BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novitÓ oggi: accordo Associazioni industriali, Terzo settore, Pd, Fi, Lega, M5S mini pensioni, quota 100: ultime martedý

Nel caso di crisi d'impresa, l'imprenditore Ŕ chiamato a istituire assetti organizzativi adeguati per la rilevazione tempestiva della crisi.




Novità PENSIONI E ULTIME NOTIZIE PENSIONI, ULTIMISSIME (ultimo aggiornameno fatto ore 17:07): Vi è un grande e importante accordo perchè si faccia qualcosa, perchè ci siano e ci debbano essere novità per le pensioni importanti. E tutti gli attori sono d'accordo per fare, compresi le forze politiche come Lega, Pd, Fi, M5S seppur come abbiamo visto nelle ultime notizie e ultimissime anche in maniera leggermante diversa.

Non decollano le novità sulle pensioni nonostante le ultime notizie di oggi lunedì 15 febbraio confermato il parere favorevole delle forze sociali.

Pensioni. Cresce l'attenzione di forze sociali e politiche sull'introduzione di novità sulle pensioni. Le principali occasioni, come la manovra approvata sul finire dell'anno, sono inevitabilmente sfumate. Ora si attende o quantomeno si spera che da altri passaggi parlamentari importanti come il Milleproroghe, possa arrivare qualche cambiamento. In fin dei conti, al netto della politica, le parti sociali sono sempre più concordi sulla necessità di prevedere cambiamenti. Le Coop e Confindustria, ad esempio, sono da tempo favorevoli a prevedere forme di staffetta generazionale per rilanciare occupazione e produttività.

Ci sono poi gli appelli delle organizzazioni a tutela dei lavoratori a favorire lo sviluppo di condizioni che consentano di contemperare l'obiettivo dei fondi pensione di migliorare la tutela e la redditività dei patrimoni dei propri aderenti, in un orizzonte temporale di lungo periodo, con l'interesse generale a convogliare una quota maggiore del risparmio previdenziale verso l'economia reale, per rafforzare la crescita infrastrutturale e produttiva del Paese. A rallentare Palazzo Chigi ci sono ragioni politiche foraggiate dall'assenza di solide coperture economiche.

Danieli. Ci sono buone prospettive per Danieli grazie agli accordi commerciali con diverse società iraniane per un valore totale di circa 5,7 miliardi di euro. Alcuni di queste partnership prevedono la fornitura di macchinari e impianti. In particolare si prospetta la nascita della joint-venture Persian Metallic in collaborazione con investitori iraniani e internazionali. Dal punto di vista finanziario, gli analisti di Kepler Cheuvreux stimano che queste commesse e forniture si tradurranno in una creazione di valore pari a 1,8 euro per azione in più rispetto al prezzo attuale.

Sfilate a rischio. Con le nuove tecnologie anche il settore della moda è costretto a ripensare il modo migliore per promuoversi al grande pubblico. Rispetto al passato, le sfilate non hanno più l'impatto deflagrante e anche l'attesa non riveste più lo stesso fascino. Il motivo è molto semplice. Già dopo pochi minuti dal termine delle passerelle girano sul web le foto scattate con i cellulari che anticipano la messa in mostra e poi in vendita degli abiti. Le sfilate hanno perso efficacia e sono anche antieconomiche considerando i costi da sostenere per organizzarle.

Concordati. Nel caso di crisi d'impresa, secondo il disegno di legge delega approvato dal Consiglio dei ministri, l'imprenditore è ora molto responsabilizzato. Ha il dovere di istituire assetti organizzativi adeguati per la rilevazione tempestiva della crisi e della perdita della continuità aziendale. Ha inoltre il dovere di attivarsi per adottare tempestivamente gli strumenti previsti dall'ordinamento per uscire dalle crisi e garantire la continuità sociale. Contro l'inerzia dell'imprenditore dovrà agire l'organismo di composizione della crisi che deve informare l'autorità giudiziaria.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il