BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Disoccupati 2016: Naspi, Aspi, Social Card, Asdi come fare domanda tutti i passaggi indennità disoccupazione. Problemi e domande

Tutto quello che c’è da sapere per richiesta sussidi di disoccupazione 2016 e per la Sociale Card di quest’anno: valore Isee da considerare come inviare domande




Ormai dall’anno scorso sostituisce Aspi e Mini Aspi e quest’anno può essere richiesta anche dai lavoratori stagionali impiegati nel settore turistico o negli stabilimenti termali per gli eventi di disoccupazione verificatisi entro il 31 dicembre 2015, e colf e lavoratori domestici , a domicilio, dipendenti con periodi di lavoro estero, lavoratori caratterizzati da neutralizzazione con contribuzione di interesse molto datata e agricoli, che abbiano almeno cinque settimane lavorate, intese come settimane con un minimo di 24 ore di lavoro retribuito. Stiamo parlando della Naspi, nuova indennità di disoccupazione che vale 24 mesi, prevede importi fino a 1.300 euro e la cui domanda deve essere inviata all’Inps telematicamente entro i 68 giorni successivi dalla conclusione del rapporto di lavoro.

La Naspi può essere richiesta dai lavoratori che hanno perso involontariamente la propria occupazione e che attestano di essere in reale stato di disoccupazione; che possano far valere, nei quattro anni precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione, almeno tredici settimane di contribuzione; o che possano far valere trenta giornate di lavoro effettivo o equivalenti, a prescindere dal minimale contributivo, nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.

Si può anche inoltrare ormai domanda per ricedere l’Asdi, il nuovo assegno di disoccupazione, che si può ricevere se, una volta esaurita la Naspi, il lavoratore disoccupato non abbia ancora trovato u nuovo impiego, se si hanno figli minori e non si sono ancora maturati i requisiti contributivi e anagrafici per il pensionamento. Per accedere alla prestazione bisognerà comunque attendere l'emanazione della circolare applicativa dell’Inps che provvede all’erogazione del sussidio. L’Asdi ha una durata di sei mesi e il suo importo è pari al 75% dell’ultimo trattamento di disoccupazione (Naspi) percepito e non può essere superiore a quello dell’assegno sociale.

L’Asdi prevede anche eventuali bonus se si hanno figli a carico. In particolare, il bonus è pari a 89,70 euro per un figlio; a 116,60 euro per due figli; a 140,80 euro per tre figli; a 163,30 per quatto o più figli. Unica condizione per la richiesta dell’Asdi è che il lavoratore dimostri di partecipare ai corsi di formazione, di orientamento e di ricerca attiva di nuova occupazione, proposti dai competenti Servizi per l’impiego e per accedervi deve presentare la domanda all’Inps, in via telematica, a partire dal primo giorno successivo al termine della Naspi ed entro 30 giorni, altrimenti perderà il diritto di accesso al beneficio.

Via libera anche alla richiesta per tutto quest’anno del Dis Coll, indennità per i professionisti disoccupati iscritti alla gestione separata dell’Inps e CoCoPro, collaboratori coordinati e continuativi e a progetto, che prevede l’erogazione di un assegno pari al 75% del reddito medio mensile e deve essere richiesto online all’Inps entro 68 giorni dalla perdita del lavoro e sarà erogato mensilmente dallo stesso Istituto. Per i tempi di erogazione degli assegni da parte dell’Inps, dipenderà dall’inoltre delle domande.

Disponibile anche la social card 2016, che prevede l'erogazione di 40 euro mensili da parte dell’Inps ogni due mesi, con accredito della somma prevista in una carta prepagata del circuito Mastercard da usare esclusivamente per l’acquisto di beni di prima necessità come generi alimentari o spese mediche. I requisiti per richiedere la social card nel 2016 sono: avere almeno 65 anni d'età con un reddito Isee inferiore a 6.795,38 euro o aver compiuto 70 anni e possedere un reddito Isee non superiore a 9.060,51 euro; non possedere più di un automobile inferiore a 1300 di cilindrata o un ciclomotore non superiore ai 250 cc; avere un Isee non superiore ai 15.000 euro; o far parte di un nucleo famigliare, di cittadinanza italiana o comunitaria, con un figlio di età inferiore ai tre anni e un reddito che arrivi ai 6.795,38 euro.

La social card deve essere richiesta direttamente presso gli uffici postali, compilando un modulo scaricabile presso il sito di Poste Italiane e del Ministero dell'Economia e delle Finanze e sarà poi l’Inps a valutare la domanda e decidere se erogare o meno la prestazione in base ai requisiti soddisfatti o meno.   

Disoccupati 2016: assegno, indennità, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2016, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi è rivolto e come funziona

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il