BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: come non pagare. Anche se si richiede annullamento bisogna pagare

Anche in caso di televisore guasto occorre pagare il canone Rai 2016. Nessun legame con il possesso di Mac, PC, smartphone e tablet.




Il canone Rai 2016 sta diventando uno spauracchio per i contribuenti italiani. Le novità inserite nella manovra dello scorso anno rischiano di provare errori nell'individuazione dei soggetti chiamati a passare alla cassa. La condizione essenziale per essere soggetti all'imposta è la detenzione di un televisore nella prima casa, di proprietà o in affitto. In realtà, basterà l'intestazione dell'utenza della luce per far scattare la presunzione di possesso. E in questo caso nella bolletta per la fornitura di energia elettrica sarà inserita la voce relativa al canone. Per non versare l'imposta occorre dunque non avere un televisore e comunicarlo all'Agenzia delle entrate, possibilmente prima del mese di luglio, quando sarà addebitata la prima rata.

Il canone va pagato indipendentemente dalla qualità della ricezione e dal suo utilizzo, come di recente confermato dalla VI Sezione civile della Corte di Cassazione. Secondo i giudici, trattandosi di un'imposta tributaria e non legata all'effettiva fruizione del servizio, va pagata sempre e comunque, anche in caso di televisore guasto. Il tribunale ha poi ricordato l'inesistenza di uno specifico rapporto contrattuale tra la Rai che gestisce il servizio pubblico radiotelevisivo e il contribuente. Di conseguenza, la richiesta di non visione dei canali non estingue l'obbligo di pagamento del canone annuale.

Il canone Rai 2016 non è invece legato a PC, smartphone e tablet. Si paga invece su ricevitori TV fissi; ricevitori TV portatili; ricevitori TV per mezzi mobili; ricevitori radio fissi; ricevitori radio portatili; ricevitori radio per mezzi mobili; terminale d'utente per telefonia mobile dotato di ricevitore radio/TV (esempio cellulare DVB-H); riproduttore multimediale dotato di ricevitore radio/TV, per esempio, lettore mp3 con radio FM integrata. Il mancato versamento del canone Rai, indicato nella bolletta con una voce separata, non comporta l'interruzione della fornitura di energia, ma multe fino a un massimo di 500 euro.

A essere esentati dal versamento del canone Rai 2016 sono solo gli anziani con più di 75 anni di età e reddito fino a circa 6.700 euro tra tutti i membri della famiglia. Portafogli chiuso anche per i militari delle Forze Armate Italiane, limitatamente a ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari; quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; gli agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia a condizione che nel Paese siano applicate misure corrispondenti per quelli italiani; le imprese che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il