BusinessOnline - Il portale per i decision maker






WhatsApp nuovo e ultimo aggiornamento febbraio-marzo 2016-2017 con tanti problemi ed errori. Soluzioni, cosa fare

Non mancano i problemi per chi ha installato l'ultima versione del software di messaggistica istantanea.




Tempo di aggiornamento per WhatsApp sia sui vari iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 5S, iPhone 5C, iPhone 5, iPhone 4S e sia sugli smartphone Android, tra cui Samsung Galaxy S6, Samsung Galaxy S5, Samsung Galaxy S4, HTC One, Nexus 5X, Nexus 5, Nexus 6 e i vari modelli di LG e Xperia. La versione 2.12.14 introduce quattro novità. La prima è il miglioramento del design migliorato per la navigazione di foto e video. Quindi la possibilità ora concessa di condividere foto o video da altre applicazioni installate sul telefono, come Google Drive, Dropbox, o Microsoft OneDrive. Ecco poi l'opportunità di scegliere tra una varietà di colori solidi come sfondo delle chat. Infine, lo zoom durante la riproduzione dei video.

Tuttavia c'è chi segnala problemi nell'esperienza d'uso in seguito all'aggiornamento di WhatsApp. In particolare, qualcuno lamenta l'assenza di notifiche dei messaggi in arrivo. La soluzione migliore è quella di disinstallare l'app e installarla da capo. Diverso è il caso della sparizione dei suoni in-app nelle chat e perfino della vibrazione. C'è chi ha provato, senza successo, con la rimozione dell'update, e non mancano le segnalazioni di crash all'avvio e di impossibilità di vedere le conferme di lettura nei gruppi.

Il tutto mentre si registra un episodio di cronaca. Per "mancanza di collaborazione" è stato arrestato Diego Dzodan, vicepresidente di Facebook per l'America Latina. Il motivo, secondo la polizia, è stato il rifiuto di girare alla giustizia brasiliana dati di WhatsApp (che appartiene proprio a Facebook) relativi a sospetti narcotrafficanti. Le indagini sono iniziate dopo un sequestro di droga a Lagarto, in Brasile. Il giudice, Marcel Montalvão, aveva chiesto a Facebook lo username di un account WhatsApp sul quale erano registrate informazioni su un traffico di sostanze illecite. Facebook, che ha respinto la richiesta del giudice, è stata costretta a pagare per un mese una multa quotidiana di un milione di reais, ovvero 230.000 euro. In una nota, Facebook fa sapere che "è sempre stata e sarà sempre disponibile a rispondere a ogni domanda delle autorità".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il