BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita Iva minimi, ordinaria, forfettaria, Canone Rai bolletta, detrazioni ristrutturazioni lavori e mobili: novità settimana

Le ultime notizie e le novità della settimana su bonus mobili, canone TV in bolletta e limitazioni all'accesso al forfettario.




Partita Iva. Questo è l'anno delle semplificazioni delle partite Iva. In questo 2016 ne esistono di due tipi: ordinaria e forfettari, ma quest'ultima non è apribile da tutti. Al di là delle sogli di reddito, il regime agevolato è precluso ai contribuenti che, anche solo marginalmente, si occupano di agricoltura e attività connesse e pesca; vendita sali e tabacchi; commercio dei fiammiferi; editoria; gestione di servizi di telefonia pubblica; rivendita di documenti di trasporto pubblico e di sosta; intrattenimenti, giochi e altre attività simili; agenzie di viaggi e turismo; agriturismo; vendite a domicilio; rivendita di beni usati, di oggetti d'arte, d'antiquariato o da collezione; agenzie di vendite all'asta di oggetti d'arte, antiquariato o da collezione.

Canone Rai bolletta. Arriva il Fondo per il pluralismo e l'innovazione. Sarà costituito presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze e finanziato dai fondi statali per l'editoria e le radio e TV locali, dalle risorse aggiuntive del canone Rai sino a cento milioni di euro, da un contributo pari allo 0,1% del reddito complessivo, delle concessionarie pubblicitarie di stampa e TV, degli editori che raccolgono pubblicità direttamente, delle agenzie di intermediazione. Per le multinazionali del web l'inclusione passa per l'articolo 73 del Testo unico delle imposte sui redditi. Per accedere ai contributi almeno due anni di anzianità della testata e rispetto dei contratti di lavoro. Contributo non oltre il 50% dei ricavi.

Detrazioni ristrutturazioni lavori e mobili. Per ottenere il bonus mobili è necessario che i lavori di ristrutturazione si configurino come interventi di manutenzione straordinaria su singole unità immobiliari abitative. Secondo l'Agenzia delle entrate la sostituzione della caldaia, in quanto intervento diretto a sostituire una componente essenziale dell'impianto di riscaldamento e come tale qualificabile intervento di manutenzione straordinaria, consente l'accesso al bonus mobili, a patto che garantisca risparmi energetici rispetto alla situazione preesistente.

L'intervento di sostituzione della vasca da bagno con un'altra vasca con sportello apribile o con un box doccia non può essere detratto al 50% perché si tratta di manutenzione ordinaria. In più, l'Agenzia ritiene che tale intervento, anche se in grado di ridurre almeno in parte gli ostacoli fisici fonti di disagio per la mobilità di chiunque e di migliorare la sicura utilizzazione delle attrezzature sanitarie, non possa rientrare tra i lavori "finalizzati all'eliminazione delle barriere architettoniche".

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il