BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Certificazione Unica 2016: proroga invio 7 marzo dopo indicazioni detrazioni ufficiali per 730 precompilato e calendario ufficiale

Agenzia delle entrate e Inps fanno capire come la proroga dei tempi per la trasmissione della Certificazione Unica 2016 non ci sarà.




Ci sono alcuni segnali ben precisi da parte di Inps e Agenzia delle entrate che lasciano immaginare come la proroga dei tempi per la trasmissione della Certificazione Unica 2016 non avverrà e la data del 7 marzo rimarrà quella del 7 marzo. Sono state infatti pubblicate le detrazioni in riferimento al 730 precompilato e le nuove scadenze fiscali aggiornate. Della Certificazione Unica 2016 non c'è traccia e di conseguenza è difficile credere a una modifica in tempi così ristretti.

Anche con la Certificazione Unica 2016, il contribuente può destinare una quota pari al due per mille della propria imposta sul reddito a favore di uno dei partiti politici, il cui elenco è trasmesso all'Agenzia delle Entrate dalla Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti politici. Per esprimere la scelta occorre apporre la propria firma nel riquadro presente sulla scheda, indicando nell'apposita casella il codice del partito prescelto. La decisione deve essere presa esclusivamente per uno solo dei partiti politici beneficiari.

Non solo, ma il contribuente può inoltre destinare una quota pari al due per mille della propria imposta sul reddito a favore di un'associazione culturale iscritta in un apposito elenco istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Anche in questo caso, per esprimere la scelta bisogna apporre la propria firma nell'apposito riquadro e per una sola delle associazioni culturali beneficiarie.

In ogni caso, per comunicare la scelta, la scheda va presentata, in busta chiusa, entro lo stesso termine di scadenza previsto per la presentazione della dichiarazione dei redditi modello Unico 2016 persone fisiche allo sportello di un ufficio postale che provvede a trasmetterla all'amministrazione finanziaria. Si fa presente che il servizio di ricezione della scheda da parte degli uffici postali è gratuito. Oppure a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica. Quest'ultimo, sia esso un professionista o un Centro di assistenza fiscale, deve rilasciare, anche se non richiesta, una ricevuta attestante l'impegno a trasmettere le scelte. Gli intermediari hanno facoltà di accettare la scheda e possono chiedere un corrispettivo per il servizio prestato.

La busta da utilizzare per la presentazione della scheda deve recare l'indicazione "Scelta per la destinazione dell'otto, del cinque e del due per mille dell'Irpef", il codice fiscale, il cognome e nome del contribuente. Deve essere integralmente presentata anche nel caso in cui il contribuente abbia espresso soltanto una delle scelte consentite. Infine, la scheda può essere presentata direttamente dal contribuente avvalendosi del servizio telematico.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il