BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni, reali novità e orientamento per quota 100, mini pensioni, quota 41, welfare mostrato da bonus produttivià

Nel contesto della revisione del welfare con il bonus produttività potrebbero rientrare anche le novità pensioni.




Continua a essere alta l'attenzione di Palazzo Chigi sul welfare con ripercussioni anche sulle novità pensioni. L'impegno sul lavoro è noto da tempo, quello sulla previdenza è noto da tempo mentre adesso gli sforzi sono indirizzati alla produttività delle aziende, rispetto a cui sono previsti bonus speciali. Nel dettaglio, stando a quanto previsto, sono soggetti a una imposta sostitutiva dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e delle addizionali regionali e comunali pari al 10%, entro il limite di importo complessivo di 2.000 euro lordi, i premi di risultato di ammontare variabile la cui corresponsione sia legata a incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione, misurabili e verificabili nonché le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell'impresa.

Le disposizioni trovano applicazione per il settore privato e con riferimento ai titolari di reddito di lavoro dipendente di importo non superiore, nell'anno precedente quello di percezione delle somme a 50.000 euro. Se il sostituto d'imposta tenuto ad applicare l'imposta sostitutiva non è lo stesso che ha rilasciato la certificazione unica dei redditi per l'anno precedente, il beneficiario attesta per iscritto l'importo del reddito di lavoro dipendente conseguito nel medesimo anno. Con decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell'Economia, sono stabiliti i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione e le modalità attuative delle previsioni, compresi gli strumenti e le modalità di partecipazione all'organizzazione del lavoro.

In prospettiva, l'obiettivo è dare il via a una vera stagione di staffetta generazionale, così come richiesto anche da Confindustria. Se poi le novità pensioni passino da quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per poter accedere al trattamento previdenziale, dalle mini pensioni per favorire il ritiro con qualche anno di anticipo, dal ricalcolo degli assegni con il contributivo o da quota 41 per i lavoratori precoci, resta tutto da scoprire. A spingere sulle novità pensioni sono anche i sindacati che chiedono un tavolo a Palazzo Chigi.

I tre segretari hanno congiuntamente annunciato che "in assenza di qualunque confronto sul tema" partirà il prossimo 2 aprile una mobilitazione generale. Secondo il sottosegretario all'Economia, "la prossima legge di stabilità sarà impegnativa, anche per il peso delle clausole di salvaguardia, ma in quel contesto realizzare la flessibilità in uscita è un obiettivo a cui si sta lavorando".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il