BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa Terzo Ciclo nuovo 2016: Miur, discussioni interne e sindacati. Ritardi incombono pur promesse bando questo mese o Aprile

Il bando per il prossimo Tfa 2016 potrebbe arrivare ad aprile: continuano gli incontri tra sindacati e Miur e le polemiche degli aspiranti docenti




Si attendono ancora novità ufficiali sul prossimo ciclo del Tfa 2016 ma siamo ancora in attesa di chiarimenti e dettagli sulle modalità di svolgimento del prossimo concorso della scuola 2016. Nonostante, infatti, la pubblicazione dei tre nuovi bandi, il provvedimento ufficiale sulle nuove classi di concorso e il via alle iscrizioni, mancano, per esempio, le date precise di svolgimento delle prove, sia scritta che orale, e tutto sembra ancora in ritardo.

Lo stesso dicasi per il terzo ciclo del Tfa: manca la data di avvio, manca il bando ufficiale. Le indicazioni parlano di un probabile arrivo proprio di quest’ultimo per questo mese o al massimo per il prossimo mese di aprile. Dopo un incontro tra Miur e sindacati sul prossimo Tfa, sembra che sia stato deciso che a breve arriveranno notizie ufficiali sul bando del prossimo Tfa, dopo la definizione degli ultimi dettagli per lo svolgimento del prossimo concorso della scuola.

Seguendo queste indicazioni, lavori per il prossimo Tfa dovrebbero partire il mese di marzo, per poi arrivare ufficialmente in primavera, presumibilmente per il mese di aprile. Ma mancano ancora conferme in tal senso. Sono stati però confermati i requisiti per partecipare al prossimo Tfa che resta ancora l’unica strada per l’abilitazione e l’accesso ai prossimi concorsi per la scuola.

Eppure sono tanti gli aspiranti docenti che continuano a polemizzare proprio su questo percorso: secondo molti, infatti, è inutile passare da Tfa e concorso della scuola per l’immissione in ruolo, visto che il Tfa non da accesso immediato all’insegnamento. Secondo i sindacati, il Miur si è limitato a fornire ancora solo linee generali senza spiegazioni dettagliate e ciò dimostra che si continua con i ritardi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il