BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni obiettivi e novità primari sono il welfare ma senza passaggi necessari per reale riforma pensioni: novità ultime

Sale da 2.000 a 2.500 euro l'anno l'importo a tassazione agevolata al 10% purché i contratti prevedano strumenti di coinvolgimento dei lavoratori.




Pensioni novità oggi giovedì, ultime notizie e ultimissime. Alternativa preferita è il il welfare: Al momento, dalle tante ultime notizie, tra cui le ultimissime di cui vi diamo conto sotto, è chiaro come la priorità è il welfare e non le novità per le pensioni che sono sempre al centro del dibattito, ma mai operative. La questione è anche come viene affrontato il problema, dove le pensioni potrebbe avere un ruolo, ma in questa strategia non paiono averlo nè diretto nè indiretto.

Le novità pensioni non occupano le prime posizioni nell'agenda di Palazzo Chigi, ma le ultime notizie di oggi giovedì 17 marzo 2016 riferiscono di un certo attivismo sul fronte welfare.

Novità pensioni. Ci sono anche le pensioni nelle mire dell'esecutivo. Ad assicurarlo è il responsabile del dicastero dell'Occupazione, da tempo alle prese con lo sforzo di coniugare disponibilità economiche con esigenze sociali. Non è non sarà facile e, anzi, i fatti dimostrano che alle tante promesse sulle novità pensioni non c'è stato alcun seguito. Il caso più evidente è quello delle mini pensioni. Fin dai giorni successivi al suo insediamento, l'ex presidente di Legacoop nazionale dell'Alleanza delle cooperativelo aveva indicato come strumento privilegiato per consentire ai lavoratori con più di 50 anni di accedere al trattamento previdenziale. Ma ancora oggi si ragiona sulla fattibilità della misura.

A suo dire l'errore più drammatico per l'Italia è stato mettere l'enfasi solo sulla difesa: dell'occupazione, del lavoro, ma in questo modo sono state difese le rendite e non le opportunità. Le novità pensioni vanno comunque inquadrate in un contesto più ampio che comprende l'occupazione, rispetto a cui "stiamo facendo la lotta al precariato più radicale mai vista", e le famiglie, per cui è allo studio un bonus di 80 euro al mese, fino a un massimo di 400 a famiglia. E poi c'è il piano per il sociale ed "è la prima volta che nel bilancio c'è un fondo finanziato in modo stabile". Evidentemente, tuttavia, tra gli obiettivi nel breve periodo dell'esecutivo, le novità pensioni non occupano le prime posizioni.

Novità riforma tasse. L'obiettivo di Palazzo Chi è abbassare le tasse a qualunque condizione. Il premier volte ottenere flessibilità da Bruxelles per circa 17 miliardi di euro, con cui abbassare Ires, Irpef e abolire il bollo auto. A suo dire, "il fiscal compact è un danno per l'Europa e la Bce non basta: bisogna spingere i consumi. Berlino rispetti i limiti sul surplus".

Novità bonus produttività detassazione stipendi. Via libera al decreto del Ministero del Lavoro sul bonus produttività. Sale da 2.000 a 2.500 euro l'anno l'importo a tassazione agevolata al 10% purché i contratti prevedano strumenti e modalità di coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell'organizzazione del lavoro da realizzarsi attraverso gruppi di lavoro nei quali operino responsabili aziendali e lavoratori.

Novità riforma detrazioni case. Ci sono due agevolazioni fiscali sulla casa confermate e allargate nel 2016. Si tratta di quella al 65% per gli interventi finalizzati al risparmio energetico e quella al 50% per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. In alternativa alla detrazione, è in vigore la possibilità per i contribuenti che si trovano nella no tax are di cedere il credito ai fornitori che hanno eseguito i lavori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il