BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa 2016 incentivi fiscali, detrazioni, bonus mobili e incentivi energetici, fotovoltaltaici: novità settimana

Sembra destinato ad allargarsi lo spettro degli elettrodomestici acquistabili con l'ecobonus al 50%, per ora valido fino alla fine dell'anno.




Sono tante le opportunità e le novità per i proprietari di casa sul fronte delle detrazioni. In particolare si segnalano quelle al 65% per le spese sostenute per la riqualificazione energetica, quelle al 50% per le spese di ristrutturazione la maggiore detrazione Irpef e Ires per gli interventi su edifici in zone sismiche ad alta pericolosità e quella Irpef per acquisti di immobili ristrutturati. Per quanto riguarda le ristrutturazioni edilizie, il limite di spesa è pari a 96.000 euro per unità immobiliare. Dal primo gennaio del prossimo anno, a meno di ulteriori proroghe, la detrazione tornerà al 36% e con il tetto di 48.000 euro per unità immobiliare.

Ecco poi l'agevolazione al 50% per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione. Sono detraibili le spese documentate e sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre di quest'anno. Per tutto il 2016 lo sconto spetta per l'acquisto di mobili nuovi, compresi letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione. Viene espressamente escluso l'acquisto di porte, pavimentazioni, tende, tendaggi e altri complementi di arredo. Gli elettrodomestici nuovi devono essere di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni), come rilevabile dall'etichetta energetica. L'acquisto è agevolato per gli elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che non ne sia stato ancora previsto l'obbligo.

Rientrano allora frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento. La novità che si prospetta all'orizzonte, anche se di fatto non rientra nei ragionamenti relativi all'ecobonus, si segnala l'arrivo della certificazione energetica per le caldaie. A muoversi è stata l'Unione europea che ha previsto l'etichetta energetica obbligatoria per gli apparecchi di riscaldamento fino a 70kW e i bollitori fino a 500 litri con classificazione da A++ a G, per gli apparecchi per produzione di acqua calda sanitaria con classificazione da A a G.

In questo contesto di continua necessità di chiarimenti, si segnala che l'Agenzia delle entrate ha aggiornato al 2016 le guide relative ai bonus casa, alle detrazioni per le spese di riqualificazione energetica e a quelle per la ristrutturazione edilizia.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il