BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: chi paga, su cosa si deve pagare, detrazioni, esenzioni. Intestatari, affitto, primo casa.Spiegazioni ufficiali

Rispetto al canone Rai sono in corso ulteriori approfondimenti da parte degli addetti ai lavori mentre i contribuenti attendono nuovi chiarimenti.




Condizione fondamentale per il pagamento del canone Rai è il possesso di un televisore abilitato alla ricezione delle trasmissioni televisive. Ci sono però alcuni paletti. L'imposta grava solo sulle prime case, di proprietà o in affitto. Anche se basterà l'intestazione di una utenza per la fornitura di energia elettrica per far scattare la presunzione della presenza di un televisore. Il canone Rai 2016 non è invece legato a PC, smartphone e tablet. Diventerà dunque decisivo il controllo incrociato dei dati per individuare i contribuenti chiamati a passare alla cassa. Questa è la ragione per cui la prima rata, di 70 euro attraverso la bolletta elettrica, sarà versata solo nel prossimo mese di luglio.

Da qui a cinque mesi saranno necessari ulteriori approfondimenti per gli addetti ai lavori e chiarimenti per i contribuenti. Nel caso di mancato pagamento del canone Rai 2016 sono previste multe fino a 500 euro, ma non l'interruzione della fornitura della corrente. A differenza degli anni passati, non è più possibile dichiarare il suggellamento del televisore. Il mancato pagamento del canone Rai, indicato nella bolletta con una voce separata, non comporta l'interruzione della fornitura di energia, ma sanzioni fino a un massimo di 500 euro.

A non passare alla cassa sono gli intestatari di una utenza elettrica privi di un televisore. Devono dichiararlo all'Agenzia delle entrate con un'autocertificazione, ma non è stato ancora rilasciato il modello. In ogni caso, per facilitare le modalità di pagamento del canone Rai, le autorizzazioni all'addebito diretto sul conto corrente bancario o postale, rilasciate a intermediari finanziari dai titolari di utenza per la fornitura di energia elettrica per il pagamento delle relative fatture, si intendono estese al versamento di una delle imposte meno sopportate.

A essere esentati dal versamento del canone Rai 2016 sono gli anziani con più di 75 anni di età e reddito fino a circa 6.700 euro tra tutti i membri della famiglia. Non devono tenere conto delle novità relativa al canone Rai anche per i militari delle Forze Armate Italiane, limitatamente a ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari; quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; gli agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia a condizione che nel Paese siano applicate misure corrispondenti per quelli italiani; le imprese che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il