Diversificare il prodotto per aprirsi nuovi segmenti di mercato: la birra per cani

La Birra sembra essere un prodotto che si presta particolarmente bene alla diversificazione di target, sviluppando varianti per pubblici quanto mai diversi



Ieri parlavamo di birra orientata ai bambini (vedi post).
 
 Tempo fa parlavamo di birra per i celiaci.
 
 La Birra sembra essere un prodotto che si presta particolarmente bene alla diversificazione di target, sviluppando varianti per pubblici quanto mai diversi.
 
 Un nuovo esempio? La birra per i cani.
 
 Originaria dell'Olanda (paese con radicate tradizioni), al prezzo di 1,6 euro la bottiglia, la birra canina sembra incontrare una forte domanda in molti paesi: del resto, perchè privare il miglior amico dell'uomo di una buona bevuta col suo migliore amico?
 
 In molte culture, ricordiamolo, una bella sbronza (settimanale) è un valore sociale positivo...
 
 I pareri su quanto cani e alcool si possano mescolare con buoni risultati sono divergenti, come potrete notare da questi due post (uno e due).
 
 Come spin-off della birra canina si intravvedono già serie opportunità di servizi correlati, come servizi di disintossicazione per cani. A quando i Cani Alcoolisti Anonimi?
 
 Dal punto di vista serio, si tratta di un classico esempio di prodotto che basa la sua reason why su un transfer emotivo padrone - animale, come tutti i prodotti alimentari premium per cani e gatti, gli accessori, gli psicanalisti per animali etc etc

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il