BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Comuni e Regioni vanno avanti con novità riforma pensioni reali e veloci non come Stato Centrale: novità giovedì oggi

Scongelato il cervello di un coniglio le cui cellule cerebrali non presentano alcun danno. Passo in avanti verso l'ibernazione umana.




Novità PENSIONI E ULTIME NOTIZIE PENSIONI, ULTIMISSIME Giovedì (ultimo aggiornameno fatto ore 11:22): Numerose sono, infatti, le norme a livello regionale, ma anche comunale per le novità per le pensioni che continuano ad esserci così come quelle legate a sostegni. Solo nelle ultime notizie e ultimissime si possono ricordare norme già in vigore in Lombardia, Puglia, Veneto e Piemonte che su scala minore fanno avanzare progetti del tutto simili a quota 100, mini pensioni e quota 41.

Novità PENSIONI E ULTIME NOTIZIE PENSIONI, ULTIMISSIME Mercoledì (ultimo aggiornameno fatto ore 10:07): Da una parte tanti annunci e promesse e dall'altra, invece, la concretezza del fare e dell'agire. Stiamo parlando da una parte dei Comuni e delle Regioni che hanno messo in campo numerose novità per le pensioni e lo stanno continuando a farlo, riuscendo anche ad avere come confermano le ultime notizie e ultimissime conti sempre più virtuosi. Dall'altro lo Stato centrale che non fa nulla o poco, e quando lo fa spesso sbaglia, mentre i suoi costi lievitano.

Continua a esserci un evidente stallo sul fronte delle novità pensioni a livello centrale, ma stando alle ultime notizie di oggi martedì 16 febbraio 2016, si registra un certo attivismo tra gli enti locali.

Pensioni. Le novità pensioni viaggiano a livello locale. Basta dare un'occhiata alle ultime notizie che arrivano da quasi tutta Italia, dal Trentino alla Sicilia, per scoprire come, nonostante le ristrettezze economiche, le amministrazione regionali siano attive sul fronte delle previdenza e del persona. Tutto il contrario di quello che accade a livello centrale dove, a parte i finanziamenti in arrivo per i più indigenti, si registra un evidente immobilismo. La giustificazione è sempre quella dell'assenza di coperture economiche. Già, perché il fardello del debito pubblico si è fatto più pesante nel 2015, ma nelle casse dello Stato sono comunque confluite maggiori entrate grazie a un aumento del gettito.

Dai dati diffusi dalla Banca d'Italia è emerso che il rosso dello Stato, pur essendo calato a dicembre scorso rispetto ai livelli record dei mesi precedenti, nell'intero 2015 è comunque aumentato di 34 miliardi di euro rispetto all'anno precedente, attestandosi a 2.169,9 miliardi (contro i 2.136 del 2014). L'aumento del debito nel 2015, spiegano i tecnici di Via Nazionale, è stato tuttavia inferiore al fabbisogno delle amministrazioni pubbliche (49,3 miliardi) per effetto della diminuzionedi 10,7 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (collocatesi a fine anno a 35,7miliardi) e degli scarti e dei premi di emissione che hanno contenuto il debito per 5,1 miliardi.

Hsbc. Hsbc mantiene la sua sede a Londra. Lo rende noto il gruppo bancario britannico al termine del Cda che ha preso questa decisione all'unanimità. Per il gruppo Londra "è la sede ideale" e l'Asia "resta al centro della strategia" di Hsbc. "Avere la nostra sede nel Regno Unito e attività significative nell'area Asia Pacifico offre il meglio per i nostri stakeholder", sottolinea il Ceo Stuart Gulliver. Il cda, inoltre, ha deciso che procederà a un'eventuale revisione "solo se c'è un cambiamento significativo delle circostanze". Nei mesi scorsi la banca aveva ventilato l'ipotesi di un trasloco a Hong Kong per sfuggire a quelle che riteneva eccessive pressioni normative e regolatorie.

Ibernazione. La scienza festeggia. È stato scongelato per la prima volta un cervello. Si tratta dell'encefalo di un coniglio le cui cellule cerebrali, dopo essere state portate a temperature sotto zero, non presentano alcun danno. La tecnica, messa a punto da Gregory Fahy e Robert McIntyre dell'azienda californiana 21st Century Medicine, dopo cinque anni di esperimenti, apre alla possibilità del sogno dell'ibernazione umana.

Bolzoni. Il primo produttore europeo di attrezzature per carrelli elevatori e parti di ricambio passa in mano americano. Bolzoni è stata infatti acquistata da Hyster-Yale Materials Handling, con sede a Cleveland, Ohio, per 53,4 milioni di euro. Il prezzo di acquisto delle azioni Penta Holding, socio di maggioranza della società italiana, è stato pari a 4,30 euro per azione. L'Opa viene lanciata a un prezzo con multipli in linea con le transazioni di M&A più recenti nel settore.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il