BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Premio Valutazione docenti, Tfa Terzo Ciclo, Assunzioni Precari:importanti e nuove indicazioni Ministero, Miur e Governo Renzi

Bando nuovo Tfa 2016 e piano di assunzioni dei precari della scuola tra le questioni ancora aperte mentre è stato approvato decreto premi per i docenti: le ultime novità della scuola




Via libera ai premier per i docenti più meritevoli, novità che adegua la scuola italiana al modello europeo, mentre si attende ancora la data esatta di pubblicazione del bando del prossimo Tfa 2016. Nuove richieste per i docenti precari che ancora attendono la stabilizzazioni: quali questioni della scuola ancora in sospeso?

Premio Valutazione docenti: E' stato ufficialmente approvato il decreto che prevede premi per i docenti più meritevoli, dopo, chiaramente, attente valutazioni che saranno effettuate da Commissioni scelte appositamente per tali valutazioni. Si tratta di una novità che adegua la scuola italiana al modello europeo ma che, soprattutto, è per la prima volta indirizzata verso la meritocrazia. I premi, che saranno erogati sotto forma di soldi, saranno dati, infatti, a tutti quegli insegnanti che sulla base della valutazione di particolari criteri e parametri saranno considerati eccellenti. E, sottolineiamo, che si tratta di un premio che non sostituisce ma si affianca a quel bonus per la formazione previsto dal piano della Buona Scuola, del valore di 500 euro.

Tfa terzo ciclo: Il bando ufficiale del prossimo Tfa 2016 dovrebbe essere pubblicato il prossimo mese di aprile,ma mancano ancora conferme in merito. Intanto, certi sono i requisiti per accedere al prossimo Tf: vi possono, infatti  partecipare a i congelati Ssis in soprannumero e i docenti di ruolo o già in possesso di abilitazione per una classe di concorso diversa da quella che intendono conseguire, coloro che hanno conseguito una laurea vecchio ordinamento e aver fatto esami atti all’insegnamento; una laurea specialistica o magistrale riconosciuta e crediti necessari all’insegnamento; un diploma Isef per l’insegnamento di Scienze Motorie. Il sottosegretario all’Istruzione Faraone ha chiarito che saranno esclusi dal nuovo Tfa neo laureati e laureandi in particolari discipline, a causa delle nuove classi di concorso che sono state definite, scatenando non poche polemiche. Intanto, in questi ultimissimi giorni, il senatore del Pd Scalia ha presentato nuove richieste per chiarire la condizione dei docenti precari abilitati Tfa e al Ministero dell’Istruzione avrebbe proposto di definire un eventuale secondo canale di assunzione a tempo indeterminato per gli abilitati dei Tfa, senza la necessità di sostenere nuove prove come quelle previste dal concorso della scuola, equiparando, sostanzialmente, le prove del Tfa a quelle del concorso, sulla base del fatto che chi ha superato le prove previste dal Tfa ha già dimostrato di avere le abilità e le conoscenze tali da poter sedersi in cattedra.

Assunzioni precari: I comparti scuola di Cgil, Cisl, Uil e parte del sindacato Snals hanno chiesto un'audizione urgente in Parlamento per discutere la stabilizzazione dei docenti precari. Si tratta di tutti quei docenti che sono stati esclusi dal piano di assunzione 2014-2015 perchè solo abilitati, cioè che hanno terminato i percorsi di abilitazione Tfa e Pas ma non risultano vincitori di concorso pur avendo le medesime capacità di insegnamento dei docenti immessi in ruolo. Si tratta di una situazione decisamente scoraggiante per tutti quegli aspiranti docenti competenti che solo per una 'forma' non possono aspirare alla stabilizzazione. E questa situazione potrebbe diventare ancora più critica se a queste persone si affiancheranno coloro che prenderanno parte al prossimo concorsone ma resteranno esclusi dalle immissioni in ruolo, generando nuova confusione per le prossime assunzioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il