BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Tfa 2016 terzo ciclo nuovo: novità su tre livelli e indicazioni prossimi giorni. Novità settimana

Ultime notizie e richieste per prossimo terzo ciclo del Tfa: requisiti previsti per l’accesso e pubblicazione ufficiale del bando forse ad aprile




AGGIORNAMENTO: Vi sono novità importanti che si attendono per questa settimana, così come diverse aperture o per meglio dire confronti almeno su tre aspetti, livelli diverse tra le ultime notizie e novità ad oggi martedì 22 Marzo. Le abbiamo visto oltre che sotto in questo articolo

Sono decisamente poche le novità della settimana sul prossimo ciclo del Tfa 2016: manca, infatti, ancora la data ufficiale di pubblicazione del bando, che era atteso già per lo scorso mese di febbraio. Si era detto che una volta chiusa la partita sui nuovi bandi per il concorso della scuola 2016 ci si sarebbe dedicati al terzo ciclo del Tfa e, presumibilmente, così sarà. Il bando, secondo le indicazioni al momento non confermate, dovrebbe arrivare in primavera, forse per il prossimo mese di aprile. Possono accedere al prossimo Tfa i congelati Ssis in soprannumero e i docenti di ruolo o già in possesso di abilitazione per una classe di concorso diversa da quella che intendono conseguire, coloro che hanno conseguito una laurea vecchio ordinamento e aver fatto esami necessari all’insegnamento; una laurea specialistica o magistrale riconosciuta e crediti necessari all’insegnamento; un diploma Isef valido per l’insegnamento per il Tfa di Scienze Motorie.

Come precisato, però, dal sottosegretario all’Istruzione Faraone, saranno esclusi dal nuovo Tfa neo laureati e laureandi in particolari discipline, a causa delle nuove classi di concorso che sono state definite. E l’Anief si prepara a fare ricorso in tal senso, mentre ulteriori richieste al Miur sono state presentate per la realizzazione di una fase transitoria per i docenti esclusi dal concorsone. E’ stato il M5S a presentare tale richiesta, alla luce dell’incertezza delle assunzioni del nuovo concorsone e del futuro di circa 120 mila insegnanti che non supereranno il concorsone di quest'anno. Per loro le assunzioni dovrebbero slittare ad una nuova fase cui però faranno parte anche i prossimi abilitati del nuovo Tfa e questo potrebbe creare ulteriori confusioni.

Il M5S ha inoltre chiesto lo stralcio del cumulo dei 36 mesi di servizio previsto dal primo settembre 2016. Le ultimissime notizie di questi giorni riguardano invece le dichiarazioni del senatore del Pd Scalia sulla condizione dei docenti precari abilitati Tfa. Il senatore avrebbe, infatti, chiesto al Ministero dell’Istruzione di valutare la possibile messa a punto di un secondo canale di assunzione a tempo indeterminato per gli abilitati dei Tfa, tramite lo scorrimento delle graduatorie, che potrebbe assegnare la cattedra coloro che hanno superato il Tfa  senza la necessità di sostenere nuove prove.

Chi, infatti, ha superato il Tfa, secondo Scalia, ha già dimostrato competenze e conoscenze tali da superare una fase selettiva piuttosto importante, senza considerare che classi di concorso e parte dei programmi sono gli stessi previsti per il concorso della scuola.  Alla luce di queste prerogative, per Scalia il Tfa potrebbe essere equiparato concorso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il