BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni, ancora novità Padoan, Nannicini, Zanetti, Lorenzi, Nannicini su novità mini pensioni, quota 100, quota 41

Orientamenti e nuova posizioni per le novità pensioni da Lorenzin, Zanetti, Padoan, Nannicini: cosa prevedono e cosa si farà




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: E la prima indicazioni e novità per le pensioni che avviene collegando le nuove affermazioni delle ultime e ultimissime notizie di questi politici sono che l'intenzione di fare qualcosa per le pensioni cresce, ma i tempi sono tutti da stabilire e i cambiamenti importanti non sono dietro l'angolo come si è espressa il Ministro Lorenzin che lo ha fatto per la prima volta sul tema delle pensioni non sembrando affatta impreparata e non sembrando parlare solo per sè.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: Si delineano importanti e interessanti nuove indicazioni da autorevoli protagonisti che tornano a parlare o lo fanno per la prima sulle novità per le pensioni. E leggendo e collegando queste ultime notizie e ultimissime con le singole idee espresse abbiamo cercato di fare un quadro dell'attuale stato di quota 100, mini pensioni e quota 41.

Si discute e si lavora per la definizione della novità per le pensioni e se per alcuni, come gli esponenti di alcune forze politiche, l'attuale lnorma andrebbe completamente abrogata, l'idea che sembra prevalere è quella di non stravolgere completamente le norme attualmente in vigore ma mettere a punto cambiamenti e miglioramenti dellle novità sulle pensioni incrementali, come si evince dalle ultime notizie di alcuni esponenti della maggioranza. E aumentano i favorevoli alle novità per le pensioni

Pensioni novità Lorenzin: E’ intervenuta in questi ultimi giorni sulla questione novià pensioni  il ministro della Salute Lorenzin chiede una revisione norma vigente per pensioni. Secondo la Lorenzin, è impossibile dover lavorare fino a 70 anni, soprattutto per le donne che, insieme alle carriere lavorative, si impegnano anche nella cura della casa e dei figli, nonchè in lavori di assistenza ai familiari. E' chiaro, dunque, come siano necessarie novità per le pensioni orientate ad anticipare l'età  modificando, senza stravolgere del tutto, l'impianto oggi esistente.  E ha affermato: “E’ evidente che il sistema dell’età pensionabile per le donne vada rivisto, anche se ci vorrà tempo ed equilibrio. Le donne hanno infatti un carico di presa in cura sia nei confronti degli anziani sia dei bambini. Ciò crea dunque dei problemi. Far lavorare una donna fino a 70 anni è molto di più che usurante: diventerà un tema serissimo su cui bisogna riflettere. Con questo innalzamento c’è un cambiamento sociale molto forte che va affrontato”. Dunque, ha aggiunto, “bisogna rivedere tutta la macchina del welfare e avere una visione per il nostro Paese che sia a venti anni e non a breve termine”. 

Pensioni novità Zanetti: Decisamente si diverso avviso il neo viceministro dell’Economia Zanetti: da sempre dalla parte di novità per le pensioni, ultimamente Zanetti sembra aver fatto un passo indietro, spiegando che i tempi per agire con novità pensioni in Italia non sono ancora maturi e che la questione non è ancora prioritaria per l’esecutivo e che se si dovesse pensare a qualche novità, sarebbe minima e comunque non significherebbe ribaltare le norme attuali. Precisamente il Vice Ministro vuole evitare avvanture che mettano a rischio l'intero sistema e anche lui, dunque, apapre d'accordo ad evitare stravogimenti ":”I pensionati sono i primi interessati a che non si facciano avventure elettorali sulle pensioni. Mentre oggi chi è già in pensione ha la  serenità di un sistema che è sostenibile e deve essere consapevole che ci propone delle misure non sufficientemente meditate sul sistema che oggi è in sicurezza, crea incertezza potenziale di qui a cinque sei anni, che senza questi interventi non ci sarebbe"

Pensioni novità Padoan: Il ministro dell’Economia Padoan negli ultimi giorni è intervenuto parlando solo di necessità di equilibrio dei conti pubblici, affermazioni che fanno chiaramente capire come non sono ancora le novità per le pensioni una priorità dell’esecutivo. Al massimo vi potrebbe essere l'assegno univeraale, ma sempre all'interno di un contesto europeo e con forti vincoli: L'Italia è a favore di un regime di assegno universale comune con un grande progresso verso la solidarietà o la condivisione del rischio" e proseguendo "convincere gli europei che l'europa è parte della soluzione, non del problema"

Pensioni novità Nannicini: Modifiche e novità per le pensioni senza alcuno stravolgimento totale delle norme previdenziali in vigore attualmente è anche quello su cui punto il nuovo sottosegretario alla presidenza del Consiglio Nannicini. Decisamente favorevole alle novità pensioni presentate dal presidente dell’Istituto di Previdenza , di cui è, tra l’altro, amico e collega, Nannicini ha spiegato che per trasformare in realtà il piano di uscita a 63 anni e sette mesi, con 20 anni di contributi, e a patto di percepire un assegno da 1.500 euro al mese, servono circa 7 miliardi di euro e questo elevato costo ben giustifica le alte penalizzazioni che questo meccanismo prevederebbe, quasi il 10 %. Favorevole inoltre, Nanninicini, al ricalcolo delle pensioni più elevate come all’introduzione dell’assegno universale. Lui stesso ha dichiarato: Il piano del presidente dell'Istututo di Previdena è un buon contributo con spunti che meritano di essere approfonditi quando si riaprirà il dossier"
Sulle pensioni il tema è quello della flessibilità in uscita, che cercheremo di affrontare nella prossima legge di stabilità".
 E sempre sulle pensioni flessibili ha parlato anche Nannicini spiegando che "Nel 2015, l’intervento è stato posticipato di un anno per ragioni finanza pubblica. I punti fissi per me restano la sostenibilità del sistema e l’equità fra generazioni. Qualsiasi intervento non deve tornare indietro su questi principi, dunque dovrà essere accompagnato da forme di penalizzazione attuariale"

Pensioni novità Renzi:  Da parte sua, anche Renzi ha fatto un passo indietro ancora una volta sulle novità per le pensioni: qualche giorno fa, il premier ha infatti detto che pur essendo consapevole della necessità di aumentare le pensioni minime, al momento non è una cosa fattibile sempre perché mancano i soldi necessari, anche se novità comprese per le oensioni, a sorpresa, potrebbero arrivare, secondo alcuni, in vista delle prossime elezioni per recuperare nuovi consensi. E si giocano le sorprese sulle novità per le pensioni con sistemi e metodi per uscire prima: Troppe volte hanno fatto promesse che sono stati costretti a rimangiarsi. La Fornero ha creato un rinvio dei tempi della pensione e sono stati fatti anche dei pasticci».  Quindi il premier ha aggiunto: «In passato si andava troppo presto in pensione e i film di Checco Zalone lo spiegano bene. Adesso il gradino, lo scatto sull’età pensionabile è pazzesco: sei sette anni, non sei o sette mesi. Se possibile vorremmo lasciare a una donna e a un uomo la possibilità di andare in pensione qualche anno prima rispetto a quanto previsto dalla Fornero, magari rinunciando a un po’ di soldi. Ma va capito a quanto, e la persona deve essere messa in condizione di scegliere».

Pensioni novità quota 100: In questo contesto quota 100 nelle sue due formule per le novità per le pensioni, quella con solo le penalità o con insieme le mini pensioni per attunuare le penalità stessa sembra la più complicata da fare subito, ma non viene nemmeno esclusa a priopri ed è una delle possibilità su cui si sta lavorando come ha affermato anche Nannicini insieme alle idee dell'Istituto di Previdenza. Ma si potrà vedere solo in un determinato momento ovvero in manovra e probabilmente con una delega collegata con l'unico tema tema delle novità per le pensioni sempre che ci siano soldi, tempo e denaro

Pensioni novità quota 41: Stesso discorso per quota 41, anzi probabilmente è il sistema per le novità per le pensioni al momento più difficile perchè nelle varie idee depositate non si fa nessun cenno, alle penalità. E, quindi potrebbe, risultare difficilmente sostenibile senza tagli da altri parti, come, però, potrebbero essere gli
assegni più alti. In realtà, proprio su questo punto, c'è già l'idea e il progetto del Responsabile dell'Istituto di Previdenza che ne contempla questi due passaggi.

Pensioni novità mini pensioni: Le mini pensioni, come confermato soprattutto dal Dicastero del Lavoro, sembrano essere il metodo più facile al momento per le novità per le pensioni e vi è la confermo dello studio. Non costano nulla, non sono uno stravolgimento, anzi sono un sistema più che di novità per le pensioni di solidarietà. Ma nello tempo, è chiaro che non fanno contenti la maggior parte dei lavoratori. E a risposta in una recente interrogazione a Montecitorio sono state detto dal Dicastero testuali parole "Recentemente, è stata oggetto di studio una ipotesi normativa che prevede per i lavoratori prossimi al pensionamentola possibilità di accedere ad un assegno di pensione anticipata (cosiddetto APA) fino al perfezionamento del diritto alla pensione di vecchiaia. Una volta maturato tale diritto, l'importo del trattamento di vecchiaia verrà decurtato di una quota risultante dalla conversione in rendita della somma degli assegni erogati".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il