BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni prospettive e novità risposte INPS a Comitato Ristretto e presidente INPS a Convegno Torino oltre decisioni Draghi Bce

Dai lavori del Gruppo ristretto pensioni a Montecitorio al board della Banca centrale europea: quali novità pensioni?




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: La decisione della Bce è sicuramente importante per i conti italiani, proprio nel momento in cui devono essere nuovamente messi a posto e si pensa già alla prossima manovra che potrebbe contenere novità per le pensioni. Il fatto di un taglio dei tassi dovrebbe, infatti, sostenere l'economia così come permetterci un maggior risparmio sul debito l'acquisto di più titolo di Stato facendo cadere lo spread che era risalito a 130. Nel pomeriggio è iniziato l'incontro del Comitato Ristretto di cui vi daremo reseconto delle novità.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME:  Nell'incontro tra il Comitato e l'INPS vi sarà un confronto sulle novità per le pensioni, ma non generico. Infatti, ci si confronterà in modo, informale, come riferiscono le ultime notizie ufficiali, sulle norme al momento depositate. E per una in particolare.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME:  Tre incontri molto importanti per le pensioni e le relative novità sono previsti in un sol giorno. Prima di tutto alle 14, vi sarà la riunione della Bce con Draghi dove saranno importanti sia le decisioni economiche che il discorso che sarà fatto dopo e poi sempre nel pomeriggio come riportato alle ultime notizie l'incotnro che verrà svolto dal Comitato Ristretto in parte anche in collaborazione con l'INPS.

Quella di domani è una giornata potenzialmente interessante per le novità pensioni. Sia dentro sia fuori i confini nazionali ci sono tanti appuntamenti da segnare in agenda. In prima battuta sono da seguire con attenzione i lavori del Gruppo ristretto pensioni a Montecitorio. Si comincia con le interrogazioni a risposta immediata su questioni di competenza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. La procedura è quella già seguita in passato. Ciascun gruppo parlamentare rappresentato formulerà una domanda che comunque deve essere depositata nella giornata di oggi. Evidentemente la questione della novità pensioni, oltre a quelle relative all'occupazione, saranno naturalmente centrali.

Si prosegue poi con le conseguenti audizione, ma questa volta sono coinvolti i rappresentanti dell'Inps. Si parlerà degli assegni più alti ovvero quelli superiori a dieci volte l'integrazione al trattamento minimo dell'Istituto nazionale della previdenza sociale. Al centro della discussione c'è la proposta del ricalcolo secondo il sistema contributivo che, in ogni caso, non potranno essere inferiori a dieci volte il trattamento minimo dell'Inps. I risparmi di spesa verrebbero dirottati all'introduzione di misure di perequazione dell'integrazione al trattamento minimo dell'Inps, dell'assegno sociale e dei trattamenti di pensione. L'appuntamento fa il paio con quello delle scorse settimane, in cui la stessa Inps ha fatto luce sul costo dell'introduzione della proposta di legge che prevede la possibilità di andare in pensione anche a 63 anni e 7 mesi di età con 35 anni di contribuzione ovvero con una penalizzazione annua del 9%, pari dunque al 3% per ogni anni di congedo in anticipo rispetto alle norme in vigore.

Si tratta di una leggera modifica dello schema elaborato dallo stesso presidente del Comitato ristretto pensioni a Montecitorio e della sua tabella di incentivi e disincentivi. A ogni modo, secondo l'Istituto nazionale della previdenza sociale, l'impegno di spesa per le casse dello Stato sarebbe pari a 1,5 miliardi di euro dal 2017, 2,5 miliardi di euro dal 2018 e 3 miliardi di euro dal 2019, ma solo se il 70% degli interessati accettassero di andare in pensione. A completamento delle stime di spesa, si segnala anche il miliardo e mezzo di euro di costo per introdurre quota 41, misura pensata per chi ha iniziato a lavorare in giovane età, con cui permettere l'apertura delle porte della pensione con 41 anni di contributi, senza tenere conto dell'età anagrafica.

Infine, a conclusione dei lavori del Comitato ristretto pensioni a Montecitorio, si segnalano i nuovi focus sull'istituzione di un contributo di solidarietà per l'equità intergenerazionale sui trattamenti pensionistici di importo elevato, sull'introduzione di un limite di importo per i trattamenti pensionistici corrisposti da gestioni previdenziali pubbliche in base al metodo retributivo.

Domani è anche il giorno del board della Banca centrale europea, le cui misure su quantitative easing, abbassamento dello spread e dei tassi di interesse avranno conseguenze su debito e Pil e dunque sulle prospettive per le novità pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il