BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Certificazione Unica 2016: entro venerdì oggi una prima proroga doveva essere approvata

Notizie ufficiali su una possibile proroga della Certificazione Unica 2016 potrebbero arrivare con il Milleproroghe.




AGGIORNAMENTO: Alle fine nel decreto Milleproghe non c'è stato nessuna proriova er il 730 precompilato struttura ma immediata è stata la reazione dei Caf e commercialisti che hanno inviato una lettera ufficiale per risollecitare entrambe le proroghe

Per quanto riguarda la Certificazione Unica 2016 e una sua possibile proroga, l'attenzione è puntata sulla giornata di venerdì. Si vota infatti il decreto Milleproroghe che porta con sé l'emendamento con cui si cerca di far passare una proroga strutturale per il 730 precompilato. Resta quindi da scoprire ci sarà qualche cambiamento last minute in grado di modificare il cronoprogramma attuale che prevede la consegna della Certificazione Unica 2016 al contribuente entro il 28 febbraio 2016 e l'invio all'Agenzia delle Entrate, solo ed esclusivamente per via telematica entro il 7 marzo 2016, a fini appunto della predisposizione del nuovo modello 730 precompilato.

In merito alla compilazione ovvero alle istruzioni per il datore di lavoro, ente pensionistico o altro sostituto d'imposta, occorre tenere presente che nella sezione Dati fiscali vanno certificati le somme e i valori assoggettati a tassazione ordinaria e i compensi con ritenuta a titolo d'imposta, quelli assoggettati ad imposta sostitutiva, quelli assoggettati a tassazione separata. Tra quest'ultimi rientrano gli arretrati di anni precedenti, le indennità di fine rapporto di lavoro dipendente, inclusi i relativi acconti e anticipazioni, erogati nell'anno a seguito di cessazioni avvenute a partire dal 1974 o non ancora avvenute e prestazioni pensionistiche erogate in forma di capitale comprese nel maturato fino al 31 dicembre 2006.

L'Agenzia delle entrate fa anche presente che gli enti pubblici e privati che corrispondono trattamenti pensionistici di reversibilità devono certificare gli importi corrisposti per il coniuge superstite separatamente da quelli corrisposti per gli orfani, anche se minorenni e conviventi. In caso di decesso del sostituito, il datore di lavoro deve rilasciare agli eredi la certificazione relativa al dipendente deceduto attestante i redditi e le altre somme a lui corrisposte, indicando nella sezione Dati anagrafici i dati anagrafici relativi al defunto. Il sostituto d'imposta, in presenza di più certificazioni rilasciate per il medesimo periodo d'imposta, deve effettuare il conguaglio nell'ultima Certificazione Unica rilasciata, tutti i redditi riferiti ai precedenti rapporti di lavoro.

In questo caso, i dati relativi alle somme e valori assoggettati a tassazione sulla base degli scaglioni di reddito e delle relative aliquote nonché quelli relativi agli emolumenti arretrati di lavoro dipendente, dovranno essere indicati con riferimento all'ultima Certificazione Unica rilasciata, mentre sarà necessario fornire distinta indicazione dei dati relativi alle indennità di fine rapporto utilizzando più volte i moduli necessari.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il