BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Canone Rai 2016: decreto ufficiale, regole ufficiali ancora da definire. E per chi non ha pagato anni scorsi non esiste sanatoria

Si avvicina l'appuntamento con il pagamento della prima rata del Canone Rai, ma manca ancora il decreto risolutivo.




Per il decreto sul canone Rai 2016 in bolletta è solo una questione di tempo. La bozza del documento del Ministero dello Sviluppo Economico e non resta altro che attenderne la pubblicazione. Si tratta di fatto di un passaggio centrale nel capire tanti aspetti irrisolti delle nuove normative sia in riferimento ai rapporti con le società che gestiscono l'energia elettrica e sia a quelli con i contribuenti. Tuttavia non tutti i nodi sarebbero stati sciolti. Anche se è chiaro in teoria, non è in pratica stato spiegato come non pagare il canone Rai. Si sa che occorre non possedere il televisore e comunicarlo all'Agenzia delle entrate, ma il relativo modello da compilare non è ancora disponibile.

Quel che è certo è che da quest'anno non è più possibile chiedere la disdetta legale dichiarando il suggellamento del proprio televisore inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno all'Agenzia delle entrate Direzione Provinciale I di Torino. Confermata invece l'assenza di una sanatoria per gli arretrati non corrisposti che potranno essere chiesti entro 10 anni ovvero prima che vadano in prescrizione. Il canone Rai è dunque legato all'intestazione di una utenza domestica che presuppone la presenza di un apparecchio televisivo atto o adattabile alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive indipendentemente dalla qualità o dalla quantità del relativo utilizzo.

Per chi non paga sono previste multe fino a 500 euro. Anagrafe tributaria, Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico, Acquirente unico Spa, Ministero dell'Interno, Comuni e soggetti pubblici o privati che ne hanno la disponibilità, sono autorizzati allo scambio e all'utilizzo di tutte le informazioni utili in tema di canone Rai. Nel caso di mancato pagamento del canone Rai, il cui importo è di 100 euro all'anno da versare a rate e indicato come voce separata nella bolletta, non è prevista l'interruzione della fornitura di energia.

La certezza è rappresentata dall'esenzione dal versamento del canone Rai 2016 per gli anziani con più di 75 anni di età e reddito fino a circa 6.700 euro tra tutti i membri della famiglia. Portafogli chiuso anche per i militari delle Forze Armate Italiane, limitatamente a ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari; quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; gli agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia a condizione che nel Paese siano applicate misure corrispondenti per quelli italiani; le imprese che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il