BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Isee 2016: cosa fare, tutti i passaggi. Problemi più comuni, domande. Compilazione documenti, Dsu, modelli. Calcolo fasce reddito

Tutto quello che c’è da sapere per una corretta compilazione dell’Isee 2016 per richiesta prestazioni fiscali agevolate: le regole da seguire




Permette di richiedere agevolazioni fiscali scolastiche e universitarie, prestazioni socio-sanitarie agevolate, e aiuti economici a famiglie meno abbienti ma cambiano ancora le regole di compilazione del modello Isee 2016, Indicatore della Situazione Economia Equivalente, che viene certificato dalla Dsu,  Dichiarazione Sostitutiva Unica, che attesta la fascia di reddito familiare. L’Isee, infatti, permette di richiedere assegni di maternità, assegni familiari ANF, social card, iscrizioni gratuite e ridotte agli asili nido, riduzioni delle tasse universitarie, esenzioni ticket per reddito, bonus gas e bonus energia 2016. Per il calcolo Isee, si parte dai redditi annui derivanti da lavoro dipendente, autonomo, prestazioni occasionali, da lavori a progetto e il calcolo comprende anche beni mobili, conti correnti e azioni, e affitti e alla somma complessiva di redditi e patrimonio bisogna applicare un coefficiente familiare che consideri la composizione del nucleo familiare.

In particolare, per richiedere prestazioni universitarie agevolate bisogna presentare l’Isee Università. Insieme a questo modello sono disponibili anche l’Isee ordinario, utile per la generalità dei casi; l’Isee Minorenni per alcuni nuclei monoparentali; l’Isee sociosanitario per prestazioni di natura sociale e sanitaria; l’Isee integrativo da compilare in caso di situazioni eccezionali o per integrazioni; l’Isee corrente, basato sui redditi degli ultimi dodici mesi. Si tratta di modelli differenti da compilare in base alle diverse prestazioni richieste.

Una volta inviati i dati necessari all’Inps, l’Istituto stesso si occuperà della loro valutazione e della concessione, o meno, dei benefici richiesti. Il modello Isee deve essere presentato all’Inps o tramite Caf o direttamente dal dichiarante, attraverso i servizi online dell’Istituto per il cittadino. In questo caso, la compilazione del modello, che sarà acquisito immediatamente dall’Inps, e la sua presentazione saranno immediate, mentre nel caso di presentazione del modello tramite Caf la procedura dura, in media, 10 giorni lavorativi.

Il calcolo del nuovo Isee include da quest'anno redditi esenti, e quindi anche tutti i trasferimenti monetari ottenuti dalla Pubblica  Amministrazione; redditi figurativi degli immobili non locati e delle attività mobiliari; assegni di mantenimento corrisposti al coniuge a seguito a separazione o divorzio; assegni di mantenimento per i figli; redditi da lavoro dipendente per una quota del 20%, fino ad un massimo di 3.000 euro; pensioni, trattamenti assistenziali, previdenziali e indennità per una quota del 20%, fino ad un massimo di 1.000 euro; spese sostenute da persone con disabilità o non autosufficienti: detrazioni in funzione della gravità, invalidità e non autosufficienza; ed è stato aumentato a 7.000 euro l’anno l’importo massimo relativo all’affitto registrato che può essere portato in deduzione più  500 euro per ogni figlio convivente successivo al secondo.

Tra le principali novità da considerare per il modello Isee 2016, il fatto che da quest’anno le carte di credito prepagate con Iban devono essere indicate nei rapporti finanziari del Quadro FC2 sez, assimilate, come trattamento, ad un conto corrente ordinario, il cui istituto di credito deve dichiarare la giacenza media. Inoltre, se l’istituto di credito non riesce e fornire la giacenza media, toccherà al contribuente farlo seguendo tale procedura: somma di tutti i numeri creditori annuali reperiti negli estratti conto, correlati a ciascun rapporto; e divisione del totale per 365.

Cambiano anche le soglie reddituali e per determinare l’appartenenza dei contribuenti alla Prima Fascia Isee si considerano come base di partenza un nucleo di 3 persone con ISE pari a 21.691,19 euro; per determinare l’appartenenza dei contribuenti alla Seconda Fascia si prende come base di riferimento un nucleo di 3 persone con ISE pari a 43.382,38 euro e sono previste maggiorazioni per ulteriori componenti, presenza figli minorenni o nuclei con un solo genitore o che entrambi i genitori svolgano attività d’impresa.

In particolare, è prevista una maggiorazione di 0,35 per ogni ulteriore componente, per gli studenti che hanno conseguito il diploma di maturità con Lode; una maggiorazione di 0,2 in caso di presenza nel nucleo di figli minori e di un solo genitore e per nuclei familiari con figli minori, per quelli in cui entrambi i genitori svolgono attività di lavoro e di impresa per almeno 6 mesi nel periodo cui fanno riferimento i redditi della dichiarazione sostitutiva; e una maggiorazione di 0,5 per ogni componente con handicap psicofisico permanente, o con invalidità superiore al 66%.

Novità previste anche per le famiglie con disabilità grave e basso reddito: nelle famiglie in cui è presente una persona con disabilità, le nuove modalità di calcolo reddito Isee 2016 è in funzione del grado di disabilità del componente familiare e prevede una diversa franchigia, cioè detrazioni dal reddito complessivo Isee che è di 4.000 euro per persona con disabilità media aumentate a 5.500 euro in caso di minori; di 5.500 euro per persona con disabilità grave, aumentate a 7.500 euro se minorenne; e di 7.000 euro per persona non autosufficiente fino a 9.500 euro se trattasi di minore. Per la fruizione delle prestazioni sociosanitarie per le persone disabili, si considera come beneficiario il disabile, il coniuge e i figli che compongono il nucleo familiare, nel caso in cui la persona disabile sia un adulto convivente con i propri genitori, può essere considerato un nucleo familiare a sé.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il