BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui Tassi Variabili e Fissi Banca Intesa, Unicredit, Marzo 2016: migliori offerte, tasse interessi più bassi

Cosa è cambiato nel corso di queste ultime settimane per chi decide di accendere un mutuo, tra tassi e pagamento rate, e le migliori offerte di questo mese di marzo 2016




Le novità decise la scorsa settimana dalla Banca centrale europea prevedono nuovi vantaggi economici per chi sceglierà di accendere un mutuo. Il presidente della Bce Draghi ha deciso di mantenere i tassi di interesse bassi, agevolando i prestiti e i mutui per i prossimi 3-4 anni. In termini pratici, chi decide di stipulare un mutuo a tasso variabile, la cui rata è legata al tasso Euribor, beneficerà di un ulteriore tagli dei tassi dello 0,05% che resterà stabile per un periodo di almeno 3-4 anni. Ma non è solo questa l’unica novità relativa ai mutui: la scorsa settimana, infatti, è stata recepita anche in Italia la nuova normativa europea che ha portato da sette a 18 i mesi le rate di mancato pagamento prima che la banca possa procedere all’esproprio dell’immobile.

Mutui tasso variabile Banca Intesa: Il mutuo a tasso variabile proposto da Intesa Sanpaolo è il Mutuo Domus Variabile che prevede un importo finanziabile fino all' 80% del minore tra il prezzo di acquisto e il valore di perizia dell'immobile cauzionale, partendo da un importo minimo 30mila euro e senza alcun limite di importo massimo; un'imposta sostitutiva pari allo 0,25% dell'importo del mutuo erogato in caso di operazione riguardante la prima casa; spese di istruttoria comprese tra i 400 e i 700 euro in base alla durata prevista del mutuo; e ha un tasso  variabile determinato mensilmente sommando all’Euribor uno spread diverso in relazione al rapporto tra l'importo del mutuo e il minore fra il prezzo di acquisto e il valore di perizia dell'immobile cauzionale (Loan to Value). Se, per esempio, tale rapporto è inferiore al 50%, il tasso sarà dell’1,30% per 20 anni, dell’1,35% per 25 anni, dell’1,40% per 30 anni; se, invece, il rapporto è tra il 50,01% e il 70%, il tasso sarà dell’1,60% per 20 anni, dell’1,65% per 25 anni e dell’1,70% per 30 anni.

Mutui tasso fisso Banca Intesa: Banca Intesa Sanpaolo propone anche per questo mese di marzo 2016 un mutuo a tasso fisso a partire da 1,50% per finanziamenti fino a 10 anni per l’acquisto di una prima casa e se l’importo del mutuo non supera il 50% del valore dell’immobile le condizioni proposte saranno ancora più vantaggiose.

Mutuo tasso fisso Unicredit: Mutuo Valore Italia Tasso Finito è una tipologia di mutuo per l'acquisto, la surroga, la ristrutturazione e l’accollo di un immobile ad uso residenziale, sia prima sia seconda casa, prevede un tasso fisso a partire dal 1,50% fino a 10 anni; per un mutuo da 11 a 15 anni il tasso sale a 2,25%; per un mutuo da 16 a 30 anni il tasso sale ancora al 2,50%. Per la finalità  di acquisto di un immobile l'importo massimo concedibile non può essere superiore al 50% del minore valore tra il valore peritale dell’immobile ed il prezzo d’acquisto; per la Ristrutturazione, l'importo massimo concedibile non può essere superiore al 50% del valore attuale dell’immobile offerto in garanzia e comunque non superiore all’80% dell’importo dei lavori da effettuare, tenendo conto anche dell’eventuale ammontare del debito residuo in presenza di ipoteca di primo grado già iscritta da nostro Istituto di Credito sull’immobile oggetto di ristrutturazione (capienza residua dell’ipoteca); per la Surroga a tasso fisso dell’1,50% per tutte le durate del mutuo, l'importo massimo concedibile è pari al debito residuo del Mutuo trasferito fino al 50% del valore dell’immobile offerto in garanzia.

Mutuo BancoPosta: Il mutuo Banco Posta per l’Acquisto di un immobile permette di acquistare sia la prima che la seconda casa, ha uno spread ell’1,85% su tasso fisso, variabile e misto, prevede la polizza incendio gratuita, zero spese di incasso rata e per le comunicazioni periodiche, e non è prevista nemmeno nessuna commissione per l’estinzione anticipata per il mutuo; permette, inoltre, di richiedere fino all'80% del valore dell'immobile. I tassi applicati al mutuo BancoPosta sono aggiornati ogni mese; i parametri sono rilevati l’ultimo giorno lavorativo del mese precedente rispetto alla data di stipula dell’Atto di Mutuo.

Mutuo tasso variabile Bnl Gruppo Bnp Paribas: Questa tipologia di mutuo, per un importo di 100mila euro, prevede il pagamento di una rata mensile di 599,33 euro con un tasso dell'1,02% e un taeg dell'1,25%.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il