BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Elezioni Roma, Napoli, Trieste primarie Pd risultati ufficiali Giacchetti, Morassut, Bassolino, Valente. Aggiornamenti tempo reale

Sono complessivamente 12 i candidati che si sfidano alle elezioni primarie del Partito democratico nelle città di Napoli, Roma e Trieste.




AGGIORNAMENTO. Stiamo seguendo i risultati parziali e ufficiali in tempo reale, gli exit poll e la diretta delle elezioni primarie per il sindaco del Pd a QUESTO LINK DIRETTO

Napoli, Roma e Trieste sono le tre città in cui il Partito democratico ha organizzato per domenica 6 marzo 2016 le prima per la scelta dei candidati sindaco alle elezioni di primavera. Per rimanere aggiornati su andamento degli scrutini, affluenza, risultati, aggiornamenti in tempo reale ed exit poll, è possibile fare riferimento anche a questo sito che sarà costantemente aggiornato. Il punto di riferimento per le notizie ufficiale rimangono comunque i siti ufficiali creati per ciascuno di questi appuntamenti. Altri validi strumenti sono rappresentati dai siti dei quotidiani la Repubblica, il Corriere della Sera e il Sole 24 Ore. Lo spoglio delle schede inizierà subito dopo la chiusura delle urne.

A Napoli i candidati sono Antonio Bassolino, già primo cittadino ed ex governatore della Campania, Antonio Marfella, candidato per il Partito Socialista, Marco Sarracino, segretario dei Giovani democratici, Valeria Valente, ex assessore comunale alle Pari opportunità con la giunta Jervolino. A Trieste è gara a due tra Roberto Cosolini e Francesco Russo. A Roma si sfidano Roberto Giachetti, candidato del Partito democratico, sostenuto dalla maggioranza del partiti; Roberto Morassut, candidato della minoranza del Partito democratico, deputato dem; Stefano Pedica, candidato dem, ex senatore Pd e Italia dei Valori; Domenico Rossi, candidato di Centro democratico e sottosegretario alla Difesa; Gianfranco Mascia, candidato dei Verdi di cui è il portavoce; Chiara Ferraro, candidata in rappresentanza dei diversamente abili.

Verosimilmente sono Giachetti e Morassut a contendersi la vittoria nella città di Roma. In merito al debito del Comune, per il primo occorre aprire un tavolo con il governo per sapere con chiarezza da qui ai prossimi 5 anni cosa si farà. Serve sapere su quali risorse si potrà contare perché la situazione debitoria porta al rischio paralisi del Comune. Per il secondo una parte delle risorse divorate dal debito deve essere dirottata sugli investimenti in bilancio. Bisogna costruire un gruppo di alto profilo per intercettare investimenti privati esteri.

Sulle Olimpiadi, per Giachetti si tratta di un'occasione da non perdere. Con la candidatura ai Giochi del 2024 Roma otterrebbe dal Cio un miliardo e mezzo di euro. Nella situazione drammatica di bilancio del Comune è un'occasione da prendere al volo. Olimpiadi sì per Morassut. Se gestite nella direzione di interventi utili anche dopo l'evento e non caratterizzati da gigantismo ed eccesso di costi. L'esempio da seguire è quello di Barcellona.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il