BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità nuovo slancio con tagli vitalizi quota 100, quota 41, mini pensioni, riforma: novità oggi giovedì

Nuova proposta per abolizione ricchi vitalizi politici: cosa prevede la novità e quali benefici porterebbe. La misura




NOVITA' PENSIONI E PENSIONI ULTIME NOTIZIE, ULTIMISSIME (aggiornamento oggi giovedì 11 febbraio): Si avvicina sempre di più il momento in cui la tanto attesa norma per la cancellazione dei vitalizi dovrebbe arrivare in porto come riferiscono le ultime notizie e ultimissime. E' portata avanti direttamente dal Presidente degli Affari Costitutuzionali di Montecitorio e sarebbe la prima ufficiale. E non sarebbe solo simbolica.

PENSIONI NOVITA' E ULTIME NOTIZIE, ULTIMISSIME OGGI MERCOLEDI' (aggiornamento):

Lo stop ai vitalizi d’oro dei politici rappresenta uno degli obiettivi di numerosi autorevoli personalità, tra cui quello del presidente dell’Istituto di Previdenza Boeri che tra le novità del suo piano pensioni ha proprio inserito il taglio dei vitalizi. Le ultime notizie rilanciano questo progetto anche se ogni qualvolta in cui se ne discute alla fine non si riesce mai ad arrivare ad una conclusione concreta in tal senso. Eppure tagliare i ricchi vitalizi dei politici porterebbe il duplice beneficio di riportare equità sociale e di recuperare nuove risorse economiche che potrebbero investite per ulteriori cambiamenti pensionistici positivi per tutti.

Tra le diverse proposte di novità pensioni, però, torna quella di revisione dei vitalizi dei politici: a rilanciarla una nuova proposta di legge del presidente della commissione Affari costituzionali a Montecitorio, secondo cui il Parlamento ha il potere di legiferare su vitalizi e pensioni di parlamentari e consiglieri prevedendo anche interventi che tocchino i diritti acquisiti dai politici, a condizione che ogni modifica venga giustificata e sia proporzionale. L'arrivo di questa norma oltre che simbolica potrebbe rilanciare anche piani di quota 100, mini pensione, o anche quota 41, partendo dal ricalcolo delle pensioni più alte e portando conseguenti benefici per tutti.

Eppure secondo alcuni ex parlamentari si tratterebbe di modifiche che, per legge, non possono essere attuate perché le pensioni dei politici non sono soggetti alle leggi ordinarie ma ai Regolamenti parlamentari ed è proprio per questo che, come dichiarato dal presidente della commissione Affari costituzionali, dovrebbe essere il Parlamento stesso chiamato ad esprimesi sulla questione. Ma gli ex parlamentari si dicono contro questa proposta di legge che vorrebbe cancellare i loro vitalizi, non soltanto perché chiaramente sottrarrebbe loro privilegi, ma anche perché, a loro dire, non è possibile equiparare i vitalizi alle pensioni tradizionali, considerando la funzione politica delicata che ogni rappresentante del’esecutivo ha e per cui esistono garanzie speciali.

Ogni giustificazione presentata dagli ex parlamentari non ha comunque valore al cospetto di una proposta che puta a rimettere in equilibrio il sistema previdenziale, tra gli obiettivi primari dichiarati dallo stesso esecutivo, nonché a provvedere a modifiche pensionistiche per tutti che hanno bisogno di maggiore disposizione di fondi da impiegare per ulteriori cambiamenti positivi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il