BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Diventare disoccupati o essere senza lavoro: come usare al meglio e fare domande agevolazioni Isee e sussidi disoccupazione

Erogazione di Asdi e social card legati al valore Isee che non vale però per la Naspi: cosa sapere e regole da seguire




Quest’anno la Naspi è stata estesa anche a lavoratori stagionali, del settore turistico o degli stabilimenti termali per gli eventi di disoccupazione verificatisi entro il 31 dicembre 2015, e a lavoratori domestici ,a domicilio, dipendenti con periodi di lavoro estero, lavoratori agricoli, oltre che a coloro che hanno maturato almeno 13 settimane di contributi negli ultimi 4 anni di lavoro e 18 giornate effettive di lavoro negli ultimi 12 mesi, ma non può essere richiesta da dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e gli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato, e da coloro che hanno chiuso consensualmente il rapporto di lavoro in aziende che hanno meno di 15 dipendenti.

L’importo della Naspi è pari al 75% dello stipendio mensile se è di 1.195 euro e non può superare i 1.300 euro mensili, e può essere cumulato con altri redditi derivanti da prestazioni di lavoro occasionale nel limite di 3.000 euro l’anno. La domanda deve essere presentata all’Inps in via telematica che provvederà ad erogarla per 24 mesi. L’erogazione della Naspi non è legata al valore Isee, contrariamente invece all’Asdi e alla social card, o al bonus bebè.

Per richiedere l’Asdi, infatti, trai requisiti, bisogna avere un Isee inferiore ai 5mila euro, prevede l’erogazione di un importo pari al 75% dell’ultimo assegno Naspi e non può essere superiore all’importo dell’assegno sociale, cioè 448,07 euro. In presenza di figli nel nucleo familiare, alla cifra prevista dovranno essere sommati bonus che variano in presenza di uno o più figli a carico. In particolare, sono di 89,70 euro per famiglie con un figlio a carico; di 116,60 se si hanno due figli a carico, che salgono a 140,80 euro per tre figli a carico; e a 163,82 per quattro o più figli a carico.

Anche per richiedere la social card bisogna avere un determinato valore Isee: per ricevere, infatti, l’accredito dei 40 euro ogni due mesi dall’Inps, da poter spendere per acquisti di beni di prima necessità, bisogna avere un Isee non superiore ai 15.000 euro; 65 anni di età e un reddito Isee inferiore a 6.795,38 euro; o 70 anni di età e un Isee non superiore a 9.060,51 euro. La social card viene erogata dall’Inps ma deve essere richiesta direttamente presso gli uffici postali.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il