BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni nuovi segnali e novitÓ interessanti da talk tv e attese Bce, Gruppo novitÓ quota 100, quota 41, mini pensioni

Stasera, martedý 8 marzo, in onda due nuove puntate di Ballar˛ e DiMartedý: possibili novitÓ al centro delle puntate




PENSIONI NOVITA' E PENSIONI ULTIME NOTIZIE E ULTIMISSIME (aggiornamento): Tra l'altro Martina non a caso, è uno dei preferiti nell'ultimo sondaggio tra i componenti dell'esecutivo probabilmente sia per il suo impegno nell'ambito agricolo e alimentare, ma anche per le parole spese per le pensioni

PENSIONI NOVITA' E PENSIONI ULTIME NOTIZIE E ULTIMISSIME (aggiornamento): Nessuna nuova indicazione, invece, dal Ministro Martina che si era contraddistinto in diverse affermazioni nelle ultime notizie, a sostegno delle novità per le pensioni

PENSIONI NOVITA' E PENSIONI ULTIME NOTIZIE E ULTIMISSIME (aggiornamento): ​A Ballarò, i riferimenti alle novità per le pensioni non sono stati diretti, ma in funzione della pressione fiscale e di quel piano di taglio delle tasse che tanti si augurano effettivamente, come il giornalista e scrittore Friedman che auspica un reale taglio dell'Irap.

PENSIONI NOVITA' E PENSIONI ULTIME NOTIZIE E ULTIMISSIME (aggiornamento): Ancora due interessanti puntate quelle di ieri sera 8 marzo di Ballarò e DiMartedì: cruciali le discussioni sulle novità per le pensioni: ospite di DiMartedì, intervistato da Floris, il ministro dell'Occupazione.
Il ministro ammette innanzitutto che l’attuale legge pensioni è stata fatta male, non ha costruito una gradualità nell'uscita, dando vita ad una grande ingiustizia, e i soldi recuperati, finiti nel bilancio italiano, sono stati in parte spesi. Perché la legge in vigore fosse buona, avrebbe dovuto essere messa a punto con maggiore gradualità e discutendo all’epoca con l’Europa. Rimanda, dunque, ancora una volta le novità pensioni, ma precisa che assolutamente non saranno mai toccate in alcune provvedimento le pensioni alle vedove e ai figli. Sull’uscita prima con penalizzazione, come quota 100, il responsabile del dicatsero dell'Occupazione, ancora rinvia, sulla mini pensioni dice di essere d’accordo considerando che non incide sui conti, anche se ha controindicazioni, perché deve essere restituito. In studio anche Giordano, favorevole al ricalcolo delle pensioni più alte, e il leader della Lega che incita ancora ad una totale revisione dell’attuale legge pensioni.

Stasera, martedì 8 marzo, su Rai Tre e La7 andranno in onda due nuove puntate di Ballarò e DiMartedì: al centro dei talk show ancora una volta le pensioni e le ultime notizie in merito di cui si sta discutendo in questi giorni. Saranno ospiti esponenti di spicco dell’esecutivo e di partiti politici, pronti a spiegare eventuali novità per le pensioni al vaglio e le possibilità di essere messe in atto o meno. Sappiamo, infatti, che sono diversi gli ostacoli da superare per una concreta realizzazione di novità per le pensioni. Tra gli ospiti di DiMartedì questa sera ci sarano Matteo Richetti del Pd e il viceministro dell’economica Enrico Zanetti.

Diverse le loro posizioni sulle novità per le pensioni: Ricchetti ha presentato un nuovo ddl che prevede l'abolizione dei vitalizi d'oro ai parlamentari e l'estensione anche a loro degli stessi trattamenti pensionistici che valgono per tutti i lavoratori dipendenti. Si tratta di una novità messa a punto innanzitutto per ristabilire un'eguaglianza sociale tra tutti coloro che versano i contributi, nonchè per iniziare ad accumulare risparmi che deriverebbero proprio dai tagli ai vitalizi d'oro. Questa proposta è sostenuta da moltissimi esponenti di tutte le forze politiche ed è una novità che piace decisamente anche ai cittadini, nonostante non trovi, chiaramente, appoggio da parte degli stessi interessati che perderebbero i loro privilegi.  

Per Ricchetti, però, il taglio ai vitalizi rappresenterebbe anche il primo passo per poter attuare novità per le pensioni per tutti perché i soldi che si risparmierebbero potrebbero poi essere impiegati per finanziare novità per le pensioni come quota 100, mini pensione o quota 41, come anche l’assegno universale, ma serve coraggio per proseguire sulla strada di questo cambiamento. Decisamente diversa invece la posizione del neo viceministro dell’Economia Zanetti da sempre sostenitore di novità per le pensioni ma che ultimamente ha chiaramente detto come le modifiche pensionistiche non rappresentino ancora una priorità per l’esecutivo che ora sta lavorando sul piano di taglio delle tasse per una riduzione del cuneo fiscale con conseguente aumenti degli stipendi per tutti, dipendenti, autonomi e pensionati.

Zanetti, comunque, è favorevole a piani di cambiamento come ricalcolo degli assegni ma anche modifiche sulle ricongiunzioni e, più in generale, con le misure pensionistiche contenute nel piano presentato dall’Istituto di Previdenza, in accordo con lo stesso esecutivo. Novità per le pensioni protagoniste anche dalla puntata di stasera di Ballarò: tra gli ospiti in studio il Ministro delle politiche agricole Martina, lo Chef stellato Gianfranco Vissani, il direttore de Ilfattoquotidiano.it Peter Gomez e il giornalista Alan Friedman.

Potrebbe essere interessante l’intervento del ministro Martina che dagli ultimi sondaggi appare come uno dei più apprezzati ministri e che qualche tempo fa ha aperto a novità per le pensioni, sostenendo i metodi di uscita prima e la necessaria revisione dei requisiti attualmente previsti per andare in pensione. Anche Friedman ribadirà il suo appoggio alle novità per le pensioni, partendo da una revisione degli assegni più elevati per arrivare finalmente all’approvazione di sistemi come quota 100 o quota 41.

Nel corso della serata saranno resi noti i dati degli ultimi sondaggi per capire meglio il significato dei risultati delle elezioni primarie del Pd in vista delle prossime amministrative e le eventuali conseguenze che tali risultati potrebbero avere proprio sulle novità per le pensioni. In vista delle elezioni, infatti, potrebbe arrivare a sorpresa una bella novità per le pensioni, mossa che, come detto più volte, potrebbe rivelarsi vincente per l’esecutivo e la conquista di nuovi consensi. Potrebbero, dunque, spuntare, in forma sperimentale, anche se sembra difficile, sistemi come quota 100, mini pensione o anche quota 41 anche se non inseriti in un vero e proprio quadro di cambiamenti organici.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il