BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni nuove contrarietÓ, novitÓ, divergenze ritornano tra decisori su novitÓ mini pensioni, quota 41,quota 100, riforma: sabato

Tra le novitÓ per le partite Iva a regime ordinario ci sono le deduzioni a quote maggiorate del 40% per gli acquisti di beni strumentali.




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME sabato 5 marzo OGGI (AGGIORNAMENTO ore 13:55): Invece di appianarsi le divergenze e le nuove divisioni aumentano non solo sulle novità per le pensioni, ma anche su quali strategie e obiettivi in generale cercare di avere come priorità e di ottenere. I limiti sono molti e i margini strettissimi su qualsiasi cambiamento e novità come riprotano i dati e le stattiche economiche e non delle ultime e ultimissime notizie.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME sabato 5 marzo OGGI (AGGIORNAMENTO ore 11:22): Le divergenze sembrano aumentare, così come le diverse visioni di veduta sui cambiamenti per le pensioni e le novità da approntare quando tutti sembravano prima essere d'accordo. Ora che, invece, siamo di nuovo a fare i conti (nel senso letterale del termine con il Documento Programmatico) le divisioni appaiono crescere. Una storia in gran parte già vista.

La difficoltà a introdurre novità sulle pensioni dipende anche dalla divergenza di punti di vista come riferito dalle ultime notizie di oggi sabato 5  marzo 2016.

Pensioni. Difficile capire realmente quali saranno le novità pensioni che troveranno spazio nell'ordinamento italiano. La ragione è molto semplice: la diversità di posizioni e indicazioni tra chi può intervenire per introdurre cambiamenti. E così Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia, continua a essere piuttosto scettico sulle novità pensioni. Fosse per lui, nulla andrebbe modificato nell'attuale legge previdenziale, se non qualche correttivo per le posizioni più socialmente squilibrate. Alla base di questa chiusura c'è la volontà di preservare gli equilibri di bilancio e di dirottare altrove gli eventuali risparmi. Di posizione opposta Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro a Montecitorio, favorevole a intervenire in profondità rispetto alle norme in vigore.

In particolare si è fatto da tempo promotore di un disegno di legge che prevede di andare in pensione anche a 62 anni di età e 35 anni di contributi versati accettando una penalizzazione massima dell'8%. Sul fronte della novità pensioni è impegnato anche Tommaso Nannicini, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, che ha proposto di rendere le buste paga un po' più pesante in cambio di un taglio dei contributi ovvero una riduzione del futuro assegno della pensione. In prima linea c'è naturalmente anche Tito Boeri, presidente dell'Istituto nazionale della previdenza sociale, tra l'altro favorevole ad acconsentire all'apertura delle porte della pensione un po' prima rispetto a quanto ora previsto.

Partita Iva. Tra le novità per le partite Iva a regime ordinario e non a regime forfettario ci sono le deduzioni a quote maggiorate del 40% per gli acquisti di beni strumentali nuovi effettuati fino al 31 dicembre 2016 dagli esercenti arti e professioni.

Tfa terzo ciclo nuovo. Per il bando del terzo ciclo del Tfa ordinario, appuntamento tra la fine di questo mese di marzo e l'inizio di aprile. Nel frattempo proseguono le iscrizioni al concorso scuola 2016 per l'assunzione di 63.700 insegnanti,

Codice strada. Dopo quasi tre anni, cinque letture parlamentari e due voti di fiducia il nuovo reato autonomo di omicidio stradale è diventato legge con 149 voti favorevoli. Tre sono stati invece i voti contrari e 15 gli astenuti. Le associazioni dei familiari delle vittime della strada esprimono "viva soddisfazione per questa legge che rivoluziona totalmente il peso delle responsabilità a carico di quanti uccidono sulla strada".

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il