BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: misure decise e sospese chi paga, prima casa, affitto, esenti,come non pagare.Rimandato decreto e legge ufficiale

Si attendono oggi maggiori chiarimenti sul canone Rai perché ci sono ancora tanti dubbi sul chi deve effettivamente pagare e su possibili errori.




AGGIORNAMENTO CANONE RAI 2016 ULTIME NOTIZIE E NOVITà OGGI 17 FEBBRAIO 2016: La nuova legge e il decreto che dovevano arrivare ad inizio settimana ovviamente non sono arivati. Vediamo tutti i punti già decisi e non tra chi paga, chi non deve pagare (o come non pagare) prima casa, affitto, esenti.

Ci sono ancora molte incertezze legate al canone Rai 2016 e la principale riguarda l'esatta individuazione di chi deve pagare. Al pari del passato, l'imposta è legata al possesso di un televisore. Le novità sono il versamento via bolletta e solo in riferimento alla prima casa. Ma tra abitazioni di proprietà e in affitto, conviventi e studenti, colf e badanti, Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia delle entrate avranno il loro bel da far a fornire chiarimenti. In ogni caso, l'obiettivo principale da raggiungere, per evitare errori e duplicazioni nel versamento del canone Rai, è lo scambio di informazioni tra le imprese elettriche, i Comuni e gli enti interessanti.

Si tratta di un lavoro certosino e questa è la ragione per cui il pagamento della prima rata, previsto solo nel mese di luglio per un importo di 70 euro, è in calendario sono a luglio. Già, perché il pagamento del canone dovrà avvenire in dieci rate mensili, che si intendono scadute il primo giorno di ciascun mese da gennaio a ottobre. Il decreto attuativo delle nuove disposizioni, atteso come da manovra entro la giornata di oggi in quanto 45esimo giorno dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale delle nuove norme, dovrebbe chiarire come avviene la fatturazione per l'utente che cambia gestore in corso d'anno, o per chi attiva una fornitura nel mese di novembre o dicembre.

Si tratta solo di uno dei tanti casi particolari per cui la soluzione più gettonata sembra essere quella dell'addebito dal mese di gennaio. E poi, cosa succede al contribuente che non paga l'intera fattura ovvero il consumo di energia e il canone Rai? Quali saranno le azioni di sollecito e coinvolgeranno anche la quota canone? Sotto questo punto di vista le imprese elettriche ritengono che si debba arrivare al distacco dell'energia elettrica solo se il cliente è moroso anche per la quota energia. In caso di mancato pagamento della quota canone, dovranno segnalare il mancato incasso all'Agenzia delle Entrate, per il recupero. Nel caso di mancato pagamento del solo canone Rai, indicato come voce separata nella bolletta, non è prevista l'interruzione della fornitura di energia.

Confermate invece e categorie esonerate dal pagamento del canone Rai, come gli over 75 anni il cui reddito familiare non oltrepassa la soglia di 6.700 euro circa, così come per i militari delle Forze Armate Italiane, limitatamente a ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari; quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia a condizione che nel Paese siano applicate misure corrispondenti per quelli italiani; imprese che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il