BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus 80 euro forze dell'ordine polizia, carabinieri, vigili, esercito ufficiale in busta paga da Febbraio ma meno del previsto

Al via da questo mese di febbraio l’erogazione del bonus di 80 alle Forze dell’Ordine: come funziona, chi lo riceverà e tassazione




Sarà erogato per la prima volta con la busta paga di questo mese di febbraio il nuovo bonus di 80 per le Forze dell’Ordine: a beneficiare del nuovo bonus saranno carabinieri, polizia, vigili del fuoco, militari dell’esercito, capitanerie di porto, inizialmente escluso dal beneficio, per un importo fisso di 960 euro per 12 mesi indipendentemente dal mese di avvio di erogazione del bonus. Dal mese di febbraio 2016 in poi gli 80 euro saranno presenti nel cedolino unico del mese.

Il bonus varrà per tutto il personale, a prescindere dal reddito, ad eccezione dei dirigenti e degli allievi e non costituirà reddito ai fini dell’Irpef, dell’imposta regionale sulle attività produttive, per cui non è assoggettato a contribuzione previdenziale e assistenziale.

Questo nuovo bonus di 80 euro ai militari non è riconosciuto in maniera sistematica ma solo una tantum, cioè solo per quest’anno, per cui si esaurirà, ad eccezione di proroghe, il 31 dicembre 2016; non avrà carattere strutturale ma sarà piuttosto una tantum; e non vi è alcuna fascia di reddito cui è legata l’erogazione del bonus a differenza di quello per gli statali, legato al reddito percepito e che prevede un contributo di 80 euro mensili per i redditi fino a 24.000 euro e, in misura proporzionalmente ridotta, per i redditi da 24.000 a 26.000 euro. Nessun contributo, invece, per chi supera i 26.000 euro.

Il bonus 80 euro per le Forze dell’Ordine se da una parte rappresenta un premio per il grande sacrificio profuso da carabinieri e polizia nel loro lavoro e non ha natura retributiva, quindi non è soggetto a tassazione Irpef, dall’altra non influisce sulla tredicesima e non produce alcun aumento sulla base pensionabile, non producendo, dunque, alcun vantaggio sulla buonuscita finale né sulla pensione finale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il