BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni novitÓ ultime martedý 8 marzo a sorpresa nuova mossa, primarie elezioni novitÓ pensioni anticipate, minime,ricongiunzioni

Ancora tutta da giocare la partita delle pensioni, anche se le ultime notizie non riferiscono di una comunanza di vedute.




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME lunedì OGGI (AGGIORNAMENTO ore 10:22): La sinistra Pd sta cercando di portare avanti l'idea che il doppio incarico non va bene e ci vuole un nuovo segretario. E anche la figura scelta potrebbe dare una spinta alle novità per le pensioni se i nomi sono quelli che traspaiono dalle ultime notizie. A questo punto per il premier vi è una motivazione in più per vincere e dove possibile stravincere le elezioni comunali. Senza una vittoria netta e convinta la sua leadership andrebbe in crisi. E bisogna dunque vedere i temi più importanti e scegliere una mossa che possa far vincere. Una mossa che già le ultime notizie facevano trapelare e che ora potrebbe diventare realtà. Quindi le novità e i cmabiamenti per le pensioni potrebbero avvenire a due livelli differenti.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME lunedì OGGI (AGGIORNAMENTO ore 8:42): Le elezioni hanno portato un certo malcontento, come avevamo anticipato e non è un caso che l'opposizione interna abbia già richiesto nuovamente di organizzare quanto prima il Congresso per esaminare le varie tematiche tra cui sicuramente anche le pensioni e capire lo spazio per la nomina di un nuovo segretario. E soprattutto questo potrebbe cambiare il volto delle pensioni.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME sabato OGGI (AGGIORNAMENTO ore 10:22): Le elezioni primarie del Pd non sono andate bene. Non si pososno negare i numeri, rispetto alla scorsa tornata c'è stato più che un dimezzamento e Bassolino, un candidato dell'altra parte del Pd rispetto all'attuale segreteria ha fatto molto bene pur perdendo. E dunque, la tanto attesa sorpresa ci potrebbe essere che faccia sorprendere gli elettori e permetta di vincere queste comunali non affatto così scontate. Ora occorre capire se la sorpresa saranno le tasse o le novità sulle pensioni o entrambe, con piccoli annunci ad affetto che sono, a ben vedere, già iniziati.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME sabato OGGI (AGGIORNAMENTO ore 7:01): Un inizio settimana che ha già delle nuove indicazioni per le pensioni con i risultati delle elezioni anticipate che in termini di affluenza non sembrano affatto andate bene con dei chiari segnali che anlizzeremo dopo e con l'aumento delle probabilità di una sorpresa in vista proprio delle elezioni comunali su cui le ultime notizie e ultimissime indicano che vi si sta lavorando

Al lavoro sulle novità pensioni che, in maniera indiretta o indiretta, sono al centro di prossimi appuntamenti. Anche le stesse primarie del Partito democratico di oggi, nelle città di Roma, Napoli e Trieste per la scelta dei candidati sindaco del centrosinistra, vanno lette in questa luce. In base alla partecipazione e ai risultati, il premier potrebbe fare leva anche sulle pensioni per cercare di acquisire consensi in vista delle elezioni di primavera. Certo, non ci saranno stravolgimenti, ma solo qualche eventuale ritocco, come la revisione delle regole sulla ricongiunzione dei contributi per le pensioni, attualmente troppo onerose per i contribuenti.

Ecco allora che sul fronte interno è interessante seguire il lavoro del Gruppo ristretto sulle pensioni a Montecitorio. Tra le questioni sotto la lente di ingrandimento ci sono l'applicazione di quota 100, quale somma di età anagrafica e anni di contribuzione da maturare per andare in pensione, e quota 41, pensata per chi ha iniziato a lavorare in giovane età, ovvero l'apertura delle porte della pensione con 41 anni di contributi versati, senza tenere conto dell'età anagrafica. Altro versante caldo è quello della scrittura del Def 2016, da presentare alle Camere il 10 aprile, che oltre alle novità pensioni, potrebbe prevedere lo stanziamento di risorse, derivanti dal taglio delle detrazioni, per la riduzione delle tasse.

Da tenere sotto controllo anche le decisioni che saranno assunte dalla Banca centrale europea il prossimo giovedì 10 marzo 2016. In ballo ci sono misure sullo spread e sul quantitative easing con riflessi sul debito e sul Pil e dunque sugli spazi di manovra per intervenire anche sulle pensioni. Non è una novità che il mancato rilancio economico del Paese stia limitano la capacità di intervento. Da qui la decisione parallela di chiedere a Bruxelles di rivedere temporaneamente i vincoli del Patto di stabilità di stabilità permettendo così di sforare i rigidi parametri sul debito. In questo modo l'esecutivo disporrebbe di risorse utile da investire per le riforme, anche quella delle pensioni.

Sarà naturalmente decisiva la volontà politica a introdurre novità sulle pensioni e sotto questo punto di vista non c'è convergenza d'intenti. Il premier si mantiene alla larga dall'entrare nel vivo della questione; il ministro dell'Economia auspica il mantenimento delle norme in vigore, preziose dal punto di vista strettamente economico; il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali prende tempo sulle pensioni in attesa di estrarre dal cilindro le soluzione più efficaci tra esigenze sociali e di finanza pubblica.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il