BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Novità pensioni ancora una volta dopo tante affermazioni è un nulla di fatto, riforma PA: novità oggi sabato

Il candidato del centrodestra alle elezioni comunali di Milano è Stefano Parisi. Se la vedrà con Giuseppe Sala del centrosinistra.




NOVITA' PENSIONI E ULTIME NOTIZIE PENSIONI, ULTIMISSIME OGGI SABATO 13 FEBBRAIO 2016 (ultimo aggiornameno fatto ore 12:03): Qualche mese fa ci si attendeva il rapporto vincolante dei Tecnici del Ministero richiesto del Gruppo di Montecitorio che si dedica alle novità per le pensioni. Ora lo stesso Gruppo come tutte le ultime notizie e ultimissime avevano riportato, aveva chiesto un rapporto finanziario all'Istituto Previdenza per capir ele coperture e i fondi necessari sia per cmabiamenti minimi ch strutturali. E non è arrivato. E non ancora finita qui.

NOVITA' PENSIONI E ULTIME NOTIZIE PENSIONI, ULTIMISSIME OGGI VENERDI' 12 FEBBRAIO 2016 (ultimo aggiornameno fatto ore 19:18) 

Le ultime notizie di oggi venerdì 12 febbraio 2016 sul versante della novità pensioni sono negative perché si attendono ancora la relazione dell'Inps.

Pensioni. Non si può che rimanere delusi dinanzi all'ennesimo nulla di fatto sul versante delle novità pensioni. Chi attendeva informazioni vitali dalla riunione del Comitato ristretto a Montecitorio con i tecnici dell'Istituto nazionale della previdenza sociale, chiamati a rivelare l'impatto economico dei disegni di legge correttivi delle attuali norme sulla previdenza, è rimasto inevitabilmente deluso. E purtroppo non si tratta della prima volta che si registra un passaggio a vuoto. Le riunioni in sede di varo della manovra con il coinvolgimento della Ragioniera dello Stato ne sono l'esempio più evidente.

Nel dettaglio sono attese le cifre sull'impegno di spesa richiesto dallo Stato per finanziare la proposta di legge dello stesso presidente del Comitato ristretto di Montecitorio che prevede la possibilità di andare in pensione tra i 62 e i 70 anni, con almeno 35 anni di contributi, con penalizzazione nell'età compresa tra i 62 e i 65 anni e incentivo tra i 67 e i 70 anni. Più esattamente, lo schema degli incentivi e delle penalizzazioni prevede nel caso di pensionamento effettivo a 62 anni l'applicazione della percentuale di riduzione pari all'8%. A 63 anni quella del -6%, a 64 anni del -4%, a 65 del 2%. A 66 anni, invece, non sono previsti bonus o malus. Dopodiché scatterebbero gli incentivi: a 67 anni +2%, a 68 anni +4%, a 69 anni +6%, a 70 anni +8%.

Riforma PA. Procedure snellite per la Scia, la Segnalazione certificata di inizio attività ovvero la dichiarazione che consente alle imprese di iniziare un'attività produttiva, senza dover più attendere verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti. La Scia produce infatti effetti immediati. La dichiarazione sostituisce autorizzazioni, licenze o domande di iscrizione non sottoposte a valutazioni discrezionali o al rispetto di norme di programmazione e pianificazione. Per consentire lo svolgimento dei controlli successivi da parte degli uffici, la pratica deve essere corredata delle autocertificazioni sul possesso dei requisiti soggettivi nonché oggettivi.

Elezioni Milano. Il candidato del centrodestra alle elezioni comunali di Milano è Stefano Parisi. Romano, 59 anni, è patron di Chili TV, società italiana pioniera del cinema in streaming. Ha conosciuto il Comune di Milano dal di dentro avendo ricoperto l'incarico di city manager dal 1997 al 2000 con il sindaco Gabriele Albertini. Dal 1992 al 1997 è stato a capo del dipartimento di Economia di Palazzo Chigi con cinque governi diversi. Dal 2000 al 2004 è stato direttore generale di Confindustria sotto la presidenza di Antonio D'Amato. Dal 2004 al 2007 è stato presidente di Fastweb.

Ristrutturazione casa. La detrazione per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Unico persone fisiche). Indipendentemente dall'importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, la detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro, riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. Inoltre, la detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo. Il limite da non superare riguarda la singola unità immobiliare, comprese le pertinenze, o la parte comune dell’edificio oggetto della ristrutturazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il