BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Canone Rai 2016: tutto le regole decreto ufficiale. Come non si paga, esenti, chi paga, intestatari case prima, affitto, seconda

Via libera al decreto attuativo sul Canone Rai 2016: nuove modalità di pagamento dal prossimo luglio e ulteriori chiarimenti




Via libera al decreto attuativo sul Canone Rai che dovrà essere inviato ora dai Ministeri dell’Economia e dello Sviluppo Economico all’Autorità per l’Energia e al Consiglio di Stato per i pareri. Il decreto chiarisce ufficialmente che il pagamento del Canone Rai da quest’anno avverrà con il pagamento della bolletta elettrica, costerà 100 euro e sarà diviso in rate. Solo per quest’anno però, come già era stato anticipato, i pagamenti prenderanno il via dal prossimo mese di luglio con un primo addebito di 60 euro. Da quest’anno, dunque, il titolare della bolletta elettrica diventa automaticamente titolare anche dell’abbonamento tv. Precisiamo che nei casi di seconde case in affitto, a pagare il Canone Rai sono gli inquilini, anche se il contratto della fornitura elettrica è intestato al proprietario. Il Canone, infatti, deve essere pagato solo sulla prima casa.

Il decreto chiarisce anche che nel caso di pagamento della bolletta elettrica solo della parte relativa alla luce e di evasione della quota che spetta per il canone Rai, non sarà staccata la corrente, ma la società elettrica solleciterà anche il versamento del Canone Rai, mentre spetterà all’Agenzia delle Entrate occuparsi di eventuali sanzioni e recuperi di quanto dovuto. Entro 60 giorni dal varo definitivo del decreto, l’Agenzia delle Entrate comunicherà anche le modalità ufficiali dei rimborsi nel caso in cui il canone Rai venga pagato per errore. Se, invece, il consumo di elettricità di una famiglia dovesse risultare pari a zero, bisognerà comunque pagare la bolletta relativamente, appunto, al Canone Rai.

Il decreto inoltre specifica che sono esenti dal pagamento del Canone Rai indigenti, over 75 che hanno un reddito familiare di massimo 8.000 euro lordi e più di 75 anni ma che devono trasmettere una comunicazione  con raccomandata o una e-mail certificata all’Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale 1, Sportello Sat, Corso Bolzano n. 30, 10121, Torino. Posta certificata: DP.1TORINO@PCE.AGENZIAENTRATE.IT, per la richiesta ufficiale di esenzione e l’Agenzia delle Entrate poi si occuperà di trasmettere i dati relativi agli esenti all’Acquirente Unico, in modo da cancellare dalla bolletta la parte dovuta relativa al Canone Rai.

Le ultime novità stabilite dal decreto riguardano poi la situazione di 20 isole italiane, che sono le isole Tremiti, Ponza, Ustica,  Alicudi, Capraia, Capri, Favignana, Filicudi, Giglio, Lampedusa, Levanzo, Linosa, Lipari, Marettimo, Panarea, Pantelleria, Salina, Stromboli, Vulcano, Ventotene, i cui cittadini residenti continueranno a pagare il Canone Rai con bollettino postale, e non in bolletta, in un’unica soluzione di 100 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il