BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni importanti novità attese da Assemblea Pd riforma pensioni pure richiesta da Bersani: novità mercoledì oggi

Torna la deflazione in Italia, mentre i nuovi equilibri della maggioranza dell’esecutivo potrebbero avere conseguenze anche per le novità per le pensioni: cosa sta cambiando




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME martedì OGGI (AGGIORNAMENTO ore 13:17): Il nuovo segretario, o meglio tra i potenziali nuovi segretari eleggibili in una Assemblea, potrebbe essere Rossi che da sempre si è espresso in favore dei cambiamenti e delle novità per le pensioni con forza appoggiando anche cambiamenti sostanziali come il ricalcolo assegni più alti per favorire sistemi per uscire prima. O, comunque, come indicano le ultime notizie e ultimissime, ha chiesto un ampio e vero confronto.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME martedì OGGI (AGGIORNAMENTO ore 10:44): Anche Bersani richiede con forza una Assemblea del Pd per andare ad analizzare la nuova maggioranza, ma anche quali i temi e gli indirizzi che stanno più a cuore all'attuale esecutivo con una opposizione interna sempre meno forte. E come detto i cambiamenti per le pensioni potrebbero essere molto importanti anche in vista del nuovo segretario e non solo.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME martedì OGGI (AGGIORNAMENTO ore 19:57): Nella giornata odierna è stata richiesta ancora con più forza, anche da Bersani come riferiscono le ultime notizie e ultimissime, una convocazione di una Assemblea del Pd o cambiando le date di quella già fissata o facedone una straordinaria. E l'impatto per le novità per le pensioni potrebbe essere molto importante visto non solo l'opposizione interna che finora non si è mai dimostrato tanto forte, ma anche le figure dei possibili segretari e le proprie idee sulle pensioni che si profilano

Nuovi equilibri nella maggioranza dell’esecutivo e ci si chiede quali conseguenze potrebbe avere per le novità per le pensioni. Le ultime notizie sul ritorno della deflazione in Italia e nuovi abbonamenti Telepass per autostrade. Vediamo le ultime novità ad oggi lunedì

Pensioni: Dopo il caos accaduto nella maggioranza per le coppie di fatto, sembra siano cambiati gli equilibri del Pd tanto che è stato di anticipare il Congresso Pd per discutere l’allargamento della maggioranza, dopo le ultime notizie dell'ingresso dei verdiani. E si tratta di nuovi equilibri che potrebbero avere conseguenze importanti anche per le novità pensioni. Un ruolo fondamentale potrebbe essere ricoperto da Enrico Rossi che spesso ha ribadito l’importanza del progetto per le novità delle pensioni dell’Istituto di Previdenza e la volontà di portare a compimento le modifiche previste, soprattutto in riferimento al ricalcolo delle pensioni più alte e al taglio dei vitalizi. Si tratta di misure da cui si potrebbero recuperare soldi anche per finanziare sia le novità per le pensioni sia nuovi sostegni sociali. Cruciale per Rossi sarebbe anche lavorare su provvedimenti pensionistici collegati all’occupazione, in modo, come spesso ormai ripetuto, da dare ai più giovani la possibilità di entrare in quel mondo del lavoro che oggi sembra ancora bloccato e permettere uno svecchiamento di diversi comparti, dando anche nuovo impulso a produttività e competitività.

Riforma autostrada: sono entrate in vigore le novità per chi viaggia in autostrada: cambiano, infatti, le modalità di acquisto Telepass e mentre il contratto Telepass resta invariato, saranno unificati i contratti Premium e Premium Extra. Federconsumatori ha dettagliatamente spiegato le novità per le opzioni Opzione Premium, Twin, Unicum Telepass Family e Unicum Telepass con Viacard. I contratti Telepass Premium e Telepass Premium Extra saranno unificati, estendendo a tutta la clientela Premium anche il soccorso stradale sulla viabilità ordinaria in aggiunta al servizio già attivo di assistenza sulla rete autostradale a pedaggio. ‘Tutto ciò avverrà contestualmente ad un aumento dei costi. Un operatore unico, che in una posizione di netto e prevalente monopolio decide di disdettare i contratti in essere e di aumentare a suo piacimento le tariffe riferite ai Telepass, a nostro avviso rappresenta una grave violazione’. Il pacchetto Premium con abbonamento di 1,5 euro al mese in precedenza corrisposto dai clienti Extra contro gli attuali 0,78 euro al mese prevede ora anche il soccorso stradale sulla viabilità ordinaria, insieme al servizio già attivo di assistenza sulla rete autostradale a pedaggio. Per premiare la fedeltà dei ‘vecchi’ clienti, il canone Premium di 0,78 euro al mese resterà invariato per tutto il 2016 con la possibilità di usufruire dei servizi connessi al pacchetto Extra e alla fine dell’anno si avrà la possibilità di recedere dal pacchetto opzionale e passare all’abbonamento standard o di confermare l’adesione alla formula Extra.

Deflazione torna: Nel corso di questo mese l’Italia torna a scivolare in deflaziione: secondo gli ultimi dati Istat, infatti, l'inflazione, dopo 9 mesi è tornata negativa ed è diminuita dello 0,2% su base mensile e dello 0,3% su base annua (era +0,3% a gennaio). Secondo l'Istat, la flessione tendenziale dei prezzi al consumo è il risultato di una dinamica congiunturale caratterizzata da cali dei prezzi diffusi di quasi tutte le tipologie di prodotto, contro quella positiva dello stesso mese del 2015 quando, invece, tutte le tipologie di prodotto avevano segnato una ripresa dei prezzi rispetto al mese precedente. Rispetto allo stesso mese dello scorso anno,  i prezzi dei beni diminuiscono dello 0,8% (la variazione era -0,1% a gennaio) e il tasso di crescita dei prezzi dei servizi rallenta (+0,5%, da +0,7% del mese precedente). I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona sono calati dello 0,1% rispetto a gennaio e dello 0,4% su base annua (a gennaio era +0,3%). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto diminuiscono dello 0,3% in termini congiunturali e dello 0,8% su base annua ( era +0,1% a gennaio). L'inflazione acquisita per il 2016 è pari a -0,6% ma, secondo la Confcommercio, il rischio deflazione resta moderato, perchè la riduzione tendenziale dei prezzi ha ragioni circoscritte e per la maggior parte dei beni e servizi di largo consumo, dall'abbigliamento, ai mobili, ai sevizi di ricreazione, ricettivi e di ristorazione, i prezzi permangono in moderata crescita (tra 0,4 e 1,3%).

Riforma fusione Italgas e F22i Reti: Alle porte la fusione tra Italgas e F2i Reti per il controllo della rete del metano della controllata Snam. Visto che il socio di maggioranza di Snam è Cdp Reti, terminata la fusione sarà proprio questo ramo della Cassa depositi e prestiti ad avere la quota di maggioranza relativa. Una volta ufficializzata la fusione, in una seconda fase si darà avvio anche alla quotazione in Borsa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il