BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: chi paga, detrazioni, esenzioni prima casa, seconda casa, affitto. Domande e risposte dopo nuove indicazioni

Canone Rai 2016: domande e risposte dopo ultime indicazioni chi paga, esenzioni, detrazioni prima casa, seconda casa, affitto




Nonostante siano ormai note le novità sul pagamento dl Canone Rai 2016, sono ancora diversi i punti da chiarire e le ultime informazioni ancora attese. Cerchiamo di capire quali sono queste novità.

Quanto e come si paga il Canone Rai 2016?

Il Canone Rai 2016 costerà 100 euro, che scenderanno ancora a 95 euro nel 2017 e il pagamento sarà bimestrale, sarà sommato alla bolletta della luce. Solo per quest’anno, il Canone Rai in bolletta della luce si pagherà dal mese di luglio, quando i contribuenti riceveranno la loro bolletta della luce, più 70 euro di Canone Rai.

Quali sono le ultime notizie in merito?

Il Ministero dello Sviluppo economico ha stabilito che sarà la residenza in un immobile il criterio guida per stabilire chi dovrà pagare il Canone in bolletta elettrica e chi no e chi attiva una fornitura di energia a novembre o dicembre, dovrà pagare a partire da gennaio. Il viceministro dell’Economia Zanetti ha inoltre precisato che la dichiarazione del possesso della tv non farà scattare i controlli negli anni precedenti e che il canone Rai sarà addebitato solo ed esclusivamente sulle utenze residenziali, quindi solo sulle prime case. Per quanto riguarda gli intestatari di contratti di fornitura con tariffa D3 (per abitazioni di residenza con impegno di potenza superiore a 3 kW e per quelle non di residenza), l’Agenzia delle Entrate ha invece chiarito che bisogna trasmettere gli identificativi all’Acquirente unico, che li comunicherà poi alle compagnie elettriche. Se, per esempio, due coniugi residenti in due abitazioni diverse, con una utenza elettrica di tipo residenziale nelle due case, pagheranno due volte il canone Rai, mentre il contribuente con più di una utenza elettrica intestata a sè dovrebbe invece pagare solo per l’abitazione nella quale è residente.

Chi paga il Canone Rai?

Il Canone Rai si continuerà a pagare esclusivamente sul possesso della tv e non su tablet, Pc, smartphone ed altri devices; dovrà essere versato dai contribuenti solo su utente domestiche, da coloro che vivono in abitazioni residenziali, dai residenti all'estero che hanno una casa in Italia dove è presente un televisore e dai titolari di un locale pubblico, per cui è previsto un canone speciale. Si attendono ancora chiarimenti sulle modalità, o meno, di pagamento del Canone Rai per gli studenti fuori sede in affitto ma che hanno mantenuto la residenza a casa dei genitori. In tal caso l’Agenzia delle Entrate ha precisato che a pagare dovranno essere i proprietari di casa ma si attendono conferme, perché nei classici casi di appartamenti in affitto il pagamento del Canone spetta agli inquilini.

Chi non paga il Canone Rai?

Il Canone Rai non si paga sulla seconda casa e nel caso in cui questa fosse affittata il pagamento del canone spetta esclusivamente agli inquilini anche se il contratto dell’energia elettrica è intestata ai proprietari. Non pagano il canone gli over 75 che non convivono con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio, che hanno un reddito che sommato a quello del proprio coniuge convivente non supera i 6.713,98 euro annui; i militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato, agenti diplomatici e consolari; i militari delle Forze Armate Italiane, ma in quest’ultimo caso l’esenzione è prevista solo per ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate, mentre la detenzione del televisore all’interno di un alloggio privato, anche se situato dentro le strutture militari, prevede il pagamento del canone; gli invalidi degenti in case di riposo e i riparatori e rivenditori tv. Per non pagare il Canone, nel caso in cui non si possieda una tv, i contribuenti devono  presentare ogni anno un'autocertificazione allo sportello Sat dell'Agenzia delle Entrate.

Cosa si fa per non pagare il Canone Rai?

Per non pagare dimostrando che non si ha in casa una tv bisogna presentare una dichiarazione alla Direzione provinciale I di Torino- Ufficio territoriale di Torino I- Sportello S.A.Tma il direttore dell’Agenzia delle Entrate Orlanci ha chiarito che le modalità di presentazione della dichiarazione devono essere ancora stabilite con successivo provvedimento del direttore delle Entrate.

Quali sono le sanzioni previste per chi non paga il Canone Rai?

Chi non paga il Canone Rai 2016 sarà soggetto a sanzioni fino a 500 euro; chi, invece, effettua il pagamento in ritardo, entro i 30 giorni successivi alla data di scadenza, deve sommare alla cifra richiesta di 100 euro una sanzione pari a 4,47 euro, cioè pari a un dodicesimo dell'importo per ogni semestre; e dopo i 30 giorni di ritardo una sanzione di 8,94 euro, cioè un sesto del canone per ogni semestre. Attesi invece chiarimenti sul pagamento degli arretrati non pagati, per cui la prescrizione scatta solo a distanza di dieci anni. Sono inoltre ancora attesi i decreti da parte dei ministeri dell’Economia e dello Sviluppo economico per l’esenzione dal pagamento del canone a favore delle fasce più deboli. Secondo quanto previsto tali decreti arriveranno nei prossimi quattro mesi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il