BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie: le ultime novità per quota 100, mini pensioni, quota 41 riforma da Parlamento, Forze Sociali, Talk Tv

Cosa potrebbe cambiare per le pensioni dopo le ultime notizie su recenti appuntamenti e le novità per marchio Spa, classifica smart city e tatto bionico.




Pensioni novità oggi venerdì, ultime notizie e ultimissime. Le pensioni, Montecitorio e Palazzo Madama: Se le pensioni sono un tema centrale, anzi centralissimo, in riferimento in modo particolare alle novità e cambiamenti per le pensioni stesse da parte del pubblico, all'interno dei Palazzi del Potere crescono, come riferiscono le ultime notizie e ultimissime, le divergenze e gli scontri su quando, come e cosa fare. Se a parole, infatti, tutti appaiono d'accordo sui cambiamenti, c'è chi frena come riferiscono anche le ultimissime sui metodi, mentre altri vorrebbero finalmente cambiare radicalmente.  

Pensioni novità oggi venerdì, ultime notizie e ultimissime. Le pensioni sono un grande tema centrale: Quello che si può notare da tutte le indicazioni che abbiamo riportato raccogliendo le ultime notizie è che ormai da diversi mesi le novità sulle pensioni sono davvero centrali e fondamentali, le più sentite, probabilmente dagli italiani, in quanto non c'è trasmissione tv, ad esempio, che non ne parli con numerosi ospiti tra esperti, rappresentanti di varie genere, economisti e studiosi. Tutti per rispondere ad una sola domanda ovvero comne uscire prima, quali metodi sono i migliori e attuabili?

Sono tantissime le ultime notizie che si sono susseguite in questi ultimi giorni sulle eventuali novità per le pensioni, che ormai l’esecutivo deve portare a concretizzazione, ma sono tante anche le altre novità, in altri campi, che suscitano particolare curiosità. Vediamo quali sono.

Pensioni novità: Tra talk show, appuntamenti in Parlamento e impegni delle forze sociali sono diverse le novità per le pensioni di cui si è discusso. Le ultime notizie, però, continuano ad essere piuttosto contrastanti e mentre c’è chi spinge sull’approvazione di piani di uscita prima come quota 100, mini pensione o quota 41, c’è chi rilancia su piani di uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni fino al massimo dell’8% o sull’uscita a 63 anni e sette mesi con almeno 20 anni di contributi  e penalizzazioni fino ad un massimo del 10%. Ma le strade di cambiamento delle pensioni dovrebbero partire anche dal taglio dei vitalizi dei politici e dalla riduzione delle tasse sulle pensioni. Sono questi i punti di partenza per l’attuazione di novità per le pensioni che sono emerse nel corso delle puntate di ieri sia di Ballarò su Rai Tre che di DiMartedì su La7. Gli ospiti in studio, tra esponenti dell’esecutivo ed esperti di previdenza, si sono confrontati su diverse questioni delle pensioni, così come diversi sono stati i temi in discussione nelle nuove riunioni del Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio.

Pensioni novità talk show: Sono state diverse le questioni previdenziali affrontate ieri nel corso della puntata di Ballarò e Di Martedì. Ospiti della trasmissione di Rai Tre, tra gli altri, l’esperto di previdenza Barbagallo, che sostiene, tra le novità pensioni, la quota 100 e ha ribadito all’esecutivo la necessità di definire piani di prepensionamento concreti e diminuire la tassazione, visto che in Italia le pensioni sono tassate il doppio rispetto agli altri Paesi. Anche il giornalista Barisoni vorrebbe cambiare le pensioni, partendo però dal taglio dei vitalizi dei politici e ad appoggiare questa posizione la Bonafè, secondo cui è arrivato il momento di metter a punto l’attesa soluzione universale per le pensioni e smetterla con misure tampone che servono solo a risolvere determinate situazione, creando, allo stesso tempo, discriminazioni e privilegi che rischiano di creare contenziosi e ricorsi. Tra li ospiti di iMartedì, invece, particolarmente significativo è stato l’intervento dell’ex premier Monti che ha nuovamente spiegato i motivi che hanno portato alla definizione dell’attuale legge pensioni così rigida. Furono, infatti, le contingenze del tempo a rendere necessaria la messa a punto di norme come quelle attuali, perché sembravano le uniche capaci di garantire la sostenibilità finanziaria del nostro Paese. Ed effettivamente così è stato, nonostante gli effetti negativi sui cittadini e i pensionandi che hanno visto allungarsi l’età pensionabile. Ed è proprio questo che ora si punta a cambiare: rivedere i requisiti di uscita dal lavoro, per permettere a tutti di andare in pensione rispetto all’attuale soglia dei 66 anni. Secondo Cofferati, però, anche lui ospite della trasmissione di La7, anticipare la pensione non sarebbe la soluzione migliore. Di ben noto diverso avviso il presidente del Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio che, per rilanciare il tema della revisione delle pensioni attuale, ha espresso sostegno per la nuova manifestazione contro l’esecutivo organizzata dalle sigle sindacali.

Pensioni novità forze sociali in piazza: Il prossimo 2 aprile è stata organizzata una nuova mobilitazione dai sindacati che si preparano a chiedere ancora all’esecutivo una revisione dell’attuale legge pensioni, l’approvazione di novità per sostenere l’uscita prima di tutti, e misure a sostegno soprattutto di determinate categorie di persone che sono state fortemente penalizzate dalle attuali norme, a partire dall’approvazione della quota 41 che sarebbe vantaggiosa, innanzitutto, per coloro che hanno iniziato a lavorare sin da giovanissimi, permettendo di andare in pensione con 41 anni di contributi ma senza alcun limite di età anagrafica.

Pensioni novità indicazioni da Parlamento: Ulteriori novità per le pensioni arrivano poi dal Parlamento che si sta muovendo su due fronti: iter di discussione del Fondo Indigenza, con relative misure che prevedono revisione e tagli delle prestazioni assistenziali e sociali, con una riorganizzazione che ne prevederebbe l’erogazione in base al valore Isee della famiglia richiedente le agevolazioni; e riunioni del Comitato ristretto dove si parla di necessità di rendere flessibili le uscite dal lavoro, puntando l’attenzione su particolari sistemi come la quota 100 o la quota 41, ma anche sul problema delle ricongiunzioni.

Studio novità sul tatto: E' stato sperimentato per la prima volta su una persona amputata e il risultato è stato eccellente: il tatto bionico funziona. L'esperimento è stato realizzato con un polpastrello artificiale che, grazie a elettrodi nel braccio, è riuscito a sentire una superficie rugosa.

Smart City novità classifica migliori città italiane: E’ stata redatta la nuova classifica delle smart city italiane. Secondo la terza edizione del rapporto Ernst & Young ‘Smart City Index’, è  Bologna la città più smart d'Italia, insieme a Reggio Emilia, seguono Milano, rappresenta l'80% del mercato di sharing mobility in Italia, e Torino.

Spa novità utilizzo marchio: Il termine marcio Spa può essere usato in riferimento alle saune, hamman, e spazi per l'idroterapia, ma non per riferimenti a prodotti cosmetici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il