BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Certificazione Unica 2016: tutte le regole nuove, cosa cambia. Come poter avere modello ed eventuale proroga

Nuove versioni Certificazione Unica 2016, nuove regole di compilazione e cosa cambia rispetto all’anno scorso: istruzioni da seguire




L'Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il modello per la compilazione della Certificazione Unica 2016 che dovrà essere eseguita dai sostituti di imposta per dichiarare i redditi di lavoro dipendente e autonomo del 2015. La CU quest’anno è suddivisa in due parti: sintetica, che sarebbe la versione semplificata della certificazione da consegnare al lavoratore dipendente, assimilato o autonomo, quest’anno vale anche per il regime forfetario e dei minimi, entro il 29 febbraio 2016; e ordinaria che deve essere trasmessa telematicamente all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo 2016.

Sembra, però, prevista già un’eventuale proroga per la presentazione della Cu per coloro cui non serve per la compilazione del 730 precompilato, vale a dire per gli autonomi per cui il termine di invio della Cu dovrebbe slittare a luglio e non sarà prevista alcuna sanzione il ritardo. La Certificazione Unica può essere ricevuta sia online che nel classico formato cartaceo: per avere la Cu online, basta accedere al sito dell’Inps, inserire il proprio codice Pin, ed entrare nel servizio ‘CU 2016’, mentre per richiedere il formato cartaceo della Certificazione Unica basta rivolgersi all’Inps, tramite gli sportelli veloci dell'Inps dedicati al modello, inclusi uffici ex Inpdap ed ex Enpals, o lo 'Sportello Amico' presso gli uffici postali, con un costo di euro 2,70.

Si può inoltre richiedere tramite posta elettronica certificata PEC, all'indirizzo richiestaCUD@postacert.inps.gov.it e chi non ha un indirizzo PEC può richiederla tramite posta elettronica ordinaria allegando la domanda firmata e una copia del documento d'identità del richiedente in fronte/retro; può accedere, sempre con il proprio pin Inps, alle postazioni Informatiche self service di ogni ufficio e stamparlo; mentre quella cartacea può essere richiesta anche tramite Caf, patronato, o un commercialista in possesso di Pin e di certificato Entratel e i pensionati over 80 possono richiederla anche direttamente al proprio domicilio telefonicamente al numero 803.164 (06.164.164 da cellulare) e si provvederà all’invio del modello cartaceo direttamente a casa.  

La Certificazione Unica deve contenere: redditi da lavoro dipendente, equiparati e assimilati, assoggettati a tassazione ordinaria, separata, ritenuta a titolo d’imposta, imposta sostitutiva; redditi da lavoro autonomo, provvigioni, redditi diversi di cui agli articoli 53 e 67 del Testo Unico delle imposte sui redditi; provvigioni comunque denominate per prestazioni, anche occasionali, inerenti a rapporti di commissione, agenzia, mediazione, rappresentanza di commercio o di procacciamento d’affari, vendita a domicilio; compensi erogati a seguito di pignoramenti, espropri; prestazioni relative a contratti d’appalto per lavori condominiali; indennità cessazione rapporti di agenzia, funzioni notarili, attività sportiva.

Tra le novità di quest’anno biosgna indicare per i familiari a carico del lavoratore, nei righi da 1 a 10, grado di parentela; codice fiscale; numero dei mesi a carico; presenza di figli di età inferiore ai tre anni; la percentuale di detrazione spettante; presenza di detrazione per famiglie numerose; codice fiscale del coniuge, anche se non a carico. Infine, per  indicare l’erogazione del bonus di 80 euro il datore deve innanzitutto indicare se il bonus è stato erogato, in tutto o in parte, non erogato o recuperato; se è stato recuperato parte del bonus Irpef riconosciuto, l’ammontare va indicato nel punto 394; e nel caso di precedenti rapporti lavorativi, devono essere indicati i relativi dati nei campi da 395 a 397, e deve essere riportato nel campo 399 il codice fiscale del precedente sostituto.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il