BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Sciopero oggi mattina e pomeriggio venerdì, orari metropolitana, taxi e autobus Roma, Milano, Torino, Napoli 18 Marzo 2016

Si prevedono due giornate difficili per gli abitanti delle nostre metropoli: nelle giornate di giovedì e venerdì, 17 e 18 marzo, ci saranno degli scioperi che riguarderanno i trasporti pubblici.




In particolare a Roma è previsto, per il 18 marzo, lo sciopero da parte del personale dell'Atac, che partirà dalle 8 e 30 e durerà fino alle 12 e 30, stesso orario verrà osservato da parte del personale della metropolitana romana. Oltre allo sciopero di autobus e metropolitana inoltre è previsto anche lo sciopero dei treni locali. Tuttavia ci saranno fasce orario dove il servizio sarà garantito, in particolare dall'avvio di servizio fino alle 8 e 30 e poi dalle cinque del pomeriggio fino alle otto di sera.

Disagi sono previsti anche a Milano, dove ci sarà lo sciopero di diversi mezzi pubblici. Iniziamo coi treni e vediamo che ci sarà lo sciopero da parte dell'azienda locale Trenord, che prevede lo sciopero di 24 ore, ossia dalle nove di sera del 17 marzo fino alle nove di sera del giorno dopo. Ci saranno comunque due fasce orario garantite, ossia dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21 della giornata di venerdì 18. Lo sciopero di autobus e metropolitana invece comincerà alle 8 e 45 della giornata di venerdì 18 e finirà alle 15, poi riprenderà alle 18 e verrà sospeso in modo definitivo a fine giornata.

In altre città invece i disagi dovrebbero essere limitati, visto che la portata dello sciopero dovrebbe essere inferiore rispetto a Milano e Roma.

In particolare a Napoli lo sciopero inizierà alle 17 e 40 di venerdì e finirà quattro ore dopo e vedrà interessate le aziende di trasporto che operano sulla linea flegrea. Infine a Torino è previsto lo sciopero dei pullman, sciopero dei treni di Trenord, ma soprattutto ci sarà anche lo sciopero da parte dei tassisti, che protestano contro la larga diffusione di concessioni alternative ai tassisti che portano nuova concorrenza sul mercato e creano un danno economico a questa categoria che ormai vive da anni questo stato di sofferenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il