BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Certificazione Unica 2016: ultimi aggiornamenti proroga scadenza, invio e istruzioni compilazione Cu Ordinario e Forfettario

Nuove regole Certificazione Unica 2016 per dipendenti e autonome e due scadenze da rispettare: novità di quest’anno e ultime notizie su richiesta proroga




CERTIFICAZIONE UNICA 2016 NOVITA' E ULTIME NOTIZIE: Non ci sono ad oggi venerdì 26 febbraio 2016 novità sulla proroga per la prima scadenza dell'invio della Certificazione Unica. Si attende sempre una rispota ufficiale INPS o AGenzia dell'Entrate, ma al momento la situazione rimane interlocutoria. C''è da dire che diverse realtà sono chiaramente in ritardo come numerosi CAF o, per esempio, l'Ensarco che ha detto a tutti i suoi iscritti che la CU si potrà scricare solo il 29 ultimo giorno disponibile, segno che è una rincorsa contro il tempo.

Lavoratori dipendenti e autonomi, sia che siano in regime ordinario, dei minimi o forfettario, entro il prossimo 29 febbraio dovranno ricevere dai propri datori di lavoro la Certificazione Unica, che dall’anno scorso ha sostituito il Cud. Il modello è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, prevede due scadenze di invio ed è composto da due sezioni: la prima è la Certificazione lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale, in cui devono essere inseriti i dati dell’assistenza fiscale, della previdenza complementare, di operazioni straordinarie e societarie, e il trattamento di fine rapporto e altre indennità soggette a tassazione separata; mentre la seconda è la Certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi dove bisogna riportare dati previdenziali; di somme liquidate a seguito di pignoramento verso terzi, somme corrisposte a titolo di indennità di esproprio, altre indennità e interessi.

Tra le novità di quest’anno, che in alcuni casi sta creando non pochi problemi, c’è l’obbligo di inserire nella Cu il codice fiscale del coniuge anche se non è a carico. Il problema nasce dal fatto che il datore di lavoro non conosce il codice fiscale del coniuge, motivo per il quale ogni lavoratore dovrebbe fornirlo in breve tempo senza attendere o dimenticarlo.

Due anche le scadenze previste per l’invio della Certificazione Unica 2016: entro il 28 febbraio, che slitta però al 29 considerando che il 28 cade di domenica, bisogna inviare la Cu ai lavoratori; entro il 7 marzo La Cu deve essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate A causa di un grandissimo numero di dati da inserire, e alle prese con la compilazione di diverse Certificazioni Uniche, i sostituti di imposta hanno chiesto all’Agenzia delle Entrate una proroga di invio dei modelli. Ma non sembra esserci, al momento, alcuna disponibilità da parte delle Entrate stesse di rinviare i termini di invio della Cu.

Considerando questa posizione ormai nota da giorni, ulteriori richieste presentate sono state quelle di non prevedere sanzioni nei casi di ritardi o errori nella compilazione della Cu stessa. Si attendono risposte ufficiali in merito ma la buona notizia è che la proroga di trasmissione della Certificazione Unica 2016 potrebbe essere approvata solo in relazione ai modelli dei lavoratori autonomi.

Considerando infatti che la Cu contiene i dati che andranno a definire il modello 730 precompilato che l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei lavoratori dal prossimo 15 aprile e che i lavoratori autonomi non lo presentano, visto che usano il modello Unico per la dichiarazione dei redditi, non sarà necessario affrettarsi a inviare le Cu entro il 7 marzo. La data di invio sarebbe stata pertanto prorogata al prossimo 31 luglio e senza alcuna sanzione prevista. Chi, infatti, invia una Cu in ritardo o errata è soggetto a sanzioni da 100 euro ogni Cu sbagliata.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il