BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni novità oggi anzianità, vecchiaia, usuranti, precoci con pensioni anticipate e flessibilità

Nell'ambito delle novità pensioni viene chiesto di sbloccare il mercato del lavoro e offrire occupazione ai giovani.




Le principali novità pensioni anche di oggi martedì 22 marzo 2016 passano dall'attenzione per chi svolge attività prevalentemente usuranti mentre c'è una situazione di stallo sulle mini pensioni.

Pensioni anticipate, flessibilità. Tra le novità pensioni che continuano a essere al centro dell'attenzione e, anzi, che nelle ultime settimane sta trovando uno spazio sempre maggiore c'è quello delle mini pensioni. In realtà non c'è stata alcuna accelerazione nelle scelte dell'esecutivo, ma è bastato l'annuncio del ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali sull'opportunità per lo Stato di introdurre questo strumento per cambiare le pensioni in Italia, per riaprire il dibattito. Stando all'ultima formulazione, viene prevista l'erogazione di una somma agli over 55 senza lavoro e senza assegno previdenziale, da farsi restituire senza interessi e in maniera integrale.

Legge Fornero, anzianità, vecchiaia. La principale spinta al cambiamento ovvero all'introduzione di novità pensioni passa dalla tutela dei giovani nel segno della staffetta generazionale. Gli interventi introdotti con le norme in vigore hanno introdotto elementi di eccessiva rigidità nell'accesso alla pensione, generando problemi che aspettano una soluzione definitiva.

Secondo i sindacati è necessario un intervento strutturale di riforma che dia certezze ai lavoratori e alle lavoratrici, giovani e meno giovani, e restituisca una parte delle risorse risparmiate sulla loro pelle per riaffermare solidarietà, flessibilità, equità. Le novità pensioni sono considerate urgenti per sbloccare il mercato del lavoro e offrire occupazione ai giovani, penalizzati dall'attuale normativa, sia per il loro futuro pensionistico, che per il sostanziale blocco del turn over in atto.

Usuranti. Ci sono anche i lavori usuranti al centro dell'interesse del gruppo pensioni a Montecitorio e del disegno di legge che prevede l'accesso con qualche anno di anticipo al pensionamento anche per i lavoratori edili e per i lavoratori che svolgono lavori in altezza. E se la carenza di soldi è stata fino a questo momento la ragione per cui non sono state introdotte novità sulle pensioni, nella proposta viene previsto che, se dall'attività di monitoraggio risulti una spesa previdenziale più basa rispetto alle previsioni, con successivo provvedimento legislativo deve essere disposto l'impiego delle risorse non utilizzate per interventi con finalità analoghe a quelle della legge.

Tra le attività usuranti rientrano le lavorazioni svolte da addetti alla cosiddetta linea catena: prodotti dolciari, additivi per bevande e altri alimenti; lavorazione e trasformazione delle resine sintetiche e dei materiali polimerici termoplastici e termoindurenti, produzione di articoli finiti; macchine per cucire e macchine rimagliatrici per uso industriale e domestico; costruzione di autoveicoli e di rimorchi; apparecchi termici: di produzione di vapore, di riscaldamento, di refrigerazione, di condizionamento; elettrodomestici; altri strumenti e apparecchi; confezione con tessuti di articoli per abbigliamento e accessori, confezione di calzature in qualsiasi materiale, anche limitatamente a singole fasi del ciclo produttivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il