BusinessOnline - Il portale per i decision maker






MobilitÓ, Assunzioni precari, Tfa terzo ciclo 2016, Valutazione Premi Docenti, Concorso Scuola: nuove indicazioni per tutti

Ultime notizie, chiarimenti e informazioni su concorso scuola e Tfa 2016, mobilitÓ e trasferimenti e assunzioni dei precari. Le questioni ancora da risolvere




Dopo aver reso note fasi e tempi di presentazione delle domande per la mobilità e i trasferimenti, le ultime notizie riguardano il calcolo degli anni di sostegno svolti nei processi di mobilità. Le ultime notizie confermano che il punteggio doppio per gli anni svolti sul sostegno vale solo per chi si trasferisce da una normale cattedra ad una di sostegno o per chi è già sul sostegno e chiede il trasferimento sul sostegno. Non è invece previsto alcun raddoppio del punteggio per chi chiede il trasferimento da posto normale a posto normale. Tra le altre novità sulla mobilità, quella che prevede la possibilità per gli insegnanti D.O.S. di acquisire titolarità in una specifica scuola.

Per i docenti D.O.S., Dotazione Organica Sostegno, che sono sempre stati in una condizione di precarietà, la titolarità rappresenta una svolta davvero importante. fino a quest'anno, infatti, questi docenti hanno dovuto sempre presentare domanda di utilizzazione per l’assegnazione della scuola in cui lavorare e poteva cambiare anche ogni anno. Acquisendo ora la titolarità in una scuola spercifica come accade per tutti, i D.O.S. dall’anno prossimo potranno chiedere come scuola di titolarità anche quella in cui prestano servizio quest’anno, presentando, però, specifica richiesta prima del via alle procedure di mobilità.

Pur acquisendo però, la titolarità, i docenti D.O.S. possono comunque presentare domanda di trasferimento sia provinciale che interprovinciale e l’assegnazione spetterà all’Usr competente. Se il docente D.O.S. non può essere trasferito nelle sedi richieste perchè non vi sono posti disponibili, sarà trasferito d’ufficio in sedi non richieste. In ogni caso, i trasferimenti avvengono in base all'ordine di graduatoria e nei casi dei trasferimenti d’ufficio sarà considerata la posizione del docente nella graduatoria D.O.S. provinciale.

Per tutte le domande di trasferimento che saranno presentate, verranno valutati anche i titoli. In particolare, la tabella di valutazione prevede 12 punti per il superamento di un concorso per esami relativo al ruolo di appartenenza o a ruoli di livello pari o superiore a quello di appartenente; 5 punti per titoli di specializzazione post laurea; 3 punti per aver conseguito titolo di studio necessario un diploma universitario. E i diplomi valutati sono: quello  di laurea con corso di durata almeno quadriennale,  diploma di laurea magistrale specialistica, diploma accademico di secondo livello, compreso quello rilasciato da accademia di belle arti o conservatorio di musica, vecchio ordinamento, conseguito entro il 31 dicembre 2012. Nessun punteggio per il diploma di laurea in scienze motorie.

Intanto, mentre si attendono ancora le assunzioni di migliaia di lavoratori precari Ata con contratti a tempo indeterminato, sulle supplenze e il divieto di assegnarle ai precari che hanno già maturato i 36 mesi di servizio, il ministro dell’Istruzione Giannini ha chiarito come questa misura valga solo per le supplenze annuali, mentre sulla situazione dei docenti della scuola d'infanzia, circa 24.322, che risultano ancora iscritti nelle graduatorie ad esaurimento, il ministro ha spiegato che si tratta di docenti ancora precari perché  l'infanzia non rientra nel piano straordinario di assunzioni previsto dalla Buona Scuola e ha annunciato che queste assunzioni si sommeranno a quelle bandite dal prossimo concorso e saranno effettuate per scorrimento delle graduatorie.

Lo stesso ministro Giannini ha inoltre invitato i sindacati a non presentare alcun ricorso contro l’esclusione dal nuovo concorsone della scuola 2016 dei docenti non abilitati e dei neo laureati. E', inoltre, prevista l'aggregazione territoriale del concorso per determinate classi di concorso, a causa dell'esiguo numero di posti banditi. Ciò significa che alcuni candidati che concorreranno per determinate classi di concorso per posti disponibili in una regione svolgeranno le prove in una regione diversa da quella in cui avranno la titolarità e in questi casi la domanda deve essere presentata all'Usr della regione sono disponibili in posti per la classe in cui si concorre.  

Dal Miur si attendono ancora chiarimenti precisi sulle modalità di assegnazione dei premi ai docenti ma ha convocato i sindacati per un’informativa sull’erogazione del fondo destinato ai premi per gli insegnanti più meritevoli. Secondo quanto chiesto, infatti, l’erogazione del premio deve essere assegnato sulla base di una meritocrazia degli insegnanti più bravi, il cui operato sarà valutato da un apposito comitato di valutazione del lavoro effettivamente svolto dal singolo docente meritevole.

Passando al terzo ciclo del Tfa, nell’attesa di conoscere la data precisa di pubblicazione ufficiale del bando, è partito in Commissione Cultura l’iter di discussione avviato dopo l’interrogazione del Movimento 5 Stelle che prevede due richieste: l’istituzione di una fase transitoria nei confronti dei docenti esclusi dal concorsone e la cancellazione del cumulo dei 26 mesi. I deputati del M5S ritengono sia ‘grave’ bandire un nuovo Tfa per abilitare docenti che non avranno alcuna garanzia di assunzione, solo per far fare cassa alle università. Bisognerebbe, infatti, procedere alla luce del fabbisogno reale delle scuole e in base a questo prevede specifici posti sia per il concorso sia per il Tfa.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il