BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni numerose novità differenti questa settimana e già oggi su novità riforma pensioni quota 100, mini pensioni

Ecco il titolo della Banca Mondiale a scadenza decennale e cedola a tasso fisso dell'1,75% che potrà essere sottoscritto anche dalla clientela retail.




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME domenica OGGI (AGGIORNAMENTO ore 13:18): Tra i cambiamenti minimi, ma importanti che ci potrebbero essere da subito si parla di una ricongiunzione facilitata e senza costi, o con spese minori, ma soprattutto l'idea di rispolverare dei metodi sperimentali con fondi e temi determinati (e spesso anche molto limitati) come quota 100 ibrida con alte penalità magari morigerata dai meccanismi delle mini pensioni.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME domenica OGGI (AGGIORNAMENTO ore 10,51): E nasce così l'idea di una mossa inaspettata che già veniva indicata tra le novità possibili allo studio per poter vincere e convincere alle elezioni e ricompattare per quanto possibile la maggioranza e il Pd soprattutto. Il problema è cosa fare. Le imposte sembrano accontentare tutti, ma c'è chi spinge a delle novità per le pensioni anche minime e sperimentali, ma proprio per tovare consenso su un tema dove i sondaggi danno in netto calo l'esecutivo.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME domenica OGGI (AGGIORNAMENTO ore 8:33): Nella giornata odierna si dovranno analizzare i risultati delle primarie che sicuramente non sono quelle che si ritevano e si speravano nonostante vi siano degli entusiami che cercano di smorzare la delusione nascosta. E tra i temi che potrebebro aver portato ad una delusione c'è sicuramenrte quello delle pensioni su cui riflettere.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME domenica OGGI (AGGIORNAMENTO ore 19:36): E poi già da domani lunedì si dovranno analizzare i risultati delle elezioni primarie che si sono volte a Trieste, Napoli e Roma per capire il grado di affluenza e e anche di gradimento dei vari candidati se più quelli dell'esecutivo o dell'opposizione interna. E questo potrebbe far propendere o meno a quell'idea di novità, di sorpresa che secondo le ultime notizie e indiscrezioni sembra vi sia.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME domenica OGGI (AGGIORNAMENTO ore 15:45): Tra l'altro oltre alle attese che abbiamo visto sotto, vi saranno anche delle comunicazioni che martedì l'Italia riceverà dall'Unione Europea, molto probabilmente martedì con una lettera di correzione dei bilanci, che non sarà un infrazione vera e propria, ma un richiamo che dopo diverse trattative neppure lo stesso esecutivo si attendeva e che avrà conseguenze su tutti i temi, pensioni comprese.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME sabato OGGI (AGGIORNAMENTO ore 19:49): Inizia una nuova settimana con diverse attese per il tema delle pensioni che sembrano apparire non più così al centro delle decisioni come prima, ma non è affatto vero. Anzi cosa si decide ora, può essere se non fondamentale, molto importante.

Stando alle ultime notizie di oggi sabato 5 marzo 2016, sono tante le prospettive per le novità pensioni nella prossima settimana.

Pensioni. Anche la settimana che arriva va seguita con attenzione sul versante delle pensioni. Siamo ancora lontani dalla definizione di misure concrete e definitive sulle pensioni, tuttavia ci sono diversi filoni da seguire con attenzione. Il più importante è senza dubbio la riunione della Banca centrale europea del 10 marzo. L'istituto è al lavoro sul quantitative easing, sull'abbassamento dello spread e sui tassi di interesse, tutte misure che, incidendo sul debito e sul Pil, avranno conseguenze anche sulle prospettive per le pensioni. C'è poi da capire se l'esecutivo compierà passi in avanti sulla riduzione delle tasse e su qualche misure correttiva per le pensioni nella scia delle primarie e dell'affluenza.

In ogni caso, il governo ha bisogno di trovare convergenza di vedute sulla strada da seguire per introdurre novità sulle pensioni. E in questo contesto si continua a lavorare sotto traccia al rimpasto. Nel corso della settimana sono poi in calendario le riunioni del Gruppo Lavoro a a Montecitorio sulla definizione del Fondo per il contrasto all'indigenza e del Comitato ristretto sulle pensioni. Tra le questioni al centro del confronto ci sarano il ricalcolo degli assegno, l'applicazione di quota 100 e quota 41. In settimana si andrà avanti anche con la stesura del Def 2016, rispetto a cui è appunta in ballo anche il taglio delle tasse.

Mediolanum. Punto a favore di Silvio Berlusconi nella partita Mediolanum. Il Consiglio di Stato gli ha dato ragione accogliendo il ricorso presentato contro la vendita, imposta da Bankitalia, della quota del 20%, eccedente il 9,9% nel gruppo bancario controllato da Fininvest insieme alla famiglia Doris. La decisione di Bankitalia era legata alla condanna definitiva per frode fiscale dell'ex premier, che gli aveva fatto perdere i requisiti di onorabilità e secondo la Banca d'Italia, anche di reputazione bancaria, sulla base della direttiva dell'Unione europea del 2007.

Obbligazioni World Bank. Arriva dalla Banca Mondiale il bond per lo sviluppo sostenibile. Il titolo, obbligazione in dollari a scadenza decennale e cedola a tasso fisso dell'1,75%, potrà essere sottoscritto anche dalla clientela retail. Come spiegato da Carlo Segni, lead financial officer, Treasury della Banca Mondiale, "si tratta di una iniziativa volta a finanziare progetti di sviluppo sostenibile nei paesi emergenti, progetti che rispettino i criteri Esg (Environment, social responsibility e governance) che sono sempre più al centro dell’interesse degli investitori perché in grado di offrire rendimenti superiori a quelli medi di mercato con una minore variabilità.

Agrumi. C'è un'importante sentenza della Corte europea di giustizia in materia agroalimentare, con inevitabili conseguenze anche sul mercato italiano. Diventa obbligatori l'indicazione dei conservanti su tutti gli agrumi europei, anche quelli destinati all'esportazione. I giudici hanno poi puntato l'indice contro l'eventuale svantaggio concorrenziale tra produttori di ortofrutticoli poiché "i limiti massimi dei conservanti post raccolta sono fissati a un livello 50 volte maggiore per gli agrumi che per altri frutti".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il