BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa, mobilità, concorso scuola, assunzioni, part time: consultazione pubblica molto più forte promette Renzi

Il presidente del Consiglio cerca un dialogo con i docenti sulle deleghe scuole, ma il percorso appare tutto in salita.




Continua a essere accesso il confronto sulla scuola e a intervenire attraverso lo strumento della newsletter è stato lo stesso premier Matteo Renzi. In particolare, ha scritto che "dopo le polemiche sulla legge e lo stupore per il fatto che siamo riusciti a mantenere tutti gli impegni presi" proverà a "coinvolgere di nuovo i professori, sperando che vada meglio dell'anno scorso". In ballo ci sono le deleghe, rispetto a cui il tentativo del presidente del Consiglio è di ricomporre un dialogo con i docenti. Il percorso appare tutto in salita, anche considerando gli attriti con le organizzazioni sindacali e i ritardi nella pubblicazione dei bandi relativi al nuovo concorso scuola.

A mostrare tutte i suoi dubbi sull'efficacia di questa strategia è proprio un sindacalista, Giuseppe Mascolo, segretario generale Ugl Scuola, secondo cui "sulla scuola il premier in realtà continua a fuggire da un serio e costruttivo confronto con i sindacati su temi come l'impalcatura della riforma, il concorso (passibile di innumerevoli contenziosi giudiziari) e il rinnovo del contratto di categoria, un dovere del governo e non merce di scambio". E ancora: "il presidente del Consiglio sostiene di aver mantenuto gli impegni assunti sulla scuola e a pensare alle future deleghe, ma l'unico impegno concreto e reale è quello di aver disorganizzato la scuola pubblica, mettendo gli istituti scolastici in seria difficoltà".

Nel frattempo l'esecutivo sta rimodulando le prove scritte nel segno di un minor nozionismo. Nel programma di Laboratorio di Scienze e Tecnologie delle Costruzioni Aereonautiche (classe B10), la prova pratica, ad esempio, consiste nella stesura originaria nella messa in fase di un magnete dell'accensione di un motore alternativo a magneti aeronautico, nel rilievo della durezza di un materiale con penetratore Brinell o Rockwell. In galleria del vento nel rilievo delle curve dei coefficienti aerodinamici caratteristici di un profilo, al variare dell'incidenza. Nella rappresentazione al CAD di un pezzo meccanico con riportate quotature e tolleranze di lavorazione. Con descrizione del processo di produzione e lavorazione.

E ancora: la prova deve essere svolta in base ai dati forniti dalla Commissione ed essere comunque corredata da una relazione tecnica, con elenco dei materiali quantitativi utilizzati, descrizione delle fasi tecniche di lavoro. Solo dopo la pubblicazione dei bandi, attesa entro la fine di questo mese, l'attenzione si sposterà sul terzo ciclo del Tfa ordinario, fondamentale perché per la partecipazione ai concorsi sarà da ora in poi necessaria l'abilitazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il