BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni quasi certe novitÓ a sorpresa per velocizzare da ultime novitÓ per quota 100, mini pensioni, quota 41

I conflitti interni alla maggioranza stanno creando grande caos e potrebbero avere diverse conseguenze sulla maggioranza e anche sulle novitÓ per le pensioni




PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: D'altra parte le deleghe non costerebbe nulla al momento e sarebbero perfette perchè darebbero la certezza di una novità per le pensioni, con un impegno come abbiamo detto che tutti richiedono nelle ultime e ultimissime notizie, ma senza nessuna costrizione particolare, anzi in un periodo abbastanza lungo dove la situazione, in particolare dei soldi , ma non solo, potrebbe cambiare.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: Se non si può fare qualcosa immediatamente, lo si può fare con le deleghe che per le novità per le pensioni, ma anche il tema alternativo alle imposte sarebbe la risposta più semplice, ma forse anche la migliore. Non si tratterebbe di spendere soldi, in una situazione attuale complessa, ma almeno mettere per iscritto l'impegno di agire finalmente per le pensioni con indicazioni sui temi da affrontare e un limite di tempo certo.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: Si è, infatti, ritornati a parlare della correzioni di alcuni errori da fare subito come le novità per le pensioni come l'unione fra contributi versati in sedi differenti, ma anche dei decreti per occupazioni usuranti o, comunque, per chi ha iniziato presto l'attività come quello appena depositato in Parlamento. Certo, al momento, è rivolto al solo settore delle costruzioni delle case ( e questo sarebbe l'ennesimo errore), ma si riscontra, nelle ultime notizie e ultimisssime, delle nuove aperture. La prima appare la più semplice, anche non è così scontata, ma sarebbe un inizio. E poi vi è il capitolo deleghe.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: Occorre vedere se le novità per le pensioni che saranno prospettate saranno semplici promesse o qualcosa di più. C'è da dire che nelle ultime notizie e ultimissime vi è stata una ripresa importante di un ritorno in evidenza, guarda caso portato avanti proprio dall'opposizione interna, di una serie di iniziative di correzioni e miglioramenti e alcune aperture da autorevoli e competenti Dicasteri e tecnici.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: E' stato spostato a venerdì il Direttorio nel quale vi sarà un confronto nella maggioranza dopo tutti gli ultimi scontri. Ma si vuole arrivare a venerdì con già delle trattative fatte e si offre se non la pace almeno una tregua. Con scenari che aumentano di importanza delle concessioni su temi cari all'opposizione come le novità per le pensioni e alcuni sistemi sembrano più avanti di altri come riportano le ultime notizie e ultimissime.

PENSIONI novità E PENSIONI ULTIME NOTIZIE ULTIMISSIME: La maggioranza è chiaramente divisa e vi sarà una prima resa dei conti tra poco meno di sette giorni come confermano le ultime notizie e ultimissime con la convocazione di una riunione generale. Un confronto che potrebbe portare diverse novità sia a livello interno che di novità per le pensioni e altri temi e argomenti posti come obiettivi.

Ci si chiede quali siano le prospettive per l’attuazione di novità per le pensioni oggi che la situazione politica è ancora piuttosto confusa e le ultime notizie non sembra poi annunciare una sistemazione nel breve periodo. Al centro del dibattito previdenziale resa la necessità di una revisione delle attuali norme con l’attuazione di sistemi di uscita prima con meccanismi come quota 100, mini pensioni, o quota 41. Si tratta di novità per le pensioni di cui si discute ormai da mesi ma su cui non si riesce a trovare accordo: ad ostacolare la loro attuazione innanzitutto la scarsa disponibilità di soldi da impiegare eventualmente ma anche uno squilibrio politico che sta creando non poche difficoltà nella definizione di una soluzione condivisa.

Le ultime notizie continuano a confermare questa confusione, soprattutto dopo la revisione della composizione della maggioranza e i nuovi passi in avanti che sembra stiano facendo personaggi come D’Alema e Bersani, insieme a Speranza e Cuperlo, pronti a tornare alla ribalta. E le parole di Bersani lo testimoniano chiaramente: “Il disagio c’è. Ma noi abbiamo una certa idea di come rispondere. Certo è che così la maggioranza non va, stiamo approfondendo alcuni temi che riguardano la vita comune cercando di darci una organizzata per il futuro”.

Tra i temi da approfondire, insieme, per esempio, alla sanità, certamente anche le novità per le pensioni che, evidentemente fino ad oggi, contrariamente a quanto annunciato nel corso di questi due anni di esecutivo, non sono ancora state messe in atto, pur trattandosi di novità urgenti e necessarie soprattutto per un rilancio dell’occupazione giovanile che tarda a verificarsi in maniera sistematica. Finora, le risorse economiche disponibili sono sempre state utilizzate per provvedimenti considerati prioritari rispetto alle novità per le pensioni, ma è arrivato ormai il momento di fare qualcosa di concreto in questo senso. E mentre il premier attacca Bersani e D’Alema, dicendo che “Coloro che chiedono oggi più rispetto per la storia dell'Ulivo sono quelli che hanno distrutto l'Ulivo consegnando l'Italia nelle mani di Berlusconi”, l’ex segretario piacentino risponde “Se lui è di sinistra, noi chi siamo? S e al corso di formazione politica (in riferimento al premier Renzi) vai a dire che la sinistra ha distrutto l'Ulivo , cha abbiamo aiutato Berlusconi... Ricordo che il centrosinistra ha battuto tre volte Silvio Berlusconi e che, pochi o tanti voti che io abbia preso, Renzi sta comodamente governando con i voti che ho preso io. Non io Bersani, io centronistra”.

Non è da meno la posizione di Cuperlo che ormai sembra deciso a prendere le distanze dall'operato del premier e dice: “Chi alza il dito e lo denuncia adesso è quello che ha vinto, si è tenuto il pallone per sé e ha espulso gli avversari. Ha bloccato l'opera della Rottamazione sulla soglia del Palazzo. Ma non ha migliorato, anzi ha peggiorato l'arte di selezionare l'èlite. E ha tolto l'agibilità al suo partito, lasciando che a primeggiare sia l'opportunismo, anzi il trasformismo. Io l'avevo letto sui libri di storia. Ma ora l'ho vissuto dal vivo, concept live”.

Dal canto suo, Veltroni invita all'unità, sostenendo che solo attraverso una compattazione della maggioranza si può arrivare alla realizzazione di un rilancio concreto del nostro Paese. E dice: “Non sciupate la maggioranza. Lo vorrei dire a tutti i protagonisti del dibattito in corso in questi giorni. I toni si sono fatti aspri e si affaccia il rischio di scissioni, separazioni dolorose, possibili contraccolpi per il centrosinistra alle elezioni comunali. Senza il partito, per come lo abbiamo immaginato e costruito, l'Italia è esposta al rischio che stanno correndo le democrazie occidentali”.

Si tratta di botte e risposte che potrebbero servire in un’ottica di rinnovamento delle discussioni sulle questioni cruciali da affrontare e, in questo contesto, sono diversi gli scenari che potrebbero aprirsi per le novità per pensioni: sia la nuova forza ‘anti-Renzi’, sia quella del premier potrebbero puntare proprio sulla realizzazione di novità per le pensioni, considerando che si tratta di un tema particolarmente caro ai cittadini e che in vista delle prossime elezioni potrebbe significare compiere la mossa vincente per recuperate consensi e conquistare nuova fiducia.

In questo contesto di divisione interna della maggioranza, chi sembra gioirne è il leader Ncd Alfano, che, in una lettera agli iscritti scrive “Grazie alle scelte da noi ispirate, Renzi ha litigato con la sua sinistra e ha sconfitto ed emarginato più comunisti lui in due anni che Berlusconi in venti. E ora tutte le contraddizioni a sinistra stanno emergendo con tutta la chiarezza. Anche nella vicenda della stepchild adoption, siamo riusciti a dimostrare che il buonsenso può vincere”. Effettivamente la confusione politica di questi ultimi mesi, le carte rimescolate tra strane alleanze e rotture potrebbero rivelarsi indicative e decisive per la definizione di ulteriori temi, dopo quello delle coppie di fatto, che comprendono senza dubbio anche le novità per le pensioni e con auspici e speranze continue di vedere finalmente realizzato qualcosa di concreto, è chiaro che in una situazione di grande caos come vigente, le pensioni potrebbero diventare il cavallo di battaglia di tutti. Molto dipenderà da cosa però si riuscirà davvero a fare.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il