrazione fiscale del 50% sugli interventi di ristrutturazione e per l’installazione dei pannelli fotovoltaici. Il tetto massimo di spesa su cui calcolare la detrazione resta fissata anche per quest’anno a 96.000 euro.

Prorogato per tutto il 2016 anche il bonus mobili, con una detrazione del 50% su una spesa massima di 10 mila euro rimborsabile in 10 anni per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici ad alta efficienza energetica relativi all’arredamento di un’abitazione oggetto lavori di ristrutturazione. Il bonus mobili quest’anno è destinato anche alle giovani coppie under 35 conviventi o sposate da almeno 3 anni che abbiano acquistato casa e senza necessità di lavori di ristrutturazione edilizia in corso. Possono usufruire della detrazione solo le coppie acquirenti di una casa e il tetto massimo di spesa è di 16.000 euro, per uno sconto del 50% da spalmare su 10 anni.

Le novità casa 2016 contemplano anche la possibilità di acquisto di immobili in leasing, esattamente come avviene per le automobili, che prevede che la banca, o altro intermediario finanziario, acquisti o faccia costruire l’immobile secondo le indicazioni dell’utilizzatore, per poi metterlo proprio a disposizione di quest’ultimo per un periodo di tempo definito. Dal canto suo, l’utilizzatore dell’immobile deve versare un canone definito sulla base del prezzo di acquisto o di costruzione e della durata del contratto.

Alla scadenza del contratto, l’utilizzatore potrà scegliere se versare una maxirata finale per il diretto acquisto dell’immobile ad un prezzo stabilito; chiedere l’allungamento del contratto di locazione finanziaria o rinunciare definitivamente all’acquisto. Il leasing immobiliare, che permette, riassumendo, di pagare l’affitto per un periodo di tempo e poi eventualmente acquistare una casa, è stato pensato essenzialmente per i giovani di età inferiore a 35 anni con un reddito complessivo non superiore a 55.000 euro all’atto della stipula del contratto di locazione finanziaria che non sono proprietari di immobili a destinazione abitativa.

Chi rientra in questa categoria può acquistare la casa in leasing ottenendo una detrazione Irpef del 19% sui canoni fino a 8.000 euro all’anno e una detrazione sempre del 19% calcolata su un massimo di 20.000 euro sul pagamento del prezzo di riscatto finale. Non solo proroga dei bonus edilizia e mobili 2016 ma anche novità per Imu e Tasi: da quest’anno, infatti, Imu e Tasi non si pagano più sulle prime case: se per l’Imu non si tratta di una novità, per la Tasi sì.

Cancellata, di nuovo, poi l’Imu su tutti i terreni agricoli, indipendentemente dalla loro ubicazione in base alla classificazione Istat, e sugli imbullonati, mentre la Tasi è stata cancellata anche per gli inquilini, nel caso in cui non siano proprietari già di un altro immobile, ma, come l’Imu, continuerà ad essere pagata su seconde case e pertinenze, prime case di lusso, castelli, palazzi, ville, e tutti gli altri immobili, terreni compresi per quanto riguarda la Tasi.

Non pagano più Imu e Tasi le prime abitazioni dei residenti all’estero, l’ex casa coniugale che il giudice ha assegnato in caso di separazione, immobili di anziani o disabili che fissano la residenza in istituti di ricovero o sanitari, mentre sono previsti sconti Imu e la Tasi del 50% sugli immobili concessi in comodato d’uso gratuito ai parenti in linea retta entro il primo grado, purchè l’immobile sia utilizzato come abitazione principale e che il contratto di comodato sia registrato; e sconti Imu e Tasi del 75% per gli immobili concessi in locazione a canone concordato. Per coloro, invece, che dovranno continuare a pagare Imu e Tasi non cambiano le regole di calcolo di entrambe le imposte rispetto a quanto previsto negli anni scorsi, per cui si continuerà a pagare con bollettino postale o compilando il modello F24 e in due rate, quella dell’acconto di giugno e quella del saldo di dicembre.

Non pagano l’Imu nemmeno gli appartenenti alle forze dell’ordine che, pur possedendo un’abitazione, devono trasferirsi in un’altra città per motivi di lavoro; gli immobili invenduti, cioè quelli realizzati dalle imprese di costruzione ma non venduti, i rifugi alpini non custoditi e i bivacchi, che invece devono pagare però la Tasi; ma anche gli immobili delle cooperative edilizie a proprietà indivisa e assegnati ai soci;e alloggi sociali.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il