BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Elezioni Roma, Napoli, Trieste sindaco primarie Pd 2016: candidati, programma confronto. Sondaggi aggiornati oggi, chi vince

Primarie Pd a Trieste, Napoli e Roma: candidati e programmi per rilancio e riqualificazione delle città. Cosa sapere




Domenica 6 marzo dalle 8 alle 22 si vota per le primarie Pd a Roma, Trieste e Napoli: sei i candidati nella Capitale, Roberto Giachetti, Roberto Morassut, Stefano Pedica, Gianfranco Mascia, Domenico Rossi, e Chiara Ferraro; quattro a Napoli Valeria Valente, Antonio Bassolino, Marco Sarracino e Antonio Marfella; e due a Trieste Roberto Cosolini e Francesco Russo. In ognuna delle città, per esprimere il proprio voto i cittadini dovranno recarsi presso il seggio della propria zona, muniti di carta di identità valida e tessera elettorale e versando un contributo di partecipazione.

I sondaggi sulle primarie a Napoli danno in testa la Valente che per i prossimi cinque anni ha detto di voler lavorare per rendere la città efficiente e moderna, sostenendo occupazione e studi e garantendo maggiore sicurezza. L'ex sindaco Bassolino, invece, tornato alla ribalta sulla scena politica napoletana vorrebbe continuare sulla strada di un piano di rilancio della città perseguendo obiettivi di sicurezza, riqualificazione di periferie e quartieri a rischio, e del welfare pubblico. I programmi dei candidati, che si possono consultare sul sito http://www.primarienapoli.it/, puntano soprattutto su un’organizzazione di una Napoli in ottica europea.
 
Spostandoci a Trieste, il sindaco uscente Cosolino, di nuovo in corso, cui si deve uno sviluppo della città sia a livello di relazioni nazionali che internazionale e un forte rilancio della cultura, continuerà certamente a puntare sul rilancio della città anch'essa a livello europeo, garantendo, allo stesso tempo, anche possibilità occupazionali per tutti e sostegni sociali. Più vivace e complessa la situazione nella Capitale: sul sito www.primarieroma2016.it sono disponibili tutte le informazioni necessarie sulle modalità di voto e i programmi dei candidati.

Ad oggi, i sondaggi danno ancora in testa Roberto Giachetti che per una migliore gestione della città, in funzione dei cittadini stesso, intende innanzitutto dare più fondi e poteri ai Municipi, quindi sostenere la manutenzione pubblica e la mobilità, con sistemi di controllo del traffico cittadino attraverso semafori intelligenti e razionalizzazione delle fermate dei bus. Giachetti punta anche alla riorganizzazione del trasporto pubblico, da rendere più puntuale ed efficiente, e a stanziare maggiori risorse per la sicurezza.

Dietro Giachetti, nelle preferenze di voto dei romani Roberto Morassut. Il suo programma punta innanzitutto alla soluzione di problemi considerati cruciali per Roma, dalla riqualificazione necessarie per le periferie alla questione della mobilità, al rimettere in sesto il bilancio, abbassando le tasse e ponendo fine alle frodi e agli scandali affittopoli di cui si sente parlare ormai da tempo nella Capitale. Bisogna quindi concentrare su una precisa riorganizzazione del trasporto pubblico in città e valorizzare sempre più arte e cultura, fiore all'occhiello della città.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il