BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novitÓ continuano ad apparire problemi economici che seppur non diretti bloccano, riforma: novitÓ sabato oggi

Per il bonus casa valido fino alla fine di quest'anno, Ŕ necessario che la data dell'inizio dei lavori preceda dell'acquisto dei beni.




NOVITA' PENSIONI E ULTIME NOTIZIE PENSIONI, ULTIMISSIME OGGI SABATO 13 FEBBRAIO 2016 (ultimo aggiornameno fatto ore 11:12): Se prima mancava "solo" la volontà politica come era stato detto da illustri esponenti dell'esecutivo spiegando che non era il momento oppurtuno per le novità per le pensioni e non era prioritario, ora la situazione economica e finanzaria si sta facendo sempre più pesante e questo chiaramente non aiuta anche se più volte nelle ultime notizie e ultimissime si è detto che per determinate novità per le pensioni non erano richiesti fondi extra.

NOVITA' PENSIONI E ULTIME NOTIZIE PENSIONI, ULTIMISSIME OGGI VENERDI' 12 FEBBRAIO 2016 (aggiornameno ore 18:17).

Non sono troppo entusiasmanti per le novità pensioni le ultime notizie aggiornate a oggi venerdì 12 febbraio che arrivano sul fronte economico.

Pensioni. Ci sono anche le tensioni a livello economico con lo spread che è ripreso a salire con inevitabile conseguenze sul percorso delle riforme in Italia, comprese quelle delle novità pensione. Lo spread è il differenziale tra i rendimenti dei Btp decennali italiani e i Bund tedeschi. Dato che la Germania è percepita più solida, i suoi titoli di Stato possono offrire rendimenti più bassi rispetto a quelli italiani per trovare acquirenti. Ecco perché esiste uno spread: perché i Btp hanno rendimenti più elevati dei Bund. Più lo spread sale, più significa che la Germania è percepita sicura e l'Italia meno sicura. Se lo spread scende, invece, significa che il gap di sicurezza si restringe.

Lo spread negli ultimi anni è sceso molto, grazie soprattutto alla Bce che compra titoli di Stato. Ma ora si sta riallargando: segnale di incertezza. In questo contesto, la presidente della Camera, favorevole all'introduzione della misura dell'assegno universale, ha lanciato una consultazione pubblica online sul futuro dell'Europa ovvero su come i cittadini immaginano il percorso dell'integrazione. Sul fronte interno, mentre il Milleproroghe è sulla via dell'approvazione, il Gruppo risretto delle pensioni attende di conoscere dall'Istituto nazionale della previdenza sociale il costo effettivo delle proposte di legge per modificare il sistema delle pensioni in Italia eliminando qualche rigidità di troppo.

Ristrutturazione casa. Per ottenere il bonus valido fino alla fine di quest'anno, è necessario che la data dell'inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni. Non è fondamentale, invece, che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l'arredo dell'immobile. La data di avvio dei lavori può essere dimostrata, per esempio, da eventuali abilitazioni amministrative o dalla comunicazione preventiva all'Asl, se è obbligatoria. Per gli interventi che non necessitano di comunicazioni o titoli abilitativi, è sufficiente una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. In ogni caso, le spese per il recupero edilizio devono essere sempre successive al 26 giugno 2012.

Mobilità e concorso scuola. Se da una parte il Ministero dell'Istruzione chiude la partita del contratto integrativo sulla mobilità del personale docente, dall'altra tiene ancora aperta quella del concorso per insegnanti. I bandi non saranno ancora pronti ovvero non sono stati ancora apportate tutte le correzioni al testo originario. Quel che appare certo è l'inevitabilità dello spostamento delle prove scritte. Rispetto a un iniziale inizio già nel mese di marzo, si andrà ad aprile, sempre però tenendo fermo l'orizzonte di settembre per le assunzioni.

Indennità disoccupazione. Le indennità di disoccupazione Naspi e le prestazioni integrative del salario sono interamente cumulabili con i compensi derivanti dallo svolgimento di lavoro occasionale di tipo accessorio nel limite di 3.000 euro per anno civile, rivalutabile annualmente sulla base della variazione dell'indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati. Per i compensi che superano la soglia di 3.000 euro per anno civile, deve essere applicata la disciplina ordinaria sulla compatibilità ed eventuale cumulabilità parziale della retribuzione con la prestazione di disoccupazione. Lo ha precisato l'Istituto nazionale di previdenza.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il