BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni novità simulazioni e calcolo requisiti, età novità riforma pensioni Esecutivo, Ministeri, Istituto Previdenza, Comitato

La proroga delle concessioni balneari al 2020 rischia di essere bocciata dalla Corte di giustizia dell'Unione europea.




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME mercoledì 1 marzo OGGI (AGGIORNAMENTO ore 8:20):  Le mini pensioni sono rimaste un pò indietro rispetto a tutte le ultime notizie e ultimissime sui vari metodi e sistemi proposti, ma in realtà lo sono pubblicamente. In quanto a livello di attuazione le simulazioni e i calcoli vertono anche su di esse anche perchè costano molto poco e sono una norma non proprio legata alle novità per le pensioni, ma con con un carattere sociale e di solidarietà

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME martedì 1 marzo OGGI (AGGIORNAMENTO ore 16:45): Tra i vari Ministeri, comunque, c'è una divisione e probailmente all'interno degli stessi e non tutti sono d'accordo. Il Ministero dell'economia vorrebbe intervenire più sul piano della solidarietà con l'assegno universale, ma alcuni Viceministri sposerebbero anche la tesi, con il ricalcolo dell'assegno, dell'Istituto di Previdenza. Lo stesso si può dire per il Ministero del Lavoro, dove il Resposabile del Dicastero parla di politiche attive tra lavoro e pensione come la staffetta ibrida, mentre altri proseguono la strada dell'Istituto di Previdenza. E in questo contetso non bisogna dimenticare che gli stessi tecnici di entrambi i Ministeri stanno studiando la novità delle pensioni minime che verrebbe attuata più come manovra di sostegno che come novità per le pensioni.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME martedì 1 marzo OGGI (AGGIORNAMENTO ore 15:02) Diversi i sistemi di uscita anticipa al vaglio dei tecnici di esecutivo, Ministeri, Istituto di Previdenza e Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio. Le novità per le pensioni potrebbero partire dalle misure contenute nel piano dell’Istituto di Previdenza, dall’uscita anticipata a 63 anni e sette mesi di età con almeno 20 anni di contributi e penalizzazioni elevate, alla cancellazione delle ricongiunzioni onerose e semplificazioni del cumulo, all’uscita con quota 42 o 43, cioè con 42 o 43 anni di contributi, indipendentemente dall’età anagrafica e penalizzazioni. L’uscita a 63 anni riprende uno di quelli in discussione al Comitato ristretto, proposto proprio dal suo presidente, che prevede l’uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni del 2% per ogni anno di anticipo in cui si decide di andare in pensione. Sua anche la proposta di uscita con quota 100, sostenuta anche da esecutivo, Ministeri, e diversi partiti, che prevede, invece, l’uscita dal lavoro a 60 anni di età con 40 anni di contributi, o 61 anni di età con 39 anni di contributi, o 62 anni di età con 38 anni di contributi, purchè, dunque, la somma di età anagrafica ed età contributiva dia 100, ma sempre a fronte di penalizzazioni. Il Comitato ristretto discute anche del sistema di uscita a quota 41, vale a dire con 41 anni contributi, indipendentemente dall’età anagrafica e con penalità.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME martedì 1 marzo OGGI (AGGIORNAMENTO ore 13:41): Sembrano delinearsi diverse novità da realtà differenti per le novità per le pensioni anche se appaiono, seppur con alcune differenze, abbastanza convergenti dalle ultime notizie e ultimissime. I tempi sembrano ormai quasi certi, almeno quando iniziare ( e sono già iniziati), mentre ci si sta confrontando su quali modi tra quota 100, quota 41, mini pensioni siano meglio.

Sono le ultime notizie di oggi martedì 1 marzo febbraio 2016 a confermare come le novità pensioni sono al centro dei lavori dell'esecutivo.

Pensioni. Il via alla ripresa del dibattito sulle pensioni è arrivato con le stesse comunicazioni fatte uscire da Palazzo Chigi. L'obiettivo da raggiungere è permettere il congedo un po' prima, copertura economica permettendo. Tra le proposte per le novità sulle pensioni sul tavolo del confronto c'è anche quella del presidente dell'Istituto nazionale della previdenza sociale. Già presentata con un articolato piano, prevede il ritiro fino a tre anni prima rispetto ai requisiti adesso in vigore e perciò a 63 anni e 7 mesi, ma solo se l'assegno previdenziale sia pari ad almeno 1.500 euro al mese. Ovviamente ci sarà da fare i conti con una decurtazione dell'importo finale, fino al 10-11%.

Da segnalare anche l'opportunità, sempre per le novità sulle pensioni, di aprire le porte del congedo anche con 43 anni di contributi vresati, indipendentemente dall'età anagrafica. Continua a essere al centro dell'attenzione per le novità sulle pensioni anche il disegno di legge presentato dal coordinatore del Gruppo pensioni a Montecitorio, con cui consentire il ritiro anche a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazione massima dell'8% in base al reale momento del congedo. Stando al testo delle pensioni, non sarebbe applicata alcuna penalizzazione nel caso di pensionamento a 66 anni con almeno 35 anni di contribuzione versata. Le prime penalizzazioni scatterebbero a 65 anni con 40 anni di contributi (-0,3%) fino ad arrivare appunto a quelle applicate con 62 anni di età e 35 anni di contributi (-8%).

Riforma Feis. La Commissione europea fa luce sui Fondi strutturali e di investimento europei Sie) e sul Fondo europeo per gli investimenti strategici (Feis). Sono due strumenti diversi: i Fondi strutturali finanziano i progetti con sovvenzioni e strumenti finanziari e sono attuati in modo decentrato dalle autorità di gestione negli Stati membri mentre il Feis mette a disposizione strumenti di finanziamento del rischio tramite la Banca europea per gli investimenti. La complementarità, rende noto, si può concretizzare in molti modi, in funzione dell'investimento. L'uso complementare può essere interessante in paesi o settori in cui i Fondi strutturali offrono ampie opportunità e in cui il Feis da solo non sia stato ancora pienamente mobilitato.

Satispay. È sufficiente scaricare l'app sul cellulare, inserire i propri dati e l'Iban del conto corrente. Una volta iscritti è possibile pagare esercenti fisici e online convenzionati. Ecco il risultato della nuova startup Satispay. Per gli utenti il servizio è gratuito, per gli esercenti non sono previsti costi di iscrizione o canoni mensili, ma una commissione fissa di 20 centesimi per gli importi maggiori di 10 euro.

Scalata Nanga Parbat. Questa sì che è una impresa per l'alpinismo. L'italiano Simone Moro ha raggiunto la cima del Nanga Parbat, in Pakistan, il monte più a Nord degli ottomila e uno dei due non ancora scalati d'inverno insieme al K2. Stiamo parlando di un'altezza di 8.125 metri per la nona montagna più alta della Terra.

Riforma spiagge. La proroga delle concessioni balneari al 2020 rischia di essere bocciata dalla Corte di giustizia dell'Unione europea. Per l'avvocatura generale di Lussemburgo la legge italiana è contraria al diritto comunitario perché blocca l'ingresso al mercato. Al legislatore italiano la possibilità di valutare le aspettative di rinnovo per il titolare che ha fatto investimenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il