BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità per non far preoccupare si cambierà nome del casellario sociale che pure procede, riforma: novità oggi venerdì

Torna a fare la sua comparsa il virus Cryptolocker che infetta e blocca i computer chiedendo un riscatto in denaro per sparire.




NOVITA' PENSIONI E ULTIME NOTIZIE PENSIONI, ULTIMISSIME OGGI VENERDI' 12 FEBBRAIO 2016 (aggiornamento ore 11:12): E così, dopo le conferme da parte del Dicastero dell'Economia, di una revisione delle detrazioni e agevolazioni anche private a 360 gradi che poi, da piano, dovrebbero essere le basi per il rilancio reale novità per le pensioni, arriva la conferma dal Corsera che anche il Dicastero dell'Economia ci sta lavorando realizzando un Casellario Sociale, ma visto il nome e visto anche soprattutto quello che si intende fare concretamente, il Ministro sembra abbia dato ordine di cambiare nome.

PENSIONI NOVITA' E PENSIONI ULTIME NOTIZIE E ULTIMISSIME (aggiornamento):  Seppur non in maniera ecclatante abbiamo iniziato il percorso delle novità per le pensioni seppur senza annunci e clamore. Anche perchè le prime fasi, come era da progetto iniziale, non sono affatto così positive ma anzi correttive e spesso negative come riportano le ultime notizie e ultimissime.

Le novità pensioni a oggi mercoledì 10 febbraio 2016 potrebbe andare nel segno di tagli a ricongiunzioni, cumulo e assegni di reversibilità. Ma le ultime notizie riferiscono di altre questioni aperte.

Pensioni. Continuano ad arrivare segnali, diretti e indiretti, sul percorso accidentato delle pensioni in Italia. Le novità non sono evidentemente dietro l'angolo se, come riferiscono le ultime notizie, l'attenzione del ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali è anche rivolta alla denominazione da assegnare al casellario sociale ovvero alla lista dei percettori di prestazioni sociali e assistenziali dallo Stato. A suo dire è meglio cambiare nome perché il richiamo fuorviante al casellario giudiziario sarebbe troppo evidente. In ogni caso, l'esecutivo procede molto a rilento sulle pensioni. Lo ha dimostrato con l'approvazione dell'ultima manovra in cui le misure che sono passate sono tutte in autofinanziamento.

E lo ha confermato nelle scorse settimane con l'annuncio della prosecuzione della fase di studio e valutazione. Le novità da mettere in conto nel breve periodo, magari nel contesto della delega fiscale, potrebbero coinvolgere detrazioni e agevolazioni. In seconda battuta l'attenzione potrebbe essere sposta sulla revisione delle norme relative a ricongiunzioni, cumulo e assegni di reversibilità. Il tutto mentre il Gruppo ristretto a Montecitorio ha interrogato l'Istituto nazionale della previdenza sociale sui costi da sostenere per consentire di andare in pensione anche a 62 anni di età e 35 anni di contributi versati con penalizzazione dell'8%.

Condominio. Un modo per risparmiare e vivere meglio nei condomini? Dividere le risorse a disposizione. Anzi, condividere nel segno di una migliore sostenibilità economica e ambientale. La proposta porta la firma di Anaci, l'Associazione nazionale amministratori di condominio, in collaborazione con l'amministrazione comunale di Milano e nel contesto del progetto Welfare di tutti. L'idea è semplice: mettere a disposizione figure specializzate assunte dal condominio per le esigenze comuni.

Virus blocca PC Cryptolocker. Riecco Cryptolocker, il virus che si intrufola nel proprio computer e permette lo sblocco solo dietro pagamento di una somma di denaro. Anche questa volta lo fa nella maniera più subdola: tramite un apparentemente innocente messaggio di posta elettronica con in invito a cliccare un link. Ed è semplice cascarci se non si è attente perché il messaggio arriva sotto forma di mail delle poste italiane, di banche, fornitori di energia elettrica, acqua o gas. Il virus cripta i file contenuti nel computer, anche quelli collegati in rete e le periferiche connesse.

Contabilizzatori. Addio al risparmio energetico? Il parere della commissione Industria di Palazzo Madama sembra andare in questa direzione quando si legge in riferimento al sistema di conteggio dei consumi rilevati dai contabilizzatori di calore che le spese devono essere divise tra gli utenti finali per una quota di almeno il 50% fino a un massimo del 70% sulla base del consumo rilevato e "che in edifici alimentati da gasolio o gas e nei quali i tubi di distribuzione esterni siano prevalentemente coibentati, i costi per l'esercizio del riscaldamento debbano essere ripartiti tra gli utenti finali con una percentuale del 70 % del totale dei consumi rilevati; che il condominio possa scegliere percentuali diverse da quelle indicate con una delibera dell'assemblea, sulla base di una relazione tecnica giustificativa".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il