BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità settimana riforma pensioni previste importanti per novità mini pensioni, quota 100 ultime

Lavazza investe 700 milioni di euro per acquisire la francese Carte Noire e altri 300 milioni di euro per la danese Merrild.




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME lunedì OGGI (AGGIORNAMENTO ore 19:17): E il Gruppo che si dedica alle novità per le pensioni sarà il protagonista con diversi incontri ufficiali su diversi aspetti e argomenti alcuni dei quali correttivi e migliorativi che hanno, però, maggior peso, viste le ultime notizie e le tensioni che si stanno creando. E sono anche novità per le pensioni che possono essere più facilmente ottenibili come vedremo per diversi motivi anche subito in primis a partire dai costi. E vi sono almeno due nuove norme, una appena depositata, mentre l'altra ancora no, tra cui una anche con errori (quella depositata), che si cercherà di far progredire.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME lunedì OGGI (AGGIORNAMENTO ore 11:12): Gli effetti per le novità per le pensioni ome per altri temi non potranno non esserci. Da qui a dire che ci saranno cambiamenti e novità importante e sostanziali è molto difficile, ma qualche cambiamente e correzione da subito ci potrebbe essere per poi fare un collegato nella prossima manovra per dei cambiamenti più radicali. D'alltra parte l'esecutivo attuale ha bisogno di fare questo sia per vincere le prossime elezioni amministrative in bilico, dove le pensioni sono uno dei temi assolutamente più caldi e sentiti e dall'altra per cercare di venire incotnro a quella parte della maggioranza che, comunque, è ancora la più numerosa che non vuole assolutamente la divisione o la scissione, ma argomenti reali di confronto più di sinistra e che sta provando in tutto i modi da almeno due anni a porre in cima le pensioni tra questi, senza, ripetiamo, nessun stravolgimento.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME lunedì OGGI (AGGIORNAMENTO ore 9:44): Uno scontro in piena regola è avvenuto sempre nel fine settimana e avrà ripercurssioni importanti questa settimana in tutte le sedi anche dove si parlerà di novità per le pensioni, dopo la tre giorni di Sinistra riformista che è l'opposizione interna dell'attuale maggioranza con ultime notizie che fanno comprendere come una divisione e una creazione di una forza nuova sembra essere difficile, ma un cambio interno per molti è auspicabile. E come vedremo questa non potrà avere effetti sulle novità per le pensioni sia positivi che negativi e con tempi diversi.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME domenica OGGI (AGGIORNAMENTO ore 19:44): Se è vero che la settimana entrante è importante, ma non così fondamentale, per le novità per le pensioni viste sotto, è pur vero che le ultime notizie che sono arrivate in questo week-end sono davvero numerose e interessanti con tante novità e spunti. In primis, ma non solo, le attività dei movimenti che si occupano delle novità per le pensioni che hanno fatto davvero numerose iniziative. Iniziamo a raccontare la lettera pubblica inviata alla maggioranza con una serie di confronti su cose dette e cose fatte:

Illustre Presidente del Consiglio, Dott. Renzi, il Suo Governo è in carica da due anni ed in questi 24 mesi haricevuto da parte della “Rete dei Comitati degli Esodati” svariati  appelli per un incontro che possa favorire la soluzione complessiva della scandalosa questione dei cosiddetti esodati, ma   ogni nostra richiesta non ha fino ad ora ottenuto alcun riscontro. Anche la possibilità che era stata formulata da alcuni componenti la segreteria del PD nell’incontro, al Nazzareno con una rappresentanza della Rete dei Comitati il 19 febbraio 2014, secondo la quale si ipotizzava di poter risolvere strutturalmente la “questione esodati” con parte delle risorse finanziarie recuperate dal rientro dei capitali dall’estero, non ha poi avuto seguito. Vista la tendenza di certi ambigui personaggi dell’entourage politico (e non) alla rimozione e alla negazione del dramma con cui siamoinvece costretti giornalmente a confrontarci fin dai suoi esordi, si può tranquillamente affermare che gli “esodati” ad oggi non ancora salvaguardati sono dei fantasmi in carne ed ossa.

Le varie tappe della loro mobilitazione dal 6 dicembre 2011ad oggi, verso il recupero del loro diritto alla pensione con le regole previgenti la riforma, non necessitano di esserle ricordate, perché siamo certi che gli elementi di base sul tema Lei li conosca bene , ma riteniamo invece prioritario portare alla Sua attenzione due considerazioni:

- nel corso della Sua intervista alla trasmissione “Che tempo che fa” dello scorso autunno Lei dichiarò che per gli “esodati” (i 49.500 exlavoratori certificati dal Ministero del Lavoro al Parlamento) sisarebbe provveduto a risolvere il dramma con la settima salvaguardia nella Legge di Stabilità.

I fatti: ad oggi, di quei 49.500, oltre 24.000 “esodati” restano ancora non salvaguardati, esclusi da ogni possibilità di deroga. Si rende pertanto indispensabile un urgente ottavo provvedimento di salvaguardia  che porti a giustizia TUTTI gli oltre 24.000 esclusi dalle deroghe;

- Con una specifica norma di legge si è istituito e finanziato (anche con le risorse non utilizzate delle 6 precedenti norme di deroga) il   “Fondo Esodati” le cui somme avrebbero dovuto essere usate esclusivamente  per nuovi provvedimenti  a favore degli “esodati”.

I fatti: le risorse del fondo istituto con la legge 228/2012 sono state distratte per   il finanziamento della “no tax area”,  per interventi infrastrutturali per il Giubileo, per  interventi sulle aree Ex-Expo e per finanziare in parte il provvedimento di ripristino delle  norme che regolano la cosiddetta “Opzione Donna”.

I fatti non sono opinabili, sono elementi oggettivi. I fatti che abbiamo voluto mettere sotto i riflettori sono gravi perché non solo provano che gli impegni non sono stati rispettati, ma pure perché sono l';evidenza inconfutabile che non si è rispettato quanto previsto da una norma inserita in una legge dello Stato, quale è il comma 235 della L.228/2012. 

Il Governo da Lei presieduto non ha stanziato ulteriori fondi per risolvere la questione “esodati”, infatti sia la sesta che la settima salvaguardia sono state finanziate con i risparmi dei precedenti provvedimenti di deroga, ma ha consentito però che il Fondo a loro specificamente destinato venisse usato come un bancomat, per cui una  sola è la richiesta forte e determinata che oggi viene da parte nostra: la restituzione  immediata delle economie del Fondo Esodati usate per scopi ben diversi dalle salvaguardie, pertanto, in manieraincontestabile, non legittimamente utilizzati secondo la legge.

Nell'augurarci che questo nostro ennesimo appello possa trovare questa volta ascolto e speranzosi di poter finalmente avere un confronto costruttivo con Lei,

La ringraziamo dellattenzione e Le porgiamo distinti saluti.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME sabato OGGI (AGGIORNAMENTO ore 19:44): La prossima si presenta come una settimana interlocutoria anche in preparazione di alcune novità per le pensioni importanti sia che stanno procedendo già da diverso tempo che totalmente nuovi. Ma d'altra parte movimenti importanti come riferiscono le ultime notizie e ultimissime continuano sesta sosta e, quindi, come sempre sarà interessante seguirla.

Dalle ultime notizie di oggi sabato 12 marzo 2016 della Banca centrale europea alla convocazione della direzione del Partito democratico: sono attese conseguenze sulle novità pensioni.

Pensioni. Le novità pensioni passano anche dalla spinta della Banca centrale europea all'economia con la sua mossa per stimolare la crescita. Tassi azzerati, alle banche prestiti mirati per imprese e famiglie. A un anno dalle decisioni volte a immettere liquidità nei mercati, il governatore Mario Draghi ha annunciato nuovi provvedimenti espansivi. La Bce, che negli ultimi 12 mesi ha acquistato titoli nell'area euro per 60 miliardi al mese, lo farà, da aprile, per 80. E gli acquisti saranno estesi, per la prima volta, alle obbligazioni emesse dalle imprese, a patto che abbiano un rating adeguato. Si tratta di decisioni che consentiranno una scrittura relativamente più tranquilla del Def 2016, con possibili ripercussioni positive per le pensioni, anche anche se i problemi economici non possono essere nascosti.

Ma anche i movimenti a livello interno vanno seguiti con attenzione, a partire da quelli che coinvolgono il Partito democratico dove si sta consumando un vero e proprio scontro tra la maggioranza che fa riferimento al premier e la sinistra dem, tra l'altro favore alle novità pensioni. In attesa del congresso, che non arriverà prima di un anno, lunedì 21 marzo è convocata la direzione del partito. La prossima è anche la settimana della stesura di un testo unico sulla previdenza da parte del Gruppo pensioni a Montecitorio così come un nuovo incontro intorno al Fondo indigenza.

Lavazza. Un'operazione da 700 milioni di euro: è l'investimento della torinese Lavazza per acquisire la francese Carte Noire, più altri 300 milioni di euro per la danese Merrild. Ora il gruppo italiano diventa a pieno titolo un big globale del caffè. I ricavi della multinazionale torinese sono stimabili a 1,7 miliardi di euro con 12 mesi di Carte Noire. Nel 2015 Lavazza ha realizzato un fatturato di 1,4 miliardi di euro (+8%), di cui all'estero il 55%. Bene gli Stati Uniti (+20%), Regno Unito (+19%) e Francia (+10%). Il brand francese ha una quota, a volume, del mercato retail del 20%. La Francia è il quarto mercato di consumo di caffè nel mondo. Davanti a Brasile, Stati Uniti e Germania. Quinto Paese consumatore è l'Italia.

Studio batterio mare. Una squadra di scienziati giapponesi avrebbe isolato un batterio, Ideonella Sakaiensis, in grado di nutrirsi di plastica, con campi di applicazioni impensabili. Secondo la rivista Science, il batterio è particolarmente goloso di Pet, una delle plastiche più diffuse al mondo. Se ne producono circa 50 milioni di tonnellate l'anno - si legge - ed è utilizzata soprattutto per scopi alimentari ovvero la produzione di bottiglie, contenitori per cibi e bevande, pellicole. Dal punto di vita chimico, si tratta di una plastica molto resistente al processo di biodegradazione. Finora si conoscevano solo due funghi in grado di decomporlo parzialmente.

Antifrodi. Scontro in atto in sede europea sul futuro dell'Olaf, l'Ufficio antifrode dell'Unione europea che sovrintende a tutte le attività investigative sull'uso illecito dei fondi europei, ora guidato da Giovanni Kessler. La revoca decisa da Juncker dell'immunità per aver suggerito a un testimone del caso Dalli di registrare una telefonata alla presenza di investigatori rischia di creare un nuovo attrito con il premier italiano Matteo Renzi. I popolari tedeschi puntano alle dimissioni di Kessler.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il