BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 precompilato 2016 e Unico precompilato: detrazioni, lista spese completa comprese nuovi. Documenti da allegare obbligatori

La novità del modello Unico 2016 precompilato e tutte le spese che si possono portare in detrazione quest’anno: quali sono




Dopo l’esordio del modello 730 precompilato che l’anno scorso ha interessato 20 milioni di contribuenti, quest’anno si appresta a debuttare anche il modello Unico precompilato 2016 relativo all’anno di imposta 2015. Ad annunciare la novità è stato il direttore dell'Agenzia delle Entrate Orlandi che ha spiegato come questa novità fiscale online interesserà altri 10 milioni di contribuenti, portando così la platea di coloro che potranno scaricare i modelli precompilati per la loro dichiarazione dei redditi a ben 30 milioni di contribuenti. Per potere accedere modello Unico 2016 precompilato, esattamente come per il 730 precompilato, bisogna accedere al sito dell’Agenzia delle Entrate, inserire le proprie credenziali web ed entrare nelle aree dedicate alle dichiarazioni precompilate dove si potrà scegliere tra 730 e Unico precompilato.

Nel nuovo modello Unico precompilato saranno inseriti tutti i redditi derivanti dal possesso di fabbricati e terreni, i dati sui familiari a carico, eventuali passate eccedenze nei versamenti, redditi da lavoro dipendente e di pensione, contributi versati per i lavoratori domestici, spese mediche e farmaceutiche, contributi versati alla previdenza complementare. Per quanto riguarda poi le scadenze, quella per l’invio del 730 precompilato è fissata al 7 luglio, mentre quella per l’Unico precompilato è programmata per il 30 settembre. Il modello 730 precompilato 2016 sarà poi disponibile sul sito delle Entrate dal prossimo 15 aprile, mentre il modello Unico sarà disponibile dal 7 luglio.

Per la predisposizione di entrambe i modelli precompilati per la dichiarazione dei redditi serve la Certificazione Unica, che si può richiedere nel classico formato cartaceo ma si può anche scaricare online. Basta, infatti, accedere al sito dell’Inps, inserire il proprio codice Pin, entrare nel servizio ‘CU 2016’ e seguire la procedura, o si può richiedere anche tramite posta elettronica certificata PEC, all'indirizzo richiestaCUD@postacert.inps.gov.it, o tramite posta elettronica ordinaria.

Ampia la parte dedicata al capitolo detrazioni che quest’anno cambiano. Cerchiamo di capire quali sono le spese che si potranno detrarre con 730 e Unico 2016.

Spese sanitarie: Rientrano nelle spese sanitarie che possono essere portate in detrazione quest'anno le spese sostenute per farmaci, parafarmaci e spese mediche che devono essere testimoniate dallo scontrino parlante. Le spese per l’acquisto di farmaci, parafarmaci e le spese mediche sono detraibili nella dichiarazione dei redditi 2016 per il 19% dell’importo eccedente la franchigia di 129,11 euro. I farmaci e parafarmaci che danno diritto alle detrazioni fiscali 2016 sono: farmaci e medicinali tradizionali; omeopatici; farmaci galenici-magistrali, quando si tratta di una prescrizione medica destinata ad un determinato paziente; medicinali da banco o di automedicazione (OTC) e le restanti tipologie; i farmaci SOP-OTC; medicinali fitoterapici. Si può richiedere la detrazione del 19% anche per i medicinali erogati dal S.S.N.        

Spese e farmaci veterinari: Queste spese non rientrando nel Sistema Tessera Sanitaria, per cui non saranno automaticamente inserite nel modello Unico o nel 730 precompilato. Tutti i contribuenti devono pertanto presentare la documentazione della spesa effettuata per detrarre dall’Irpef il 19% fino all’importo di 387,34 euro. Per gli acquisti di medicine veterinarie, il farmacista dovrà trasmettere al Sistema Tessera Sanitaria i prodotti acquistati, l’importo versato e i dati del contribuente; e per le spese scolastiche fino ad un massimo di 400 euro per ogni studente.

Spese istruzione e mense scolastiche: Si possono detrarre quest’anno le tasse pagate per l'iscrizione e le spese sostenute per la mensa scolastica, e, nella misura del 19%, le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici.

Spese acquisto mobili: Così come previsto dalla Manovra, sono state prorogate per tutto quest’anno le detrazioni per l’acquisto di mobili, elettrodomestici e sostituzione della caldaia. Si possono detrarre le spese nella misura del 50% fino ad un limite di spesa di 10mila euro che sale a 16mila per le giovani coppie. Possono essere detratte, sempre nella misura del 50%, anche le spese sostenute per trattamenti sanitari, anche particolari, come la mesoterapia, purchè siano stati prescritti dal medico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il