BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni e riforma taglio tasse con riordino detrazioni Governo Renzi 2016-2017 dipendenti privati, statali,partita iva,pensionati

Come dovrebbe procedere il piano di riduzione delle tasse in Italia con conseguente tagli delle detrazioni fiscali: il progetto




Partire da tagli di detrazioni fiscali per poter effettivamente realizzare l’abbassamento del cuneo fiscale a tutto vantaggio dei guadagni per i cittadini: l’esecutivo si prepara a mettere a punto un preciso taglio delle tasse, da Ires, a Irap, Irpef e congelamento dell’Iva, volto a sostenere quel pesantissimo carico fiscale che presa sui contribuenti italiani e che potrebbe a conseguenti ed automatici aumenti degli stipendi di dipendenti statali e lavoratori autonomi, nonché dei redditi da pensione.

Questo nuovo piano di taglio delle tasse in Italia potrebbe essere presentato già il 12 marzo prossimo in occasione dell'incontro tra i leader del Pse, che precederà il Consiglio europeo del 17.  Sarebbe certamente una svolta, visto il particolare momento economico-culturale che il nostro Paese sta vivendo, e che se fosse realmente confermata farebbe certamente tirare un sospiro di sollievo. Si tratta di provvedimenti che però verrebbero messi a punto in maniera graduale partendo da Irap e Ires per arrivare al taglio dell’Irpef nel 2017 e al congelamento dell’Iva almeno per tre anni, fino cioè al prossimo 2019, come indicato dal viceministro dell’Economia Morando.

Una priorità di misure che mette ancora una volta in secondo piano le novità per le pensioni ma che dovrebbe partire dallo stesso principio: vale a dire tagliare alcune delle detrazioni fiscali oggi previste ma che molto spesso sono a vantaggio dei più furbetti. In questo modo si recupererebbero quelle risorse economiche necessarie per permettere la riduzione delle tasse.

L'ipotesi che si sta portando avanti è quella di un taglio di sei punti del cuneo fiscale dei nuovi assunti e di tre punti dei lavoratori da tempo assunti e datori di lavoro. Per il viceministro Morando la priorità è bloccare ’Iva almeno fino al 2019, quindi tagliare l’Ires, almeno di quattro punti, per poi abbassare anche l’Irpef.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il